L’arredamento industriale

Che cos’è l’arredamento industriale

L’arredamento industriale si caratterizza per un design particolare, basato su linee sobrie, essenziali e nette: in questo modo gli arredi sono funzionali, assolutamente basici e fatti di materiali resistenti. Ciò non deve stupire perché, proprio come suggerisce il nome, l’obiettivo di questo stile d’arredo consente di riutilizzare i complementi di arredo le cui originali destinazioni d’uso erano le fabbriche e i contesti pubblici. Di conseguenza l’ambiente ha un’atmosfera tecnica e dalle linee severa tipica di un settore meccanico e professionale, come una catena di montaggio. In alternativa è possibile inserire nella stanza alcuni elementi distintivi industrial che spiccano all’interno dell’arredamento dando eleganza e modernità all’ambiente.

L’arredamento industriale e le sue caratteristiche

L’arredamento industriale ha conosciuto un grande successo ed è sempre più apprezzato grazie alle sue caratteristiche: infatti è moderno, dinamico e allo stesso tempo estroso.

I mobili sono dotati di una robusta semplicità e di un fascino grunge che consente loro di essere inseriti in qualunque ambiente, dal salotto alla cucina, dal bagno alla camera da letto in maniera molto originale. L’arredamento industriale ripropone lo stile vintage in chiave moderna e con stile esclusivo. Ad esempio si può adottare un tavolino basso in legno scuro con inserti decorativi di ferro battuto oppure un divano Chesterfield in elegante pelle nera. Si tratta di una delle interpretazioni dell’interior design più in voga, nata negli anni Cinquanta a New York, quando si decise di riqualificare i vecchi spazi industriali (fabbriche, magazzini o depositi abbandonati) in loft.

La tendenza ebbe una grande diffusione, prima in Europa e poi in tutto il mondo, per diventare nuovamente di moda negli ultimi anni. Al giorno d’oggi è tra gli stili d’arredo più amati dai giovani, in quanto spartano ed essenziale, dal sapore retrò e dall’aria vissuta.

I materiali usati per gli arredi industriali

Proprio perché devono avere un’anima minimalista e grezza (vedi anche arredare coi bancali), gli arredi industriali impiegano in particolare alcuni colori e materiali: infatti sono privilegiate le tonalità scure, il ferro battuto, il e la pelle. In questo modo si riescono a creare ambienti interni simili a quelli di un contesto industriale o di un garage.

L’arredamento industriale deve valorizzare al meglio una stanza mostrandone la struttura e i materiali da costruzione impiegati: di conseguenza i punti cardine di questo interior design sono basic e sono i materiali grezzi a diventare i vettori di attrazione delle persone che entrano nell’abitazione. La bellezza assolutamente semplice ed essenziale del legno scuro e del ferro battuto fa diventare attuale il vintage e consente non solo di arredare ma anche di decorare in modo efficace ed elegante l’ambiente.

La stanza, quindi, è al tempo stesso accattivante, originale e dotata di grande personalità. Infatti la scelta dell’arredamento industriale è decisamente consigliata a chi possiede una personalità creativa e di carattere, ama i pezzi unici e originali e guarda al passato con un misto di ammirazione e di nostalgia. In più l’ambiente comunica una sensazione di solidità e robustezza, in quanto i materiali usati per i mobili sono molto resistenti e hanno un look deciso e marcato. Hanno un taglio assolutamente contemporaneo grazie alla loro silhouette metropolitana, elegante e semplice: anche se spesso hanno un’aria vissuta, il loro aspetto è sempre curato dal punto di vista estetico.

Ad esempio le superfici dei mobili possono essere sbeccate oppure presentare graffi, macchie o imperfezioni: in questo modo il pezzo d’arredo inserito nella stanza diventa assolutamente unico e irriproducibile. Le librerie, i divani, le cassettiere, le sedie e le poltrone hanno per lo più una struttura in legno naturale, grezzo oppure multicolor: in quest’ultimo caso i mobili si caratterizzano per il loro aspetto volutamente usato. Sono quindi comuni i graffi e le scrostature di vernice, così da far immaginare storie, aneddoti e segreti.

Adottare lo stile industriale nei vari ambienti di casa: le soluzioni a disposizione

L’arredamento industriale è estremamente versatile, quindi si inserisce molto bene non solo all’interno dei loft metropolitani o degli appartamenti open space, ma anche generi di abitazioni più comuni. L’importante è che i mattoni, i pilastri e i tubi rimangono a vista.

In un open space si possono adottare un tavolino basso in ferro battuto con impilati giornali e riviste, lampade da tavolo e una treppiede da terra nell’angolo dal quale si può diffondere una luce calda e soffusa in tutta la stanza. Per una decorazione originale, si può appendere una bici alla parete: infatti l’arredamento industriale deve essere assolutamente personale e rispondente ai propri gusti. È importante che ai muri vi siano decorazioni d’effetto e/o un orologio di ferro battuto di grandi dimensioni. Per quanto riguarda gli altri ambienti di casa, è consigliata la scelta attenta e ponderata dei complementi d’arredo più consoni e creati. Ad esempio per il salotto, il soggiorno e le zone living sono da preferire l’acciaio, la pietra e il legno, oltre ai toni del verde, del blu e del grigio usurati dal tempo. Fondamentale è l’inserimento di decorazioni, accessori e dettagli vintage di grande effetto, come schedari, una macchina da scrivere oppure orologi retrò da parete. Invece in cucina si opta per uno stile vintage chic che deve tener conto della funzionalità dell’ambiente: per questo si deve curare in maniera particolare l’illuminazione, adottando sopra il tavolo alcune lampade a sospensione. Sono un elemento distintivo dell’arredamento industriale e si caratterizzano per il loro basso consumo di energia e le loro linee semplici. Il punto focale della stanza è il tavolo, da cucina, che deve essere d’acciaio o di legno e integrato da sedie minimal oppure da panche in legno grezzo o da sgabelli da bar. Infine in camera da letto si adotta un letto in ferro battuto e si decorano le pareti con stampe e stickers.

Pin It

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *