porte per interni

Come scegliere una porta interna

Le porte interne sono indispensabili per separare e unire gli ambienti della casa, ma possono anche diventare degli elementi d’arredo, grazie alla molteplicità dei materiali, delle tipologie e degli stili disponibili.

Possono essere invisibili e mimetizzarsi, per poi dividere gli spazi solo quando necessario, oppure, decorate e scenografiche e diventare un elemento centrale dell’ambiente in cui sono inserite.

Le porte interne possono adattarsi con facilità a ogni tipo di estetica e spazio, esistono tante soluzioni funzionali anche grazie a materiali nuovi e innovative tecniche di lavorazione. Un esempio di porte di qualità superiore personalizzabili sono quelle di Cocif che, possono essere adattate a qualsiasi contesto.

Ovviamente, nella scelta delle porte interne vanno considerati anche gli spazi a disposizione, le modalità di apertura e il proprio budget, che incide molto sulla scelta finale dei materiali, delle dimensioni e delle finiture.

Quindi, dopo aver valutato gli spazi disponibili e il budget, potete scegliere le porte interne tenendo in considerazione la modalità di apertura/chiusura di cui avete bisogno e i materiali.

Tipologie di porte interne

Modalità di apertura

In base al sistema di apertura e chiusura, le porte interne si dividono in tre tipologie principali:

  • Battente: porta tradizionale con una o due ante o suddivisa in pannelli
  • Scorrevole: porta pensata per ottimizzare gli spazi, l’anta scorre all’interno del controtelaio, incassato a scomparsa nel muro oppure, scorre su dei binari posizionati all’esterno della parete, vicino al telaio.
  • A libro: porta composta da due o più pannelli che all’apertura si sovrappongono con effetto fisarmonica, permette di dimezzare l’ingombro e utilizzare gli spazi in modo intelligente.

Materiali delle porte

Sono disponibili diversi materiali per le porte interne, dal classico legno al vetro, con finiture e varianti di vario genere, di seguito vediamo quali sono i migliori.

Legno massello

Il legno massello è tra i migliori materiali per realizzare le porte interne, in base alla scelta delle essenze del legno, si avranno proprietà diverse. Sono porte che vengono ricavate dalla sezione più interna del tronco dell’albero, che offre compattezza e durevolezza nel tempo. Si tratta di porte solitamente molto pregiate e di grande impatto estetico che danno personalità agli ambienti.

Legno tamburato

Il legno tamburato anche se molto leggero, assicura un’ottima resistenza. Solitamente il telaio è in massello riempito all’interno con una struttura alveolare a nido d’ape, le superfici sono sigillate con pannelli di compensato o MDF. Le ante tamburellate resistono bene al carico e non si deformano nel tempo.

Legno laccato

Le porte realizzate in legno laccato hanno un pannello in fibre di legno verniciato, questo può essere di massello, listellare o tamburato. La laccatura realizzata sulla superficie può essere di vari colori e con effetto lucido, opaco o metallizzato.

Laminato

Il laminato è un materiale che si è sempre più evoluto grazie alle nuove tecnologie utilizzare per la realizzazione, oggi ha raggiunto standard qualitativi ed estetici molto alti. È una soluzione economica ma resistente che si adatta soprattutto agli ambienti moderni.

È composto da un sottile pannello di fibre di legno impregnato in resina melaminica, la qualità dipende dal tipo di colla usata per tenere insieme tutti i fogli delle fibre legnose.

Porte in Vetro

Le porte interne in vetro possono definirsi dei veri e propri elementi di design, sono molto belle da vedere ma devono anche rispettare standard elevati di sicurezza. Questa tipologia di porte può essere in vetro temperato o in vetro stratificato.

Vetro temperato

Il vetro temperato è sottoposto a un trattamento termico di 700 gradi, per poi essere raffreddato, un procedimento che lo rende particolarmente sicuro, perché, se malauguratamente si dovesse rompere, si creerebbero tanti piccolissimi pezzi non pericolosi.

Vetro stratificato

Il vetro stratificato, in caso di rottura, non si frammenta e mantiene incollati i pezzi, rendendo questa tipologia di porte molto sicure. Le porte in vetro stratificato sono composte da strati di vetro incollati con pellicole come il PVB.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.