TotalDesign https://www.totaldesign.it Portale italiano sul design e la grafica Fri, 22 Mar 2019 14:42:57 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=4.9.10 Ceramiche bagno https://www.totaldesign.it/ceramiche-bagno/ https://www.totaldesign.it/ceramiche-bagno/#respond Fri, 22 Mar 2019 08:35:44 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9687 Ceramiche vietresi bagno Le ceramiche vietresi sono un prodotto italiano di altissima qualità e di gran pregio. Questa maiolica di produzione artigianale è tipica di Vietri sul Mare ed è in grado di trasformare ogni ambiente in uno scenario da sogno. Se cerchi un rivestimento particolare per il tuo bagno, le ceramiche vietresi sono la […]

L'articolo Ceramiche bagno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
bagno in ceramica vietrese

bagno in ceramica vietrese

Ceramiche vietresi bagno

Le ceramiche vietresi sono un prodotto italiano di altissima qualità e di gran pregio. Questa maiolica di produzione artigianale è tipica di Vietri sul Mare ed è in grado di trasformare ogni ambiente in uno scenario da sogno. Se cerchi un rivestimento particolare per il tuo bagno, le ceramiche vietresi sono la scelta giusta. I colori e i disegni trasformeranno il tuo bagno in una sorta di piccola oasi di pace dove rilassarsi al termine di una lunga giornata di lavoro e in cui ricordare il sole, il mare e i panorami della costiera amalfitana e la bellezza del Sud Italia.

Marazzi ceramiche bagno

Il brand Marazzi offre un gran numero di soluzioni per il tuo bagno e per il rivestimento doccia. Ecco le linee ceramiche Marazzi tra cui scegliere:

  • D-Segni Scaglie: questa linea si ispira al seminato veneziano e grazie alla presenza all’interno di scaglie di marmo lucide e opache crea interessanti giochi di luce sulla superficie. Esistono 6 varianti di colore, in abbinamento a sei decori tappeto e ad una decorazione mix realizzata con quindici soggetti diversi. Le ceramiche sono antiscivolo e resistenti all’abrasione profonda.
  • Art: estremamente innovata e realizzata in 5 toni cementizi, che abbandonano i grigi assoluti ed assumono sfumature tendenti al bianco, al verde o al fango. Scaglie o frammenti di marmo di diverse dimensioni creano sulla base cementizia soavi discromie dall’effetto molto naturale.
  • Alchimia: questo rivestimento in pasta bianca Marazzi a spessore sottile ha un’eleganza essenziale. Trae ispirazione dai micro-cementi, materiali con la grana molto fine con tocchi sabbiosi che creano un suggestivo effetto di micro-pixel brillanti. È disponibile in 4 tonalità: fango, grey, white e greige.
  • Apparel: tonalità neutre, superficie morbida, spatolata, ma dal sapore contemporaneo. Questa collezione molto versatile s’ispira ai cementi stesi a mano.
  • Eclettica: il colore è il vero protagonista di questa collezione che si distingue dalle altre per una vibrante energia cromatica. Otto tinte unite ispirate ai trend della moda, per una palette seducente impreziosita anche da un’ampia gamma di strutture 3D, vivaci decori, un mosaico. Scegli il colore che più si addice alla tua personalità.
  • Mystone Basalto: ispirata alla pietra lavica e contraddistinta da una struttura compatta, è disponibile in 4 colori: pomice, sabbia, piombo, lava.
  • Appeal: effetto cemento dalla bellezza e praticità multiforme. Disponibile in 5 colori.
  • Grande Marble Look: l’eleganza classica di 13 marmi tradotta in gres. Superfici lucide e opache e un irresistibile look contemporaneo.
  • Pure: purezza e luminosità attraverso una vibrazione di bianchi con finitura satinata e lucida.
  • Outfit: rivestimenti effetto tessuto. Brillante superficie ceramica ispirata a tessuti Kilim o Jacquard.
  • Mist: effetto pietra dal sapore antico
  • Fabric: si ispira alle fibre naturali di cui riprende texture e tonalità di base. Disponibile in 5 colori.

Ragno ceramiche bagno

Il brand Ragno offre infinite soluzioni adatte ad ogni stile di bagno. Scopriamo le collezioni più interessanti:

  • Abitare: riscoprite il passato con gusto e raffinatezza. Stupendi accostamenti di colore, geometrie e decori delle graniglie di inizio secolo vengono rivisitati in chiave contemporanea. Utilizzabili sia per pavimento che come rivestimento. Disponibili in 6 tonalità.
  • Cocciopesto: base satinata con effetti materici molto realistici. Disponibile in 5 tonalità naturali e contemporanee.
  • Woodspace: gres porcellanato ispirato a pregiate pavimentazioni in quercia, ai classici parquet dei palazzi storici. Colori sofisticati, nodi e venature mostrano il sapore autentico del tempo passato. Quattro tinte naturali: bianco, beige, marrone e tortora.
  • Brass: l’intensa brillantezza del metallo acidato e l’ ispirazione alle lavorazione industriali per giungere a soluzioni in stile Urban.
  • Trama: un rivestimento contemporaneo che nasce dall’esplorazione grafica e materica del tessuto. Ricercata palette cromatica di tonalità neutre e colori accesi.
  • Craft: intreccio creativo che narra una raffinata modernità. Disegni ispirati alle antiche cementine e motivi geometrici con sfumature tonali.
  • Candy: una ceramica brillante e vetrosa dal bordo leggermente spesso. Richiami ai colori e alle decorazioni delle antiche maioliche, rivisitati, per un perfetto mix di modernità e tradizione.
  • Ottocento: gusto contemporaneo in tonalità fredde e calde.
  • Rewind: forte personalità, colori ricercati, piastrella dal formato esagonale.
  • Eden: effetto maiolica, colori neutri e naturalezza delle forme. Variazioni cromatiche tono su tono e bordi rovinati per esprimere i segni del tempo sono i punti di forza di questa collezione.

FAP ceramiche bagno

FAP ceramiche propone piastrelle per il bagno che coniugano tradizione ed innovazione, per soddisfare le richieste anche dei clienti più esigenti. La mission di quest’azienda è quella di creare prodotti che possano riflettere sul bagno la personalità di chi abita la casa.

Le collezioni FAP sono il perfetto connubio fra il patrimonio della tradizione ceramica e la ricerca del design contemporaneo. FAP ceramiche è il perfetto mix tra qualità tecnica e creatività, in un equilibrato mix di tradizione e modernità. Con  questo brand realizzare un rivestimento da sogno non è un lusso per pochi, ma un’occasione reale per tutti.

Il catalogo comprende 30 collezioni che rappresentano l’unione tra il patrimonio della tradizione ceramica e la ricerca del design contemporaneo. Piastrelle lucide o satinate, decorate, colorate, riproduzioni fedeli di marmi, pietre e legni, mosaici: ecco gli ingredienti per realizzare il bagno dei tuoi sogni. Puoi scegliere sia i tradizionali formati che piastrelle di grandi dimensioni con bordi squadrati per realizzare pareti continue e senza fughe.

 

Iris ceramiche bagno

Per arredare il tuo angolo di benessere Iris ceramiche propone numerose varianti in ceramica o gres porcellanato. Se il tuo bagno è semplice ed essenziale o ami lo stile minimal, la linea Ground è ciò che cerchi. Se ami suggestioni marine ma raffinate, la linea Arqui è perfetta per il tuo bagno.

Naxos ceramiche bagno

Naxos è il perfetto connubio tra ricerca, creatività ed innovazione con il fine di proporre ceramica da rivestimento adatta a soddisfare anche le più raffinate tendenze d’arredo. Colore, struttura e profondità sono le tre caratteristiche di ogni collezione di questo brand. Le ceramiche Naxos sono igieniche, anallergiche e riciclabili. Ecco le linee più interessanti proposte da Naxos:

  • Alloy: rivestimenti che esprimono l’estetica del metallo e le sue metamorfosi più suggestive.
  • Argille: una linea raffinata che gioca sull’accostamento tra i colori della natura e i disegni delle pavimentazioni rinascimentali. Superfici effetto matte ispirate al cemento in tinte morbide e naturali.
  • Build: l’essenza della pietra leccese capace di adattarsi a qualsiasi spazio abitativo, senza dimenticare il design moderno.
  • Clio: ideale per chi ama il contemporaneo- 3 colori freddi e 3 caldi, atmosfere zen, linee essenziali, giochi geometrici.
  • Inside: superficie calda, morbida al tatto.
  • Living rock: ideale per chi ama i colori e le suggestioni delle isole mediterranee di origine vulcanica. Linee decise, materiali che ricordano la roccia magmatica. Il risultato? Ambienti minimal ed eleganti ma dalla forte personalità.

 

L'articolo Ceramiche bagno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/ceramiche-bagno/feed/ 0
Piastrelle bagno https://www.totaldesign.it/piastrelle-bagno/ https://www.totaldesign.it/piastrelle-bagno/#respond Thu, 21 Mar 2019 15:11:47 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9666 In un bagno la scelta delle piastrelle è fondamentale, sia dal punto di vista estetico che da quello funzionale. Dal pavimento alle pareti, le piastrelle hanno un forte impatto sulla stanza e ci permettono di dare all’ambiente anche un tocco personale.ce Come scegliere le piastrelle bagno Selezionare le piastrelle richiede pianificazione. Ecco gli elementi da […]

L'articolo Piastrelle bagno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Piastrelle bagnoIn un bagno la scelta delle piastrelle è fondamentale, sia dal punto di vista estetico che da quello funzionale. Dal pavimento alle pareti, le piastrelle hanno un forte impatto sulla stanza e ci permettono di dare all’ambiente anche un tocco personale.ce

Come scegliere le piastrelle bagno

Selezionare le piastrelle richiede pianificazione. Ecco gli elementi da considerare:

  • Dimensioni delle piastrelle: Grandi, piccole o a mosaico? Valutate bene le dimensioni del vostro bagno e l’altezza del soffitto. Se scegliete piastrelle grandi, ad esempio, il vostro bagno sembrerà più ampio. La grandezza varia anche in base alla posizione, a seconda che siano piastrelle da rivestimento parete o per la pavimentazione o per rivestire lo spazio doccia. Per dare un senso di continuità e non scadere nella banalità, optate per set coordinati, anche di diverse larghezze, ma stesso materiale come ceramica e gres e dalle stesse finiture. Perfette per il box doccia sono le piastrelle a mosaico, abbinabili a un pavimento dello stesso colore. Per la parete puntate, invece, al contrasto cromatico e al formato medio, ma sempre a piastrelle della stessa gamma.
  • Altezza mezza bellezza: fino a che altezza volete le piastrelle? Se preferite un look classico potete fermarvi a 3/4 . Al contrario una parete completamente rivestita conferirà al vostro bagno un tocco moderno.
  • Pulizia e materiali: il bagno deve essere l’ambiente più pulito della casa. Le piastrelle rendono più semplice la pulizia, ma prestate attenzione ai materiali. Mentre le piastrelle in pietra catturano maggiormente lo sporco, quelle in ceramica sono più semplici da pulire. Il bagno è l’ambiente in cui umidità, bagnato e calpestio si mescolano diventando acerrimi nemici dei rivestimenti. Per facilità di pulizia, optate per piastrelle resistenti ai solventi chimici. Assicuratevi che la qualità delle piastrelle sia alta in merito a usura, abrasioni, macchie, carico e resistenza.
  • Unico punto focale: nella scelta delle piastrelle potete dar libero sfogo alla vostra creatività e divertirvi, magari aggiungendo un po’ di colore o un design particolare. Meglio però mantenere i rivestimenti neutri e preferire un unico dettaglio particolare.
  • Tre è il numero perfetto: se volete osare e puntare a creare uno schema più complesso, limitatevi a un numero massimo di tre tipi diversi di piastrelle (uno per il pavimento, uno per le pareti e uno per i dettagli). Per evitare un effetto pesante e disarmonico, scegliete un’unica palette di colori.
  • I colori contano: le tonalità hanno il potere di modificare almeno apparentemente le caratteristiche dell’ambiente. Scegliere quella giusta è un’impresa ardua, ma anche divertente. Prediligete colori neutri, palette sobrie ed evergreen dei bianchi, grigi ghiaccio e legni, ma potete anche osare con pattern estrosi, in piccoli dosi e con una logica di mix&match non troppo forzata. Scegliete secondo i vostri gusti personali e la vostra creatività. Potete anche orientarvi per piastrelle stampate e decorate. A prescindere dalle tendenze, preferite colori chiari se la stanza non è troppo ampia. Al contrario, in caso di grandi ambienti, sbizzarritevi con colori più scuri.
  • Il tipo di piastrella: i materiali in commercio sono veramente tanti. Ceramica e gres porcellanato sono le soluzioni migliori. Spessori ultrasottili e dimensioni oversize sono comode nel caso in cui si intendesse posarle su un vecchio pavimento o rivestirlo senza smantellarlo. Anche la pietra naturale è di gran tendenza e presenta numerose varianti.
  • Scivolosità: In bagno, si sa, il rischio di scivolare è sempre in agguato, soprattutto dopo la doccia. Per evitare l’inconveniente, ricordate di controllare i coefficienti di scivolosità, normalmente indicati con il valore di “R”. È consigliabile scegliere piastrelle con valore R9.

Bagno senza piastrelle

La tendenza attuale mostra l’abbandono dell’utilizzo delle tradizionali piastrelle per rivestimenti diversi. Si tratta di una scelta che rende il bagno creativo ed originale e punta all’utilizzo di materiali ecologici ed alternativi, ma comunque funzionali. Il bagno senza piastrelle è ideale per chi ama gli spazi continui, senza interruzioni. Resina, smalti, vernici, sono resistenti e facili da pulire. Sono di semplice manutenzione e sono facilmente rimovibili rispetto alle piastrelle, nel caso in cui di una ristrutturazione futura del bagno.

Se desideri un bagno senza piastrelle, ecco le alternative possibili:

  • Pareti in resina, spesso abbinate a un pavimento di parquet. La resina è resistente all’umidità ed igienica; si adatta a vari stile decorativi e prevede numerose colorazioni. Dura nel tempo ed è impermeabile.
  • Rivestimenti in smalto sintetico o vernici, idrorepellenti e semplici da pulire. Si tratta di una scelta economica ed è possibile scegliere tra varie colorazioni ed effetti.
  • Microtopping, ovvero cemento miscelato a un polimero particolare. Si tratta di una scelta ecologica e non inquinante. Facile da mettere in posa. Può essere applicato su un rivestimento preesistente.

Per quanto riguarda il colore, dipende sia dal gusto che dalla luminosità del vostro bagno. Potete optare per:

  • Il grigio che abbinato a una pavimentazione in parquet è elegante e raffinato.  Vedi anche l’articolo sul parquet grigio.
  • Il bianco per un effetto minimal e abbinarlo al legno. Vedi l’articolo sul parquet bianco.
  • Senza cambiare i rivestimenti, si può decidere di cambiare colore di una o più pareti, evitando le tinte scure negli ambienti non spaziosi. Potete usare pitture idrorepellenti ed optare per colori accesi per dare un look moderno al vostro bagno senza piastrelle.

Piastrelle adesive bagno

Le piastrelle adesive sono alleate alternative dell’edilizia moderna, grazie alla facilità di posa e alla varietà di colori e decori  che le rendono adatte per qualsiasi stile. Le piastrelle adesive sono composte principalmente da plastica e il loro aspetto varia a seconda delle esigenze estetiche. Utilizzandole è possibile imitare ogni tipologia di materiale. In commercio si trovano sia piastrelle autoadesive sia quelle che necessitano di colla al silicone. Sono adatte per ambienti umidi come il bagno. La loro caratteristica struttura permette di assorbire rumori e passi. Per sapere la quantità di piastrelle da comprare è necessario moltiplicare larghezza della superficie da rivestire per la sua lunghezza. Vi consigliamo di acquistarne il 10% in più per eventuali tagli e angoli smussati.

Ecco i vantaggi delle piastrelle adesive:

  • Praticità della posa
  • Vasta gamma di colori e decori
  • Costo economico (dai 7 ai 35 euro al mq)

Ecco invece gli svantaggi:

  • Soggette all’usura
  • Soggette ad agenti chimici
  • Invecchiamento precoce
  • Il colore sbiadisce in fretta
  • Resistenza inferiore rispetto ai materiali tradizionali
  • Maggiormente esposte a infiltrazioni

Piastrelle bagno prezzi

In commercio esistono diverse tipologie di piastrelle tra cui scegliere. Ecco i prezzi delle piastrelle bagno consigliate dagli esperti:

  • Monocottura 9-10 € al m2
  • Bicottura 13-15 € al m2
  • Gres porcellanato 15-40 € al m2
  • Cotto 35-70 € al m2

Ai prezzi indicati bisogna aggiungere il costo della manodopera.

Le prime piastrelle proposte sono smaltate e come dice il nome subiscono una solo cottura. Sono molto usate per le pavimentazioni dei bagni, anche se non hanno un’alta resistenza ai flussi d’acqua. Le piastrelle in bicottura, invece, subiscono una doppia cottura: una per il supporto e la seconda per lo smalto. Si presentano come piastrelle lucide e brillanti, ma molto delicate. Sono più indicate per le pareti del bagno. Le prime due tipologie proposte sono le più economiche. Il gres porcellanato è un tipo di ceramica ottenuto tramite pressatura. Il risultato sono piastrelle resistenti e che imitano diversi tipi di materiali: legno, marmo, etc. I prezzi sono di gran lunga più alti. Infine, le piastrelle in cotto vengono prodotte per estrusione. Consentono uno stile classico al bagno  e la superficie non è smaltata. I prezzi sono molto alti, e per questo motivo, vengono spesso usate in combinazione con altre piastrelle.

Per capire l’esatta quantità di piastrelle da acquistare dovete calcolare l’area totale da ricoprire. Se vuoi applicarle su pavimenti e pareti, i prezzi saranno alti. Una soluzione per risparmiare è usare le piastrelle solo per il pavimento, mentre le pareti potete optare per una pittura lavabile resistente all’umidità.

Piastrelle bagno mosaico

Il mosaico è il protagonista indiscusso per la finitura di pavimenti e rivestimenti nel bagno, grazie alla sua estetica intramontabile. Il mosaico è un rivestimento estremamente funzionale e con ottime prestazioni. Scegliere il mosaico per il bagno è una scelta vincente e non passa mai di moda. Il primo elemento da considerare è il colore, deve essere scelto in base alla luminosità del bagno, al proprio gusto personale e all’effetto che si vuole creare.

Se il bagno è piccolo, optate per un colore chiaro. Se il bagno è di grandi dimensioni e ha più finestre, osate con colori scuri.

Il mosaico si adatta a qualsiasi stili d’arredo, dal rustico al minimal fino allo shabby chic. Oggi i materiali usati per i rivestimenti in mosaico in bagno sono:

  • Vetro: l’infinita gamma di colori e la trasparenza consentono effetti molto belli
  • Pietra e marmo: perfetti per ambienti rustici ma anche minimal
  • Gres porcellanato: resistente e di moda
  • Ceramica: materiale intramontabile, nobile ma sempre attuale
  • Legno: delicato come materiale
  • Metallo: per chi cerca un design d’impatto

Per quanto riguarda la forma delle tessere del mosaico, potete scegliere da quelle classiche a quelle stravaganti: formato quadrato, rettangolo fino a forme irregolari, molto richieste per geometrie inusuali come triangolo, cerchio, esagono.

Piastrelle bagno Leroy Merlin

Leroy Merlin offre un’ampia possibilità di scelta. Troverete soluzioni per ogni tipo e ed ogni stile di bagno. Per chi ama lo stile minimal e chic, la scelta giusta è la piastrella North Wind in bianco (super economica) o la piastrella Gatsby in grigio o nero. Per chi ama la creatività e i colori, la piastrella Agadir Fiordaliso è l’ideale o in alternativa la piastrella Art Deco. Se amate le infinite sfumature dell’oceano, per il vostro bagno scegliete la Piastrella Astuce in blu o verde acqua.

L'articolo Piastrelle bagno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/piastrelle-bagno/feed/ 0
Design for rent: noleggio arredamento https://www.totaldesign.it/noleggio-arredamento/ https://www.totaldesign.it/noleggio-arredamento/#respond Tue, 19 Mar 2019 08:11:29 +0000 http://www.totaldesign.it/?p=5998 Design for Rent è una rinomata azienda che si occupa di noleggio arredamento, un servizio moderno e sempre più gettonato il quale può rivelarsi ideale per molte diverse necessità. I servizi di noleggio arredamento vengono richiesti da committenti che presentano esigenze molto diverse, vediamo dunque quali sono quelle più consuete. Noleggio arredamento per stand fieristici […]

L'articolo Design for rent: noleggio arredamento sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Design for Rent è una rinomata azienda che si occupa di noleggio arredamento, un servizio moderno e sempre più gettonato il quale può rivelarsi ideale per molte diverse necessità.
I servizi di noleggio arredamento vengono richiesti da committenti che presentano esigenze molto diverse, vediamo dunque quali sono quelle più consuete.

Noleggio arredamento per stand fieristici

Anzitutto, il noleggio di arredamento si rivolge alle aziende che allestiscono degli stand nell’ambito di fiere: eventi di questo tipo si stanno diffondendo sempre più in tutto il mondo, essendo effettivamente delle opportunità di promozione e di Marketing davvero molto interessanti.
Per catturare l’attenzione del pubblico, e anche per offrire un’immagine positiva ed affidabile del brand, la cura dell’arredamento è importante, di conseguenza non stupisce il fatto che aziende specializzate come Design for Rent siano contattate molto spesso per necessità di questo tipo.

Altre esigenze di noleggio arredamento

Il servizio di noleggio arredamenti è assai consueto anche per quel che riguarda l’organizzazione di congressi ed eventi di altro tipo: è proprio in contesti di questo tipo, infatti, che in genere si necessita di arredamenti specifici e dalla particolare estetica, arredamenti che ovviamente non converrebbe acquistare, dal momento che tali eventi hanno una durata limitata ad alcuni giorni, o al massimo ad alcuni mesi.
Se ci si chiede chi può necessitare di un servizio di noleggio mobili, ad ogni modo, le risposte possono essere tantissime: particolari mobili sono noleggiati, ad esempio, per realizzare delle riprese cinematografiche o per realizzare dei filmati, allo stesso tempo vengono richiesti dei mobili in noleggio anche da aziende desiderose di allestire, nei loro punti vendita, delle vetrine di grande impatto.

Il Dinner Design: che cos’è?

Tra le varie esigenze che possono esservi alla base di un servizio di noleggio arredamento vi è anche il cosiddetto Dinner Design, scopriamo subito di cosa si tratta.
Il Dinner Design è sostanzialmente quel tipo di noleggio relativo a eventi in cui sono previste delle cene, dei pranzi, dei rinfreschi, degli aperitivi: in simili contesti, dunque, al tradizionale noleggio di arredamento deve essere associato il noleggio di tovaglie, posate, bicchieri e di quant’altro di utile in contesti simili.
Per chi ha esigenze di questo tipo è sicuramente molto più vantaggioso affidarsi ad un’unica azienda, piuttosto che richiedere il noleggio dei mobili e degli accessori per catering a due imprese differenti, e ovviamente per soddisfare esigenze di questo tipo un’azienda deve essere specializzata in proposte simili.

Cosa noleggiano le aziende che offrono questo servizio?

Le aziende che offrono dei servizi di noleggio arredamento possono proporre davvero di tutto, a cominciare dagli elementi d’arredo più tipici, dunque divani, poltrone, tavoli, tavolini, pouf e altro ancora.
Ai mobili propriamente intesi vanno aggiunti tutti gli articoli che consentono di delimitare degli ambienti, dunque ad esempio pareti modulari, pareti attrezzate o dei semplici divisori.
Per quel che riguarda tali articoli, Design for Rent propone anche i cosiddetti Viewbox, delle strutture per uso interno o esterno che si rivelano delle vere e proprie stanze, dei container modulari che per estetica ed accuratezza non hanno nulla da invidiare agli immobili.
Tra i prodotti che possono fornire le aziende specializzate vi sono inoltre pavimenti, decorazioni, sistemi di illuminazione, banconi, leggii, vasi con relative piante e tanto altro ancora.

Cosa deve comprendere un buon servizio di noleggio arredamento

Un valido noleggio di arredamento deve certamente essere in grado di offrire, a chi lo richiede, una ricca gamma di servizi supplementari che vanno al di là del noleggio propriamente inteso.

Design for Rent, perfettamente consapevole di tale aspetto, ha perfezionato nel corso degli anni un servizio inappuntabile e completo, il quale include le attività di progettazione, affidate agli esperti dell’azienda, il trasporto dei materiali noleggiati, l’installazione, sempre minuziosamente supervisionata dai Production Manager dell’azienda, e ovviamente anche lo smontaggio e il trasporto finale.

Per quel che riguarda i clienti che richiedono servizi di noleggio arredamento per fiere ed eventi, inoltre, Design for Rent può occuparsi anche di aspetti organizzativi, dunque ad esempio dell’individuazione della location più adatta.

Il noleggio di arredamento è dunque un servizio sempre più attuale: chi lo richiede, soprattutto per quel che riguarda l’allestimento di fiere ed eventi, pretende degli elementi d’arredo e delle decorazioni di qualità eccelsa, oltre ovviamente a vaste opportunità di scelta e a un servizio completo, anche da punto di vista logistico, e Design for Rent sa offrire le più solide garanzie grazie alla sua profonda esperienza nel settore.

L'articolo Design for rent: noleggio arredamento sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/noleggio-arredamento/feed/ 0
Quanti tipi di rilevatori di gas esistono? https://www.totaldesign.it/rilevatori-di-gas/ https://www.totaldesign.it/rilevatori-di-gas/#comments Mon, 18 Mar 2019 15:40:09 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9621 Quando state per acquistare un rilevatore di gas per casa vostra o per il camper, l’importante è sapere cosa scegliere e cosa monitorare prima dell’acquisto, a seconda delle vostre esigenze. Ecco le differenze principali da tenere in considerazione. Rilevatore monogas o rilevatore multigas Esiste infatti quasi un rilevatore per ogni tipo di gas, in grado […]

L'articolo Quanti tipi di rilevatori di gas esistono? sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Fornello GasQuando state per acquistare un rilevatore di gas per casa vostra o per il camper, l’importante è sapere cosa scegliere e cosa monitorare prima dell’acquisto, a seconda delle vostre esigenze.

Ecco le differenze principali da tenere in considerazione.

Rilevatore monogas o rilevatore multigas

Esiste infatti quasi un rilevatore per ogni tipo di gas, in grado quindi di rilevare il determinato gas presente nell’abitacolo, sia esso mobile o una casa. Quindi un apparecchio capace di riconoscere metano, gpl o monossido di carbonio (rilevatori monogas). Se invece avete i rilevatori più sofisticati, oltre a essere in grado di segnalare diversi tipi gas (rilevatori multigas), questi possono essere collegati ad apposite elettrovalvole, al fine di interrompere autonomamente le emissioni nocive; quelli più semplici invece si limitano alla segnalazione della perdita.

Rilevatori fissi o portatili

Sembra sciocco, ma anche in questo ambito si ha la possibilità di scegliere tra i rilevatori di gas fissi, utilizzabili sia all’interno (presso abitazioni, uffici, locali…) che all’esterno (per il monitoraggio delle polveri sottili o dei gas presenti nelle vie della città), che mobili, per lo più per utilizzi professionali, per il check momentaneo di spazi. Il vantaggio che hanno queste tipologie di rilevatori è che non necessitano di particolare manutenzione e sono particolarmente leggeri. Di contro l’utilizzo di questa variante portatile è piuttosto “breve” poiché alimentata da una batteria con una durata limitata, quindi come già detto, più utile per controlli estemporanei.

Rilevatori con o senza fili

Questa volta si parla di alimentazione, che è strettamente collegata alla tipologia del rilevatore che volete utilizzare (vd. fissi/portatili). Quelli senza fili, hanno il limite della durata, sia di utilizzo che di ricarica, pertanto anche se sono di più facile uso, poiché semplici da posizionare, devono essere monitorati costantemente per poter provvedere con la sostituzione tempestiva delle stesse. Più comodo se volete optare per le modalità batteria, i rilevatori dotati di batterie a litio, in grado di durare tanto quanto la vita del rilevatore stesso.

Principali tipologie di rilevatori di gas

Come detto esistono vari tipi di rilevatori, tra i più utilizzati troviamo quelli per il monossido di carbonio, il gas metano e il GPL. I rilevatori di monossido di carbonio sono necessari per scoprire la presenza o meno di anidride carbonica prima che si presentino i sintomi dell’intossicazione.

Esistono anche altri gas nocivi, ma il CO è particolarmente pericoloso poiché l’assenza di colore, di sapore, di odore presenta difficoltà nella sua individuazione e, se non bloccato per tempo, può provocare intossicazioni gravi, e in alcuni estremi casi anche la morte, senza che il corpo si renda conto di quanto sta accadendo.

Lo stesso vale anche per i rilevatori di gas metano e di GPL, che hanno le stesse caratteristiche dei rilevatori di monossido di carbonio, l’unica cosa che cambia, non è tanto la modalità, quanto la posizione in cui si installano questi dispositivi.
Questi rilevatori vanno posizionati da 1-3 metri dall’apparecchio che utilizza il gas, e installati sulla parete o sul soffitto, l’importante è che sia a massimo 15-20 cm dal soffitto, poiché questo gas, come il gas metano, è considerato “leggero” e tende ad andare sin da subito verso l’alto; al contrario dei rilevatori di GPL il cui posizionamento migliore è a una ventina di cm dal pavimento, lontano da prese d’aria o impianti di ventilazione, altrimenti il loro utilizzo sarebbe vano.

Rilevatori con segnali sonori vs. luminosi

Il solito bip-bip vi stressa? Vi sono alcuni rilevatori in grado di personalizzare il suono sia con una voce preregistrata in grado di attirare di più l’attenzione, rispetto al bip fastidioso, che se troppo flebile, rischia di essere coperto da altri rumori o suoni presenti in casa, come tv, musica, giochi dei bambini. I rilevatori di gas sono anche dotati di segnali luminosi, necessari se gli abitanti della casa sono sordi o hanno problemi di udito, ma in primis ci segnala il problema prima di accendere la luce, che potrebbe risultare fatale.

 

Per maggiori informazioni https://www.rilevatoregas.it

L'articolo Quanti tipi di rilevatori di gas esistono? sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/rilevatori-di-gas/feed/ 1
Piatto doccia https://www.totaldesign.it/piatto-doccia/ https://www.totaldesign.it/piatto-doccia/#respond Sun, 17 Mar 2019 15:18:32 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9592 Sono finiti i tempi in cui l’unica soluzione era la scelta di un piatto doccia smaltato. Oggi scegliere un piatto doccia è un’azione creativa. Ci sono infiniti materiali, forme e misure per una doccia di design sempre più moderna e funzionale. Idee bagno: come scegliere il piatto doccia Innanzitutto bisogna valutare le misure disponibili, ossia […]

L'articolo Piatto doccia sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Sono finiti i tempi in cui l’unica soluzione era la scelta di un piatto doccia smaltato. Oggi scegliere un piatto doccia è un’azione creativa. Ci sono infiniti materiali, forme e misure per una doccia di design sempre più moderna e funzionale.

Idee bagno: come scegliere il piatto doccia

Innanzitutto bisogna valutare le misure disponibili, ossia quando spazio si ha a disposizione non solo per il piatto doccia che può essere rettangolare, quadrato o personalizzato, ma anche le zone ai lati e di fronte, e poi decidere dove posizionarlo nella stanza. Non dimenticate di calcolare non solo l’ingombro a terra del piatto, sia la proiezione verticale del box doccia. Prestate attenzione se collocate il piatto doccia nei pressi della finestra o della porta.

Piatto doccia materiali

C’era una volta il classico piatto doccia bianco. Oggi la situazione è ben cambiata e decidere come arredare il bagno e soprattutto con quali materiali, è davvero difficile visto gli innumerevoli materiali in commercio. Li riportiamo tutti dal più economico al più costoso, con accurata descrizione al fine di facilitarvi l’ardua scelta.

Acrilico

A parità di dimensioni ed altezza, è il piatto doccia più economico in circolazione. Ha diversi vantaggi:

Un piatto doccia in acrilico ha svantaggi da non sottovalutare:

  • Tende ad ingiallire se viene a contatto con fonti di calore o con gli ultravioletti del sole
  • Si macchia facilmente a contatto con shampoo e saponi
  • Bisogna evitare candeggina, acetone, disinfettanti aggressivi

Un’ottima scelta è il piatto doccia Ultra Flat Ideal Standard in acrilico spesso solo 4 cm.

Ceramica

È il materiale che tutti conosciamo, tipico anche dei sanitari, ma che in tempi recenti è stato reinventato in nuove finiture e con spessori ridotti. Come vantaggi ha un buon rapporto qualità/prezzo. Oggi è possibile scegliere la versione ribassata (alta comunque 6 cm) e con la finitura superficiale effetto pietra. C’è da dire che i piatti doccia in ceramica non riescono ad essere esteticamente belli come quelli in altri materiali tipici del bagno moderno. Di solito la ceramica è particolarmente usata come materiale di un bagno piccolo, ma non per forza. Inoltre, se scegliete la finitura pietra, attenti a rotture e righe perché la ceramica sotto allo strato superficiale è comunque bianca.

Vi consigliamo i piatti Docciabella di Globo, spessi 6,5 cm e disponibili anche con le finiture delle pietre peperino e travertino.

Ceramica Plus+Ton

Lanciati per la prima volta nel 2015 da Althea, sono la nuova frontiera dei piatti doccia. Alti solo 3 cm, quasi impossibili da rigare o macchiare, potete trovarli in varie finiture e colorazioni. Al momento questo piatto doccia è la migliore scelta che si possa fare.

Acciaio

I costi sono leggermente superiori a quelli della ceramica, ma il risultato è migliore. Un piatto doccia in acciaio ha uno spessore ridotto e può essere installato a filo pavimento. Può essere smaltato per assumere il colore che preferite. Lo svantaggio di questo piatto doccia è che se si scheggia si può arrugginire o addirittura bucarsi. Inoltre, attenzione a detersivi aggressivi che potrebbero opacizzarlo.

Il brand Kaldewei propone numerosi modelli in acciaio smaltato.

Resina

È il materiale del momento, quello che tutti desideriamo. Di produzione prevalentemente spagnola, esistono pochi produttori italiani. Esteticamente molto bella e sottile (viene installato a filo pavimento), ha la finitura della pietra e può essere scelta in diversi colori. Nel caso in cui si scheggi non ci sono problemi. Come svantaggio, può variare il colore nel corso del tempo e non regge temperature molto elevate e gli shock termici. Inoltre, se non c’è il gelcoat non ha una buona resistenza a prodotti aggressivi e si macchia con facilità.

Vi consigliamo i modelli Forma del brand Hafro che, oltre ad essere esteticamente belli, sono anche molto resistenti ai prodotti chimici.

Ecomalta

Si tratta di una resina a base acquea creata da Oltremateria. Oltre ad essere molto bella esteticamente ha numerosi vantaggi:

  • Ha un’ottima traspirabilità
  • Disponibile in diversi colori
  • Ha un effetto spatolato e quindi è possibile usarlo anche per i top del mobile bagno e abbinare piatto doccia e lavabo
  • Spessore ridotto e quindi viene installato a filo pavimento

Un piatto doccia in ecomalta è generalmente sensibile all’azione di solventi e acidi concentrati. Di conseguenza per lavarlo usate solo acqua e aceto (30%).

Vi consigliamo il Modello Pietrafina di Hafro disponibile in diversi colori.

Corian

Ha costi molti elevati, ma ne vale la pena. Si tratta di un materiale brevettato nel 1967 da DuPont e oggi ampiamente usato anche come top (sia in bagno che in cucina). È formato per 2/3 da idrossido di alluminio e 1/3 da resina acrilica. Ha innumerevoli vantaggi:

  • Buona resistenza agli urti
  • Bello esteticamente e sottile
  • Forse diverse dalle solite a cui siamo abituati
  • Graffi leggeri e macchie si rimuovono facilmente utilizzando una spugna abrasiva e un comune detergente

Come svantaggio, è un materiale che soffre del contatto con fonti di calore.

Ardesia

Si tratta di una pietra naturale composta da quarzo, mica, clorite e calcite, generalmente utilizzata per uso esterno come rivestimento per tetti o camini. Negli ultimi anni questo materiale viene usato anche per il bagno. Un piano doccia in ardesia ha numerosi vantaggi:

  • Impermeabile: se trattato bene, è perfettamente resistente all’acqua
  • Antimacchia: non si rovina con l’uso di detergenti né con accumuli di sapone
  • Resistente al peso: se avete dei bambini non c’è da preoccuparsi, anche nei momenti di capriccio più intensi, potranno sbattere i piedi senza rischio per la doccia
  • Resistente alle alte temperature: questo materiale regge bene il calore, via libera quindi a doccia a temperatura lavica
  • Ampia scelta: non piu solo il classico color grigio scuro, quasi nero, avete vasta scelta di colori per il vostro piano doccia
  • Antiscivolo: caratteristica essenziale per evitare incidenti domestici

Questo materiale ha anche degli svantaggi da considerare:

  • Graffi: è facile da scheggiare e serve molta cura
  • Trattiene il freddo: essendo una pietra naturale, ha dei lati negativi, tra cui l’accumulo di freddo che potrebbe risultare fastidioso quando poggiate la pianta del piede
  • Costoso: rispetto ad altri materiale come ceramica o acrilico, è un materiale costoso

Per quanto riguarda la pulizia giornaliera, vi consigliamo di diluire un misurino di sapone di Marsiglia in un secchio d’acqua calda e usare un panno in microfibra pulendo la superficie con movimenti laterali. Se volete potete passare la cera, ma possibilmente la sera prima così da non usare il piano doccia per almeno 6 ore.

Piatto doccia a filo pavimento

I piatti doccia a filo pavimento sono caratterizzati da un design esclusivo che li distingue da quelli tradizionali in quando creano un dislivello con il pavimento.

Elegante e raffinato, questo piatto doccia è perfetto per arredare sale da bagno moderne e per chi vuole sfuggire ai comuni piatti doccia a scalino. In commercio è possibile trovare numerose varianti realizzate con i più svariati materiali quali vetro, legno o ceramica. Per quanto riguarda il materiale non dovete preoccuparvi: generalmente è possibile usare gli stessi  impiegati per un piatto doccia tradizionale. Ciò che contraddistingue un piatto doccia a filo pavimento non è certo il materiale, ma il design, la progettazione e la messa in opera. Nessuno scalino, è come se il piatto doccia fosse una continuazione del pavimento stesso.

La scelta di questo piatto doccia vi permette di avere:

  • Maggiore igiene
  • Arredo personalizzato
  • Possibilità di scegliere la grandezza della doccia senza vincoli
  • Protezione sicura contro i danni dell’acqua
  • Continuità estetica
  • Piacere di fare la doccia senza barriere

È importante durante i lavori affidarsi a mani esperte per evitare esondazioni che sono il principale svantaggio dei piatti doccia a filo pavimento. Optate per l’installazione di canalette o canalini, per ovviare al problema del drenaggio dell’acqua in modo discreto e convincente anche dal punto di vista estetico.

Le ultime tendenze puntano a un piatto doccia a filo pavimento cromoterapico, capace di illuminarsi rilasciando forme, colori e disegni di volta in volta diversi. Questa soluzione è ideale per chi cerca benessere e relax.

Il piatto doccia a filo pavimentato non è solo il preferito dai designer per la sua estetica pulita ed elegante, ma è anche una scelta obbligata nel caso di un bagno per persone disabili.

Marche di piatto doccia

Per capire quale piatto doccia acquistare, occorre analizzare tutte le marche valutando pro e contro e il rapporto qualità/prezzo, oltre a prestare attenzione al design e tener conto dello stile del vostro bagno.

Piatto doccia Fiora

Il brand Fiora ha lanciato lo scorso anno una linea di piatti doccia che combina tecnologia e design. La linea Silex si caratterizza per i materiali utilizzati, resistenti e caldi al tatto: per la loro realizzazione è stato adoperato un materiale chiamato silexpol, ovvero una miscela di silice e quarzo agglomerato con polimero, che lo rende straordinariamente resistente, quasi simile a una pietra naturale. Estetica e funzionalità si combinano alla perfezione nella linea Silex, moderna ed innovativa. Questo piatto doccia ha numerosi vantaggi:

  • Sicuro
  • Antiscivolo
  • Buona resistenza alla flessione
  • Facile e veloce manutenzione
  • Resistente all’urto e allo sporco
  • Repellente all’acqua

Se avete un bagno in stile minimal, optate per Silex Nero, un piatto doccia trendy ed elegante capace di sedurre al primo sguardo.

Piatto doccia Ideal Standard

Il brand Ideal Standard propone svariati piatti doccia adatti ad ogni esigenza, rettangoli o quadrati, sopra o a filo pavimento. La collezione Strada è una linea dal design lineare e contemporaneo che presenta piatti doccia ceramici super sottili ed antiscivolo. La collezione Connect propone invece piatti doccia alti 6 cm sia rettangolari che quadrati che angolari.

Del brand Ideal Standard merita attenzione soprattutto il piatto doccia Ultra Flat S. Si tratta di un nuovo piatto doccia realizzato in IDEAL SOLID, un materiale altamente resistente composto da una miscela di minerali naturali e resine. Disponibile in 21 misure standard, nelle forme quadrate e rettangoli, Ultra Flat S è alto solo 3 cm ed è installabile sia sopra pavimento che filo pavimento. La finitura opaca effetto pietra, elegante e contemporanea, dona personalità alla zona doccia. Potete scegliere tra 5 tonalità: bianco, sabbia, moka, nero e grigio cemento. Oltre ad essere ultra sottile, ha il vantaggio di essere resistente ai danni chimici e alle variazioni di luce, di essere antiscivolo e di avere proprietà batteriostatiche e fungistatiche. In caso di graffi o scheggiature, può essere facilmente riparato.

Piatto doccia prezzi

A seconda del vostro budget, potete orientare la scelta. Bisogna ricordare che il piatto doccia deve durare a lungo, quindi è importante scegliere un materiale di qualità. I costi partono da 200 euro per i modelli economici in dimensioni standard. Un’altra considerazione da fare è lo stile del bagno. Il piatto doccia deve essere in sintonia con l’ambiente e i sanitari. Inoltre, scegliendo dimensioni personalizzate,  i costi sono leggermente superiori.

Piatto doccia forme

Valutate quale forma si adatti meglio al vostro bagno, considerando anche l’apertura porta e la finestra. Un piatto doccia quadrato è ideale per i bagni piccoli, è una scelta versatile e si può abbinare a tanti stili di box doccia. Invece, un piatto doccia rettangolare è molto più spazioso ed offre un maggiore spazio interno rispetto a quello quadrato. Viene usato spesso con porte scorrevoli per doccia. Esistono, infine, piatti doccia sagomati dalle forme insolite: a forma di P, a forma di D, semicircolari in resina o pentagonali.

L'articolo Piatto doccia sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/piatto-doccia/feed/ 0
Come arredare la casa con i mobili in legno https://www.totaldesign.it/arredare-casa-con-mobili-legno/ https://www.totaldesign.it/arredare-casa-con-mobili-legno/#respond Mon, 11 Mar 2019 06:00:51 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9588 Arredare nel modo giusto non è un’operazione semplice perché necessita di fantasia e capacità organizzative. Utilizzare materiali che da soli sappiano parlare dello stile della casa è uno step importante che rende più facile la scelta dell’arredamento. Tra questi materiali ce n’è uno che è più versatile di altri: il legno. La scelta del legno […]

L'articolo Come arredare la casa con i mobili in legno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Arredare nel modo giusto non è un’operazione semplice perché necessita di fantasia e capacità organizzative.
Utilizzare materiali che da soli sappiano parlare dello stile della casa è uno step importante che rende più facile la scelta dell’arredamento. Tra questi materiali ce n’è uno che è più versatile di altri: il legno.

La scelta del legno è perfetta per chi ama uno stile classico così come per chi ama uno stile più moderno. Ciò significa che il legno sa rendere caldo e accogliente un ambiente oltre che essere in perfetta armonia con ogni stile.

Per non cadere in errore però basta seguire delle semplici regole per rendere gli spazi della casa armoniosi e unici utilizzando il legno che, inutile negarlo, rappresenta l’anima della casa.

Il primo criterio da tenere sempre presente è quello di rivolgersi a un rivenditore che non soltanto sia affidabile e con esperienza, ma che abbia prodotti di qualità da proporre. Su Falegnameria 900 è semplice trovare i mobili che cerchiamo, realizzati soltanto con materie prime selezionate dagli artigiani. Quasi tutti i mobili sono realizzati in legno massello di castagno proveniente da zone boschive locali, dettaglio che mette al primo posto il made in Italy e prodotti di alta qualità. Si tratta di mobili già pronti all’acquisto che si possono scegliere direttamente sul sito, ma anche di mobili realizzati su misura grazie alla progettazione 3d.

 

Mobili in legno: le regole per arredare

L’unico effetto che si potrebbe creare con l’arredamento in legno è quello della baita di montagna, che così piacevole alla vista non è, soprattutto se ci troviamo in città. Ci sono delle semplici regole per evitarlo.

La prima è quella legata alla scelta dello stile. Non basta sapere che si utilizzerà il legno, è necessario anche conoscere quale stile si vorrà riproporre. Classico, moderno, vintage, shabby chic, rustico. Le scelte sono davvero molte e altrettanti sono i tipi di arredamento collegati.
Altra regola per organizzare perfettamente il wooden design è quella del colore. Solitamente in base allo stile si sceglie il colore delle pareti e degli arredi, ma un dettaglio dal quale non si può prescindere è l’armonia che il legno crea con il bianco. Con questo abbinamento la casa risulterà accogliente e calda come pochi altri abbinamenti sanno regalare. In alternativa un’altra nuance adatta alle tonalità del legno è il grigio chiaro o fumo.

L’ultima regola da seguire è quella legata al mix and macht. Mescolare, fondere oggetti nuovi e vecchi renderà l’ambiente unico evitando l’effetto baita.

Mobili in legno: idee creative

Difficile non far risaltare la bellezza del legno che già senza altri elementi riesce a dare nuova luce all’arredamento. Ci sono però alcune idee creative che possono rendere ancora più originale uno spazio.
Quella dei pallet è una moda già in voga da qualche anno e ormai consolidata, tanto da entrare nell’immaginario collettivo come fosse sempre stata una tendenza dell’arredamento in legno.
Oltre a questa un’idea interessante è quella di utilizzare il legno per creare le mensole che sono sempre utili e di tendenza. È possibile sbizzarrirsi con la realizzazione di mensole di diversi modelli.
Come non impiegare le cassette di legno per creare comodini o mobiletti da tenere accanto alle poltrone come porta riviste o semplicemente come piccoli tavolini?

L'articolo Come arredare la casa con i mobili in legno sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/arredare-casa-con-mobili-legno/feed/ 0
Esame di stato Architetto – la prova grafica: edificio plurifamiliare https://www.totaldesign.it/esame-di-stato-architetto-la-prova-grafica-edificio-plurifamiliare/ https://www.totaldesign.it/esame-di-stato-architetto-la-prova-grafica-edificio-plurifamiliare/#respond Mon, 04 Mar 2019 08:31:45 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9551 Esame di Stato architetto – la prova grafica Tipologia: edificio plurifamiliare Oggi abbiamo svolto per voi la traccia n.3 della prova grafica dell’Esame di Stato per Architetti sezione A proposta durante la I sessione 2018 nella sede di Pescara. Traccia Un lotto libero sito un una zona pianeggiante di completamento ha la forma rettangolare delle […]

L'articolo Esame di stato Architetto – la prova grafica: edificio plurifamiliare sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Esame di Stato architetto – la prova grafica

Tipologia: edificio plurifamiliare

Oggi abbiamo svolto per voi la traccia n.3 della prova grafica dell’Esame di Stato per Architetti sezione A proposta durante la I sessione 2018 nella sede di Pescara.

Traccia

Un lotto libero sito un una zona pianeggiante di completamento ha la forma rettangolare delle dimensioni di ml. 27 x 41, un lato lungo e un lato corto affacciano su strada pubblica destinata al traffico locale mentre gli altri due lati confinano con altri lotto già edificati. Dalle norme di piano si evince quanto segue:

  • volume massimo edificabile pari a mc 4.700;
  • altezza massima realizzabile all’intradosso della gronda pari a ml 15;
  • distanza minima dalle strade pari a ml 10;
  • distanza minima dai confini edificabili pari a ml 5.

Si progetti un edificio di civile abitazione con otto alloggi di cui due a piano terra con giardino esclusivo. Copertura con tetto a falde e con soluzioni costruttive mirate al risparmio energetico. Posti auto esterni al lotto su strada pubblica.

Elaborati richiesti

  • planimetria generale con sistemazione esterna e pianta della copertura, in scala 1:200;
  • schema strutturale, in scala 1:200;
  • piano tipo di un appartamento a piano terra e uno dei piani superiori, indicando almeno la disposizione dei sanitari, in scala 1:100;
  • almeno una sezione e un prospetto significativi, in scala 1:100;
  • dettaglio costruttivi in scala 1:10.

Svolgimento

Il primo passaggio da effettuare è quello di individuare la superficie lorda utilizzabile per ogni piano, così poi da poter ripartire gli 8 appartamenti richiesti. Tutti i passaggi dei calcoli sono riportati nella tavola, e ne sono parte integrante, poichè dimostreranno il ragionamento che vi ha portato alla soluzione proposta.

Per cui per trovare la superficie lorda totale divideremo il volume massimo edificabile per l’altezza virtuale 3 (che sarà la nostra altezza lorda ovvero sia 2,70 di altezza interna + 0,30 di solaio).

Quindi 4.700/3 = 1566, 6 mq lordi edificabili.

La traccia ci chiede un totale di 8 appartamenti, e sappiamo anche di non poter superare l’altezza massima dell’intradosso alla gronda di 15 metri.

A questo punto ciascuna potrà fare le proprie considerazioni su come vorrà distribuire al meglio la superficie a disposizione e sulla forma da dare all’edificio. Quello proposto di seguito è un edificio compatto, costituito da due appartamenti per piano serviti da un blocco scala e ascensore.

 

 

 

 

 

L'articolo Esame di stato Architetto – la prova grafica: edificio plurifamiliare sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/esame-di-stato-architetto-la-prova-grafica-edificio-plurifamiliare/feed/ 0
Tende da cucina moderne https://www.totaldesign.it/tende-da-cucina-moderne/ https://www.totaldesign.it/tende-da-cucina-moderne/#respond Thu, 28 Feb 2019 16:16:28 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9573 Le tende rappresentano un elemento indispensabile dell’arredo di una casa, perfette per garantire la privacy necessaria, ma anche per cambiare o migliorare l’aspetto di una stanza. Come per ogni ambiente della casa, anche nella cucina non va sottovaluta la scelta del tendaggio. Le tende giocano un ruolo importante nella personalizzazione dell’arredo. Esse riflettono lo stile […]

L'articolo Tende da cucina moderne sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Le tende rappresentano un elemento indispensabile dell’arredo di una casa, perfette per garantire la privacy necessaria, ma anche per cambiare o migliorare l’aspetto di una stanza. Come per ogni ambiente della casa, anche nella cucina non va sottovaluta la scelta del tendaggio. Le tende giocano un ruolo importante nella personalizzazione dell’arredo. Esse riflettono lo stile della cucina, ma anche la vostra personalità. Nella scelta del tendaggio tre sono gli elementi da considerare:

  • Il modello
  • La tipologia di tessuto
  • I colori

Che modello scegliere?

Per scegliere la tenda giusta occorre fare una valutazione a 360 gradi dell’ambiente. Bisogna valutare in primis l’ampiezza degli infissi. Nella scelta del tendaggio è importante considerare la grandezza della stanza. Ad esempio per una stanza piccola è altamente sconsigliato montare tende voluminose perché restringerebbero l’ambiente e il risultato sarebbe soffocante. E’ bene anche considerare la distanza della finestra da punti critici quali fornelli e lavabi: in questo caso optate per tende facilmente lavabili perché si macchiano con facilità. Se la vostra cucina ha delle finestre piccole, orientate la scelta per tende moderne a rullo.

Che tessuto scegliere?

Ancor più importante del modello, è il tessuto in cui sceglierete la vostra tenda da cucina. A differenza di altre stanze della casa, le tende della cucina assorbono fumi ed odori; quindi sarà necessario lavarle frequentemente. Meglio optare per tessuti facilmente lavabili e leggeri o addirittura tessuti impermeabili che assorbono più difficilmente gli odori. Chi ha il piano cottura vicino alla finestra può anche optare per un tessuto ignifugo.

Che colori scegliere?

I colori dipendono molto dal tipo di arredamento. Se avete una cucina moderna, la scelta giusta è il bianco, un gran classico, intramontabile, elegante e dal tocco sofisticato. In alternativa potete osare con colori decisi per creare contrasti visivi avvincenti e inediti.

Tende a vetro per cucine moderne

Le tende a vetro sono una soluzione pratica e comoda per schermare le proprie finestre; in più danno un tocco di modernità all’arredo. Ma non pensate che si sposino bene solo con l’arredamento moderno: con un’attenta scelta di tessuti sono in grado di esaltare la bellezza di qualsiasi tipo di mobilio. I modelli di tende a vetro sono la scelta migliore per quelle stanze dove non vi è grande disponibilità di spazio ai lati della finestra, o per la struttura stessa della stanza o per un arredo che arriva proprio a ridosso dei vetri. Ma come sceglierle? Semplice: in base allo stile e al colore dei mobili della stanza. Se per una camera da letto si preferiscono tende in tessuto semitrasparente o coprente che creano un effetto oscuramento, in un soggiorno moderno si può optare per materiali rigidi, come le lamelle in legno o alluminio. E per una cucina? La cucina è probabilmente la stanza dove i modelli a vetro si mostrano nel pieno della loro bellezza e della loro funzionalità. A prescindere dal tipo di cucina, la tenda a vetro è un must che non può mancare per impreziosire questa stanza. Per una cucina moderna meglio optare per tende a pannello. Scegliete i pannelli nella tonalità di colore della cucina, o comunque in colori che si sposano alla perfezione con l’ambiente per non creare disordine visivo.

Tende da cucina moderne con mantovana

Le tende da cucina con mantovana sono il tocco magico per rivoluzionare in un attimo tutta la stanza. Si tratta di semplici tende da scorrimento dotate di una striscia di stoffa orizzontale nella parte superiore, che rende molto curato l’insieme. Pratiche ed eleganti, queste tende sono il mix perfetto di semplicità ed estetica, offrendo sempre la privacy necessaria. La tenda nella parte superiore della finestra, definita mantovana, può essere di diverse tipologie a seconda delle preferenze: arricchita con smerli e punte o completamente piatta o sagomata. La mantovana non ha solo funzione decorativa, ma serve anche a coprire l’attacco delle tende, il tutto per un risultato molto ricercato. Un consiglio: fissate la mantovana più in alto rispetto alla parte superiore dell’infisso per far sembrare la finestra più alta. Se invece scegliete una mantovana più larga dell’infisso, la finestra sembrerà più larga. Il risultato è che la vostra cucina sembrerà più spaziosa grazie a un semplice effetto ottico. Ricordate che una mantovana è utile anche per proteggere gli infissi dalla polvere. Generalmente realizzate in tessuto leggero e traspirante, come cotone o lino, preferite queste tende in tinte neutre e naturali per non appesantire l’ambiente e consentire alla luce esterna di filtrare. Perfetto un classico bianco o un azzurro carta da zucchero.

L'articolo Tende da cucina moderne sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/tende-da-cucina-moderne/feed/ 0
Cucina moderna, come arredarla e cosa scegliere https://www.totaldesign.it/cucina-moderna/ https://www.totaldesign.it/cucina-moderna/#respond Tue, 26 Feb 2019 17:00:49 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9565 Oggi la cucina perfetta è essenziale. Ecco perché la scelta ricade su un design moderno. Una cucina moderna è dinamica, con linee nitide e chiare e con un perfetto mix di arredo funzionale e accattivante. Lo stile moderno per la tua cucina Lo stile moderno è sinonimo di semplicità, leggerezza, funzionalità, dinamismo, razionalità e nitidezza. […]

L'articolo Cucina moderna, come arredarla e cosa scegliere sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
Oggi la cucina perfetta è essenziale. Ecco perché la scelta ricade su un design moderno. Una cucina moderna è dinamica, con linee nitide e chiare e con un perfetto mix di arredo funzionale e accattivante.

Lo stile moderno per la tua cucina

Lo stile moderno è sinonimo di semplicità, leggerezza, funzionalità, dinamismo, razionalità e nitidezza. Nell’arredo della cucina moderna la parola d’ordine è solo una: minimal. L’arredo moderno non a caso sposa la filosofia minimalista dove regna un tripudio di linee geometriche pulite che esaltano lo spazio circostante. L’ambiente deve essere rigorosamente pulito, senza fronzoli. Deve percepirsi la spazialità. Ciò è reso possibile anche grazie all’utilizzo di colori neutri e tonalità chiare. A differenza di quanto possa credersi, lo stile moderno non è unico e non è nemmeno standardizzato, ma è uno stile in continua evoluzione, al passo con l’aggiornamento tecnologico dei materiali.

Idee per avere una cucina moderna

La progettazione di una cucina moderna richiede molta immaginazione, gusto e capacità di ottimizzare l’uso degli spazi. E’ fondamentale essere aggiornati sulle novità e sulle più recenti scoperte in campo di elettrodomestici e utensili. Ricercare un design elegante, e persino audace, è l’essenza dello stile moderno.

Come arredare una cucina moderna

La cucina moderna è il perfetto connubio di innovazione e tecnologia. Cura dei dettagli ed elettrodomestici super sofisticati sono le caratteristiche principali dell’arredo moderno. La luce è fondamentale in ogni design, ma in una cucina moderna diventa essenziale. Le spettacolari superfici metalliche vengono esaltate da luci ad incasso incorporate. La cucina moderna è un ambiente dalla forte personalità stilistica e dall’anima minimalista. Dal punto di vista estetico, scegliete i contrasti: solida e resistente finitura in acciaio per connotare l’area operativa, le zone di lavoro e gli elettrodomestici, mentre per le ante della cucina toni più caldi come ad esempio l’argilla. Optate per un’isola scenografica, dotata di monoblocco con top in acciaio e zone cottura e lavaggio integrate, il tutto sovrastato da una struttura sospesa che ospita cappa e scolapiatti. Preferite ante in acciaio titanio con satinatura verticale e maniglie in finitura titanio. Il tocco di classe? La presa maniglia in metallo a incasso di 25 cm comodamente posizionata in orizzontale sulle basi e in verticale sulle colonne.

Scegliere una cucina con isola

L’isola è un elemento essenziale delle cucine moderne, soprattutto di quelle americane, perché permette di inserire sgabelli funzionali per il nostro caffè o tè pomeridiano. Avere una cucina moderna con o senza isola dipende dai nostri gusti personali. Per alcuni, una cucina con isola sarà solo una spesa superflua e creerà disagi nei movimenti e nei spostamenti all’interno della stanza. Per altri, invece, sarà l’occasione buona per avere spazio extra all’interno della propria cucina moderna e trasformare la preparazione del cibo in un’esperienza sociale. Se si dispone di una stanza grande, un’isola è la scelta ideale. Al contrario, nelle cucine moderne di piccole dimensioni, un’isola potrebbe disturbare l’armonia dell’insieme e rovinare l’intero design, cosa da evitare in ogni caso. Una penisola da cucina potrebbe essere il giusto compromesso, ma bisogna sempre valutare bene l’ambiente.

Quanto costa arredare una cucina in stile moderno?

Non ci sono motivi per credere che una cucina moderna sia più costosa rispetto ad altri tipi di design. La bellezza di questo stile sta nella sua funzionalità. Ovviamente stabilire a priori quanto costa una cucina moderna è impossibile, poiché ogni modello, ogni brand e ogni tipologia ha prezzi che variano e che possono essere molto differenti tra in loro in base ai materiali, alle finiture e agli accessori con cui viene realizzato il modello di cucina prescelto. Ogni particolare, anche una maniglia o un rubinetto, può far lievitare il costo finale. Per fare una stima approssimativa il primo elemento da valutare è la marca, poiché da essa dipende la qualità e dipende il costo e il range di prezzo della vostra cucina. In secondo luogo gli elettrodomestici: si va da un livello “popolare” economico per poi salire a quelli di fascia alta. Anche il piano cottura, se scelto con caratteristiche particolari, alza di molto il prezzo. Infine, le finiture che non bisogna sottovalutare, poiché sono quelle che nel tempo, fanno la differenza. I materiali che scegliete per la vostra cucina al momento dell’acquisto sembrano tutti uguali, ma dopo qualche anno, la differenza e il costo maggiore, vale questa differenza. Anche la rubinetteria ha il suo peso sul prezzo finale: i modelli più moderni, quadrati, puliti e minimali, hanno costi più elevati rispetto ai classici. Da notare che anche nelle composizioni base proposte a prezzi accessibili la rubinetteria non è compresa.

Scegliere l’angolo cottura moderno

Per cucinare serve, ovviamente, un piano cottura. Ma che tipo scegliere? Oggi l’offerta è vasta. Se il vostro gusto è orientato verso un design moderno, anche l’angolo cottura non sarà da meno. Superattrezzato: ecco il sogno di chi nutre una vera passione per la cucina e ama condividere l’esperienza della preparazione. Ovviamente ciò richiede spazio. Ecco allora che tutta la zona operativa è ospitata sull’isola, che offre un’ampia superficie di lavoro e un piccolo piano snack. Il bancone è coronato da cappa e pensile con vani portaoggetti.

Complementi d’arredo cucina moderna

L’assenza di pensili, spesso considerati un elemento di disturbo quando si cucina, è un tratto comune di molte zone cottura a isola delle cucine moderne. L’isola può nascondere elettrodomestici come il forno o la lavastoviglie, incassate nelle sue basi. Per quanto riguarda lavello e fuochi, oltre alle soluzioni filotop, si può optare per piani scorrevoli che coprono, all’occorrenza, la zona operativa. Le cucine moderne sono altamente sofisticate e dotate di accessori professionali. Un esempio: la Cucina Mia by Carlo Cracco di Scavolini è dotata di lampada riscaldante per gli alimenti, essiccatore per disidratare gli alimenti, forno per la lievitazione e una macchina creata ad hoc per il sottovuoto. La cucina di Cracco è un’interpretazione domestica della cucina professionale.

L'articolo Cucina moderna, come arredarla e cosa scegliere sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/cucina-moderna/feed/ 0
Modyf ha vinto il German Design Award 2019 https://www.totaldesign.it/modyf-ha-vinto-il-german-design-award-2019/ https://www.totaldesign.it/modyf-ha-vinto-il-german-design-award-2019/#respond Fri, 22 Feb 2019 15:41:08 +0000 https://www.totaldesign.it/?p=9559 Modyf ha vinto il prestigioso German Design Award 2019 grazie alla linea da lavoro ad alta visibilità Neon. Questa linea d’abbigliamento innovativa è caratterizzata da un tessuto elasticizzato di ultima generazione e da bande riflettenti segmentate, dalle quali deriva il suo nome. La linea da lavoro ad alta visibilità Neon è stata considerata come una […]

L'articolo Modyf ha vinto il German Design Award 2019 sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
modyfModyf ha vinto il prestigioso German Design Award 2019 grazie alla linea da lavoro ad alta visibilità Neon. Questa linea d’abbigliamento innovativa è caratterizzata da un tessuto elasticizzato di ultima generazione e da bande riflettenti segmentate, dalle quali deriva il suo nome.

La linea da lavoro ad alta visibilità Neon è stata considerata come una grande novità sul mercato tedesco che l’ha accolta in modo molto positivo. Il materiale elastico impiegato offre massimo comfort e libertà di movimento, fondamentali quando si lavora. I riflettori segmentati LOXY® oltre ad aumentare la visibilità in modo estremamente efficace, restituiscono un look sportivo e senza dubbio gradevole.

L’abbigliamento ad alta visibilità può quindi essere alla moda e sportivo, offrendo una combinazione ideale in diverse occasioni, dal lavoro al tempo libero. Il materiale elasticizzato garantisce un comfort ottimale e le bande riflettenti assicurano di essere sempre ben visibili. Quindi massimo confort e sicurezza.

Il German Design Award premia i prodotti e i progetti più innovativi del mercato, dando un importante riconoscimento al lavoro di produttori e designer, che portino innovazioni di spicco sulla scena del design tedesco e internazionale.

Cuore del premio è la sua giuria internazionale, sempre di altissimo livello. Il German Design Award grazie alla competenza dei soggetti coinvolti ha portato nel tempo a scoprire spesso nuovi talenti e a individuare tendenze di design uniche nel loro genere.

Questo premio si fa sempre più importante per il settore e dopo un’edizione 2019 molto interessante si guarda già a quella del 2020 per la quale si stanno raccogliendo le prime adesioni e manifestazioni d’interesse.

Il German Design Award può essere una concreta opportunità di lancio per giovani designer che vogliano farsi conoscere e notare a livello internazionale. Il talento creativo è fondamentale, ma spesso serve anche il giusto palcoscenico per poterlo esprimere e valorizzare al meglio.

Promuoversi, lavorare sulla reputazione del brand e crearsi un’immagine forte, nei settori della moda e del design sono elementi di fondamentale importanza e il German Design Council offre a tutti i finalisti dell’Award l’opportunità di conoscere figure di spicco del design, della cultura e dell’economia, grazie ad una serie di eventi esclusivi.

Dal 1997, anno in cui è stata fondata, Modyf ha sempre continuato a crescere ed innovarsi, investendo molto proprio sul fronte del design. Grazie anche alla collaborazione con un gruppo internazionale oggi l’azienda può offrire ai suoi clienti prodotti altamente innovativi e veramente unici nel loro genere. L’obbiettivo del brand è chiaro, trasmettere alla clientela la grande passione, l’impegno e l’esperienza che sta dietro l’ideazione e la realizzazione dell’abbigliamento da lavoro.

Il German Design Award ha premiato l’impegno di chi lavora in Modyf e senza dubbio contribuirà a dare ulteriore energia a questo vitale brand, affinché possa partire di slancio verso nuove avventure e stimolanti sfide.

L'articolo Modyf ha vinto il German Design Award 2019 sembra essere il primo su TotalDesign.

]]>
https://www.totaldesign.it/modyf-ha-vinto-il-german-design-award-2019/feed/ 0