Come scegliere le coperture esterne per il giardino

La scelta di una copertura esterna per il giardino deve tenere conto dell’esposizione agli agenti atmosferici: i materiali, pertanto, devono essere resistenti e longevi. Le opzioni che il mercato mette a disposizione sono molteplici, a cominciare dai gazebo, vale a dire padiglioni di dimensioni più o meno ampie che possono essere sfruttati in qualsiasi periodo dell’anno: in estate proteggono dalla luce diretta del sole, mentre in inverno garantiscono il relax di cui si ha bisogno per fumare una sigaretta o per sorseggiare una tisana bollente all’aria aperta. In alternativa, si può optare per le tettoie e per le pergole: in questo caso la copertura stessa costituisce la parte principale della struttura.

Ancora, vale la pena di prendere in esame le caratteristiche e i vantaggi delle tende in tessuto, vale a dire coperture idrorepellenti che, in virtù di questa peculiarità, possono essere sfruttate anche per offrire un riparo dalla pioggia. Esse possono essere munite di un meccanismo di apertura e chiusura manuale o automatico, a seconda dei casi.

Ma quali sono i materiali su cui è meglio puntare? Di certo, con il legno non si sbaglia mai, soprattutto per la sua capacità di resistere all’umidità e per la sua longevità. Soprattutto il legno massello, che viene ricavato dalla parte più interna dei tronchi, è durevole nel tempo e vanta apprezzabili proprietà termoisolanti; si tratta, inoltre, di un materiale traspirante e che non teme le muffe, i funghi, gli insetti o i raggi UV. La sola accortezza di cui ci si deve preoccupare è quella relativa alla manutenzione, che deve essere effettuata con dei prodotti ad hoc per il legno, anche se si sceglie il legno lamellare.

Nella scelta delle coperture esterne per il proprio giardino o per il proprio cortile è importante decidere se si preferisce una struttura a libera installazione o a parete; nel primo caso, inoltre, si deve scegliere tra una struttura ancorata al terreno o autoportante. I gazebo e le pergole, in linea di massima, sono contraddistinti da una forma rettangolare o quadrata: le pergole fino a 2 metri possono essere usate come tralicci per sostenere le piante rampicanti, mentre quando raggiungono i 3 o 4 metri permettono di dare vita ad ambienti ideali per rilassarsi, per pranzare fuori o per svolgere qualsiasi altra attività. Gazebo ancora più grandi, fino a 5 o 6 metri, sono perfetti anche per party, eventi o addirittura posto auto per le macchine.

Pin It

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *