Esame di Stato per Architetti, sezione A – La Prova Grafica, Il tema di Progettazione, esempio completo CASE IN LINEA (con tavola svolta)

Richieste e dati di progetto 

Progettare residenze in linea, in un lotto di dimensioni  90m x 57m. Si dovranno rispettare i seguenti indici: V.E. =10000mc, Sup.coperta massima (Sc)= 1300 mq, Hmax= 13 m, distanza minima dai confini e da filo strada= 5 m.

Il lotto fa parte di un‘area urbana di completamento, confinante con verde pubblico, un centro direzionale e un plesso scolastico.

Definire gli obiettivi di progetto, disegnare planimetria 1:500, piante arredate, sezioni e prospetti 1:100/200 e particolari costruttivi in scala adeguata (significa che va bene sia in scala 1:10 che 1:20).

Considerazioni progettuali

  1. Ragionare sugli accessi all’area e sulle viste da valorizzare.
  2. Pensare alle aree verdi.

Normativa di Riferimento

D.M. 1444/1968 STANDARD RESIDENZIALI

RESIDENZIALI—> 100mc per ogni abitante (80mc per le residenze e 20mc per i servizi della residenza). Ossia 30mq per ogni abitante (25mq per le residenze e 5mq per i servizi della residenza). Ricordate che 25mq x 3,20m= 80mc e che 5mq x 4,00m= 20mc (3,20m e 4,00 sono altezze virtuali da usare esclusivamente nei calcoli, 3,20m per le residenze e 4,00m per i servizi delle residenze).

D.M. 1444/1968 DISTANZA TRA I FABBRICATI

Quando due edifici finestrati si fronteggiano, la distanza tra loro deve essere di almeno 10m.

D.lgs 285/’92 NUOVO CODICE DELLA STRADA

Consideriamo L la larghezza della strada e D la distanza dell’edificio dalla strada.

se L>15m    D = 10m

se 7m<L<15m    D = 7,5m

se L<7m   D = 5m

L.13/’89, dpr 503/’96 NORME SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE

In questo caso, essendo una casa a schiera, dovrete rispondere al requisito di visitabilità e adattabilità.

L.122/’89 LEGGE TOGNOLI, PARCHEGGI

1mq di parcheggio ogni 10mc di costruito

D.M. 5Luglio 1975

Altezze

altezza minima locali di abitazione = 2,70m

altezza minima bagni-corridoi-ripostigli =  2,40m

Dimensioni

  • Cucina abitabile ≥8mq
  • Cucina non abitabile <8mq
  • Soggiorno ≥14mq
  • Camera Matrimoniale ≥14mq
  • Camera Singola ≥9mq
  • Bagno ≥4mq
  • Stanza Pluriuso ≥9mq

Rapporto Aeroilluminante

I locali di abitazione devono avere la Superficie Finestrata >1/8 della Superficie Calpestabile

L.13/’89 SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE

La casa in linea deve rispondere a requisiti di Accessibilità per le parti comuni e Visitabilità per le singole unità immobiliare.

Calcoli Progettuali

St = 90 x 57 = 5130 mq

V.E.= 10000mc

Sc = 1300mq

Hmax = 13m

Ricordo che per ogni abitante = 100mc (RESIDENZA E SERVIZI PER LA RESIDENZA)

V.E./100 = 10000/100= 100 abitanti da insediare

100 ab. x 18mq = 1800mq per attrezzature

100 ab. x 7mq = 700mq per viabilità

1800mq + 700mq= 2500mq di Superficie da cedere al Comune per opere di urbanizzazione

5130mq – 2500mq= 2630mq Area fondiaria (Af) dove potrete costruire il vostro progetto

Ora andiamo a studiare la tipologia in linea, sapendo che la Sc max è 1200 mq.

Ricordiamo che per ogni abitante dovrà avere 80mc per la residenza e 20mc per i servizi della residenza (ad esempio il piano terra porticato ospitante attività commerciali).

100 ab. x 80mc = 8000mc per residenze

100 ab. x 20mc = 2000mc per servizi della residenza

RICORDIAMO CHE 1 PIANO DI UNA CASA IN LINEA = 2000mc, se considerate le misure di 12,5m per il lato corto e 50m per il lato lungo (leggere articolo precedente).

8000mc / 2000mc = 4 piani di linea per residenze (abbiamo ipotizzato 2 linee con due piani residenziali)

2000mc/4,00m = 500mq per servizi della residenza (abbiamo suddiviso i 500mq nelle 2 linee)

Ricordiamo che per i servizi della residenza (per i calcoli) si considera h=4 m.

Tognoli: 8000mc x 1mq/10mc = 800mq di posti auto per residenze

 Tognoli: 2000mc x 1mq/10mc = 200mq di posti auto per servizi della residenza

Abbiamo dunque rispettato i dati di partenza:

V.E.= 10000mc

Sc = 1300mq

Hmax = 13m

Af= 2630mq (trovata durante i calcoli)    

A questo punto, siete pronti per iniziare a disegnare il vostro progetto. Non dimenticate di:

-quotare piante, sezioni e prospetti

-indicare in pianta le sezioni (è buona norma sezionare il vano scala)

-tenere conto che ogni piano può ospitare circa 24-25 persone

-tenere conto dei dati iniziali da rispettare (V.E., Sc, Af che avete trovato dai calcoli)

-il testo non richiede uno specifico particolare costruttivo, quindi disegnate quello che ricordate meglio, quotandolo e descrivendo le parti che lo compongono.

Vi alleghiamo la tavola già disegnata ed una galleria di immagini.

P1060230

Arch. Maria Giulia Petrai

Pin It

32 thoughts on “Esame di Stato per Architetti, sezione A – La Prova Grafica, Il tema di Progettazione, esempio completo CASE IN LINEA (con tavola svolta)

  1. Ciao!
    Molto interessante questo articolo! vorrei fare una domanda se possibile! come mai hai lasciato gli spazi per gli standard urbanistici e la viabilità?! se abbiamo le dimensioni del lotto e ci dice di costruire edifici in linea, perché bisogna inserire anche gli spazi per gli standard urbanistici? non è mica una lottizzazione da fare mi sembra…abbiamo già il lotto e costruiamo dentro no?
    Grazie!

  2. Spiego meglio la mia richiesta…nella tavola che avete inserito vedo il planivolumetrico con due edifici, un parcheggio a raso, le due strade di imbocco ai garage interrati, i percorsi pedonali a terra e le aree verdi…quali sono le superfici lasciate a standard urbanistici e perché le avete dovute lasciare? il motivo è che nel tema c’era scritto che è un’area di completamento? quindi è come se aveste fatto una piccola lottizzazione solo di questo lotto? Perché se questo lotto fa già parte di un piano attuativo teoricamente già dovrebbero essere state lasciate le superfici a standard urbanistici…quindi nel lotto in questione non dovrei lasciarle di nuovo!
    chiedo perché in tante esercitazioni che ho visto sulle case in linea ad esempio nessuno si pone il problema degli standard! inseriscono gli edifici, le recinzioni, i parcheggi e il verde privato degli edifici…fine…quindi vorrei capirci un po’ di più! grazie!

    • Ciao, ti riporto il testo dell’esercizio (II sessione anno 2000, Firenze):
      In un’area urbana di completamento di dimensioni 90m x 57m, confinante con uno spazio a verde pubblico e adiacente ad un centro direzionale e ad un plesso scolastico, progettare un intervento di edilizia residenziale privata con i seguenti parametri St 5130mq, V.E. 1000mc, Sc 1300mq, Hmax 13m, distanze da confini e da filo stradale 5m. Le tipologie degli alloggi dovranno avere sup. lorda tra i 40 e i 110mq. Al piano terra è ammessa la realizzazione di negozi con altezza minima 3,20m.
      Al candidato è richiesto:
      -planivolumetrico scala 1.500 indicando gli accessi agli edifici, la sistemazione esterna e il verde.
      -piante, prospetti e 1 sezione in scala 1:100/200.
      -eventuali schizzi prospettici o particolari costruttivi.

      • Dunque in questo esercizio, secondo noi era necessario calcolare l’area da cedere per trovare l’area fondiaria sulla quale puoi costruire gli edifici. Nelle richieste poi chiede la sistemazione esterna e a verde, quindi per essere ancora più precisi abbiamo calcolato l’area per la viabilità e per le attrezzature, in modo da non lasciare nulla al caso. Naturalemente questa è una guida e si è liberi di non seguirla, sono nostri consigli basati sulla nostra esperienza di studio personale.
        Per altri dubbi scrivici pure,
        TotalDesign

  3. Ah ecco ok ora è tutto chiaro…dice chiaramente che si tratta di un’area urbana di completamento con una St di 5130 mq ecc…quindi si, in pratica questo è un tema di fusione tra quello urbanistico e residenziale…grazie!
    Infatti mi stavano sorgendo dubbi perché sennò ogni volta che ci danno un lotto e dovremmo edificare ogni volta lasciare le superfici a standard urbanistico la vedo dura! 🙂

  4. Ciao Maria Giulia,
    Avrei una domanda sui parcheggi: come si determina quanti vengono interrati e quanti lasciati a raso? Negli esercizi precedenti ho notato che si considera il 50% interrati e il 50% a raso. Ma in questo esempio ne conto solo 18 a raso e i restanti interrati. Questi 18 sono quelli pubblici? Bisogna quindi considerare sia i Parcheggi pubblici (2,5mq/ab) che quelli privati (1mq ogni 10mc) giusto? quindi sarebbero 1000mq per quelli privati (800mq x residenze e 200mq x servizi) + 250mq pubblici secondo gli standard (2,5mq x 100ab.) ??
    Altra domanda: quando ho calcolato la superficie da destinare ai parcheggi, la divido per 12,5mq (5×2,5m) e trovo il numero di posti auto e cosi li disegno? O la superficie trovata include anche gli spazi di manovra ecc??
    Spero di essermi spiegata….

    • Buongiorno, non conosco un metodo per determinare quanti parcheggi devono essere esterni e quanti interrati, solitamente è buona norma distribuirli 50% esterni e 50% interrati. In questo esercizio, ce ne sono solo 18 esterni per una decisione di lasciare più verde. L’importante è che tu scriva nei calcoli, i parcheggi totali.
      Devi considerare anche quelli pubblici, già calcolati quando abbiamo moltiplicato il n° di abitanti per 18mq (2,5 mq sono compresi nei 18mq), e dunque l’area da cedere al comune, ma non li abbiamo disegnati, ci siamo limitati a rappresentare il progetto sull’area fondiaria.
      Quando trovi i mq totali destinati ai parcheggi sembrerebbe logico dividerli per 12,5mq, invece dovresti dividerli per 20mq, comprendendo così anche uno spazio di manovra (invece di fare 5m x 2,5m dovresti considerare 8m x 2,5m, aggiungendo così 3,0m davanti al posto auto). Altrimenti dividi i mq totali per 12,5 e trovi il numero di posti auto e poi disegni gli spazi di manovra ricordandoti che se due file di auto si fronteggiano, occorrono 6m (per questo prima ti ho scritto che devi aggiungere 3m, perchè 3m per una fila di auto e 3m per l’altra fanno 6m).
      Spero di esserti stata di aiuto
      Saluti
      TotalDesign

  5. salve, vorrei chiedervi di allegare le immagini del progetto dato che non sono disponibili. grazie per l’ ottimo aiuto e complimenti!

  6. Ciao, sto seguendo tutte le lezioni e per questa mi è venuto un dubbio..se abbiamo calcolato di fare 4 piani di linee, perchè allora nella parte grafica hai disegnato due fabbricati? Così non ne verrebbero 8? perchè in ogni fabbricato abbiamo due linee…
    Grazie intanto, attendo risposta.

      • Ciao! vorrei mi fosse chiarito un dubbio: quando si parla di H max nei dati di progetto,sia in caso di tetti a falda che piani, a che altezza ci si riferisce?

  7. Ciao a tutti! mi potete chiarire un dubbio??quando nei testi delle prove troviamo H MAX a che altezza del fabbricato ci riferiamo
    intradosso o estradosso dell’ultimo solaio per tetti piani??e per tetti a falda?? grazieeee

      • ciao, come ti avevo detto, in un tetto a falda l’H max è la media tra altezza al colmo e altezza in grondo. In un tetto piano beh dovresti vedere i regolamenti edilizi ma solitamente si considera l’intradosso dell’ultimo solaio

  8. Buongiorno!vorrei chiarimenti a proposito dei parcheggi riservati al commercio(se la traccia lo chiede)…li calcolo seguendo le indicazioni della Tognoli o secondo gli standard del dm 1444/68?grazie

  9. Pingback: Prepararsi all'esame di stato per architetti | Mutuo prima casa

  10. buonasera,
    scusate la domanda ma solo io considero errato realizzare edifici con tutti i bagni ciechi?! se dovessi farlo durante la prova vera e propria non rischierei di essere bocciato ?!
    boh? a me sembra folle…

    • dipende dal regolamento edilizio e dalle normative ASL locali. In ogni caso se possibile è meglio evitare

  11. salve, vorrei soltanto far notare che nel disegno delle piante (al centro della tavola in alto) è stato riportata la quota di 50 m per il lato lungo.. E’ ovviamente sbagliato e tale errore può portare nell’esecuzione di un elaborato simile ma con dimensioni completamente sbagliate (cioè quello che mi è successo a me -.-”) in poche parole ho realizzato tre piante per ogni piano tipo, ma di dimensioni 50×12,40 e no di 25×12,4. Ciò mi ha portato alla realizzazione di ambienti enormi =/ a metà tavola, con pianta e un prospetto già realizzati mi resta solo di esercitarmi a realizzare solo la sezione e la prospettiva.

  12. Salve, rispetto a questo post non riesco a compendere come sia possibile mettre due linee da 50ml l’una in un lotto che è lungo 90m?

    grazie mille anticipatamente a chiunque mi risponderà

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *