Legno e arredi marcati a laser: tutto quel che c’è da sapere

marcatura laser legnoAnche i mobili e le superfici in legno che sono presenti nelle nostre case possono essere stati sottoposti a una procedura di marcatura a laser finalizzata a garantirne la tracciabilità. Il laser, in effetti, consente di effettuare un assortimento di lavorazioni decisamente ampio, con tagli e incisioni che possono riguardare sia i legni duri che i legni teneri, a prescindere dal fatto che siano verniciati o meno. Complementi di arredo come i comodini, le librerie, le credenze, i tavoli, le sedie e così via vengono incisi senza che vengano prodotti trucioli. L’assenza di residui, in ogni caso, è solo uno dei vantaggi che vengono garantiti dall’incisione laser applicata agli arredi, una procedura che favorisce anche la massima precisione per il taglio dei profili e che si rivela più versatile degli stampi a caldo e delle fustelle.

I contenuti che vengono marcati, inoltre, usufruiscono di una definizione molto elevata. Ma quali sono le ragioni per le quali può essere necessario ricorrere alla marcatura laser per i mobili? Come detto, uno dei motivi principali è rappresentato dalla tracciabilità, relativa a questioni produttive e logistiche. Ma le incisioni consentono anche di marcare i complementi di arredo con loghi e scritte realizzate con qualunque tipo di carattere alfanumerico. Dalle numerazioni progressive ai codici a barre, dunque, i benefici sono evidenti anche dal punto di vista del monitoraggio della produzione.

Nel corso del processo di marcatura eseguita a laser, la superficie del legno non viene alterata e si mantiene sempre omogenea: ciò è possibile poiché il viraggio che si verifica avviene per il riscaldamento locale della superficie, e non per asportazione. Volendo, è possibile realizzare sui mobili anche forme geometriche di dimensioni ridotte e piene di dettagli, sempre all’insegna dei più elevati standard di precisione. Nulla vieta, poi, di combinare differenti processi di marcatura, per fare in modo che la stessa sia contraddistinta da un contrasto maggiore o semplicemente per consentire la pulizia del materiale dopo la lavorazione.

La marcatura laser Sitel MK3 è un esempio delle possibilità che possono essere colte in questo ambito, e offre velocità e risparmio (dal momento che non c’è bisogno di usare materiali di consumo come spray, inchiostri o simili). Essendo resistente al calore e all’usura, questo tipo di marcatura dura a lungo nel tempo, un aspetto che si rivela fondamentale per assicurare la tracciabilità dei prodotti. In più, è garantita anche la resistenza al contatto con gli acidi, un ulteriore sinonimo di alta qualità.

Pin It

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *