catasto

Dichiarazione di successione ereditaria: cos’è, chi deve presentarla, quando e in che modo

La dichiarazione di successione ereditaria è quell’evento attraverso cui si concretizza il trasferimento dei rapporti giuridici attivi e passivi di un soggetto defunto verso i suoi eredi. Con questi presupposti, nelle prossime righe vedremo insieme nel dettaglio cos’è, chi deve presentarla, come richiederla al catasto online, quando e in che modo.

Cos’è una dichiarazione di successione ereditaria

Abbiamo detto che una dichiarazione di successione ereditaria permette di realizzare il trasferimento dei rapporti giuridici attivi e passivi, da una persona defunta verso i suoi eredi. I soggetti che devono presentare la dichiarazione di successione sono i seguenti:

  • Eredi e legatari.
  • Amministratori dell’eredità.
  • Rappresentanti legali di legatari ed eredi.
  • Esecutori testamentari.
  • Curatori dell’eredità giacente nominati dal Tribunale nel momento in cui gli eredi hanno rinunciato all’eredità.

Eredi e legatari sono i due tipi di successori riconosciuti dalla legge italiana. L’erede è il successore universale del soggetto defunto, ovvero colui che assume la proprietà di tutti i beni (o di una parte di essi). Gli eredi ricevono in quota la totalità dei beni della successione e sono indicati dalla legge e/o dal testamento. Un legatario invece, è un erede a titolo particolare che succederà al defunto solamente in relazione a uno o più rapporti giuridici specifici.

Può non accettarlo formalmente perché acquisisce automaticamente il diritto, a meno che non si rifiuti espressamente. Esistono però delle particolari circostanze dove tali soggetti non sono tenuti a presentare la dichiarazione di successione, ovvero quando:

  • L’attivo ereditario ha un valore lordo inferiore a 100 mila Euro e non include beni immobili o diritti reali.
  • Gli aventi diritto chiedono la nomina di un curatore dell’eredità oppure tutti rinunciano alla stessa.

Come reperire i dati catastali degli immobili oggetto di successione

I dati catastali di qualsiasi immobile, come la mappa catastale, possono essere reperiti attraverso una visura catastale online, modalità che sicuramente offre un grandissimo risparmio di tempo. Esistono numerosi servizi che consentono di muoversi in tal senso, ma EasyVisure può sicuramente essere considerato un punto di riferimento nel settore del Catasto Online. La procedura è piuttosto semplice, dal momento che direttamente sul sito andranno solamente immessi i dati del soggetto defunto.

Dalla visura catastale ottenuta, si potrà risalire a tutti i beni della persona. Solitamente si richiedono sempre da EasyVisure le mappe catastali con lo scopo di individuare correttamente i beni all’interno del foglio catastale del comune di competenza. In sintesi, per poter visualizzare il dettaglio del gravame, è possibile richiedere le relative note di trascrizione ipotecaria, annotazione ipotecaria o iscrizione ipotecaria direttamente sul portale.

Cosa si intende per successione legittima

La successione legittima, conosciuta anche come successione intestata, è un insieme di norme che determinano a chi vengono donati i beni di un defunto se quest’ultimo non ne dispone. In poche parole, quando il defunto non lascia testamento, si ha una successione legittima. La morte di un soggetto determina l’inizio della sua successione ai sensi dell’art. 456 c.c. L’ovvia conseguenza di questo evento è che tutti i beni posseduti dal defunto siano devoluti ad altre persone chiamate all’eredità.

Tali soggetti hanno facoltà di accettare o meno. Come definito dall’art. 557 c.c., le due uniche fonti di successione ereditaria nel nostro ordinamento sono la legge e il testamento. Più in particolare, la legge si occupa di consentire a chiunque di decidere liberamente a chi lasciare i propri beni, motivo per cui ci sono esistono i testamenti. Chiaramente non sempre è possibile fare testamento. Basti pensare alla morte improvvisa di una persona giovane. Per questo motivo, dove è assente il testamento, la legge disciplina il trasferimento dell’eredità del defunto.

Chi sono gli eredi per legge

La legge italiana definisce i parenti più prossimi del defunto come eredi legittimi, ovvero il coniuge, i figli, i genitori, i fratelli, poi gli altri parenti ed infine lo Stato. In particolare, è legittimo erede colui che, in assenza di testamento, eredita una quota determinata per legge. I legittimari sono coloro che invece hanno diritto ad una quota dell’eredità del defunto, in maniera indipendente da quelle che sono le sue decisioni. Nel dettaglio, stiamo parlando del coniuge, dei genitori e dei figli.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.