Guida completa 3ds Max 2013 – Caustiche

Le Caustiche sono effetti generati dalla riflessione o rifrazione della luce. In 3ds Max 2013 con il motore di rendering Mental Ray sono gestite dal pannello Indirect Illumination, rollout Caustics and Global Illumination (GI).

Per generare le caustiche sono necessari tre oggetti nella scena:

– una luce che emette caustiche

– un oggetto che genera caustiche

– un oggetto che riceve caustiche

 

Per attivare le caustiche premete F10 da tastiera per aprire la finestra Render Setup, pannello Indirect Illumination, rollout Caustics and Global Illumination (GI), spuntante la voce Enable nel riquadro Caustics.

I parametri principali da tenere in considerazione sono molto simili a quelli già visti per la Global Illumination.

Maximum Num. Photons per Sample

Maximum Sampling Radius

Filter, impostate Cone per caustiche più dettagliate

Opaque Shadow when Caustics are Enabled, togliere il segno di spunta per generare ombre parzialmente trasparenti.

Nel riquadro Light Properties, Average Caustic Photons per Light

 

Selezionate la luce che deve emettere le caustiche, clic DX del mouse, selezionate Object Properties, pannello Mental Ray, spuntate la voce Generate Caustics.

Selezionate l’oggetto che deve generare le caustiche, clic DX, Object Properties, pannello Mental Ray, Generate Caustics.

Selezionate l’oggetto che deve ricevere le caustiche, clic DX, Object Properties, pannello Mental Ray, Receive Caustics.

Per far si che tutti gli oggetti in scena ricevano e generino Caustiche da pannello Indirect Illumination, riquadro in fondo Geometry Properties,  spuntare la voce All Objects Generate and Recieve GI and Caustics 

 

caustiche 03

 

 

 

Vediamo lo stesso render con le stesse impostazioni e shader, il primo è senza Caustiche, il secondo con le Caustiche attivate.

caustiche 02

caustiche 01

 

caustiche 05

caustiche 04

 

 

 

 

 

Pin It
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.