BIM

BIM ed Euro 2016

Euro 2016: il connubio fra progettazione e software BIM

Un altra interessante applicazione dei software BIM, si è avuta nell’evento sportivoEuro 2016 tenutesi questa estate in Francia.

Tre dei più importanti impianti che hanno ospitato le gare della manifestazione, ovvero lo Stade des Lumières a Lione, il Matmut Atlantic di Bordeaux e lo Stade Vélodrome di Marsiglia, sono stati progettati e realizzati con un esteso utilizzo della metodologia BIM e, in particolare, del software di progettazione strutturale Tekla Structures.

Più precisamente, lo Stade des Lumières, localizzato a 12 km dal centro di Lione, è un impianto di nuovissima costruzione, con una capacità di circa 60’000 posti a sedere concepito come impianto multifunzionale per eventi sportivi, business e divertimento: la sua struttura in acciaio, una delle caratteristiche più interessanti di questo stadio, è stata modellata con Tekla Structures dallo studio francese Jaillet Rouby di Orleans, e comprende tre parti: l’anello esterno, l’anello interno opaco e l’anello interno traslucido.

Stade des Lumières

il Matmut Atlantique di Bordeaux, inaugurato nel maggio 2015, si distingue per la leggerezza dell’architettura e per il suo carattere fortemente geometrico; lo stadio è stato progettato per la massima comodità degli spettatori, con una capienza di circa 42.000 persone, che lo rende il più grande stadio nel sud-ovest della Francia.

L’utilizzo di Tekla Structures ha permesso la preventiva visualizzazione della complessa costruzione dello stadio, caratterizzata da un sistema a portale, in modo tale da ottenere la massima stabilità strutturale e inserire al meglio la struttura nel contesto architettonico circostante.

 

Stadio Matmut Atlantique di Bordeaux

Inaugurato il 16 ottobre del 2014 dopo essere stato completamente ristrutturato, lo Stade Vélodrome di Marsiglia, ha esteso a circa 70.000 posti a sedere la sua capienza; grazie ad un radicale intervento di ristrutturazione, questo stadio ha assunto una nuova immagine tramite l’utilizzo di alcuni elementi architettonici significativi, come l’utilizzo di una copertura bianca ondulata con un diametro di 250 metri e con un’altezza massima di 65 metri;

Stade Vélodrome di Marsiglia

L’utilizzo del software Tekla Structures ha permesso quindi, in questi particolari edifici, di affrontare la complessità della progettazione e della realizzazione, riducendo i ritardi.

 

Arch. Elena Valori

 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.