esame architetto prova scritta

Esame di Stato per Architetti, sezione A- la prima prova scritta

Esame di Stato: la prima prova scritta

In cosa consiste la prima prova scritta

La prima prova scritta è la relazione di progetto che accompagna la tavola (prova grafica). Deve essere scritta obbligatoriamente nell’arco delle 8 ore a disposizione e solitamente basta redigere un testo di circa 2 pagine (questa informazione sarà riportata sul foglio che vi daranno). Dunque, una volta disegnato il vostro progetto, una volta fatte le scelte strutturali e distributive, sarete chiamati a sviluppare questa relazione che potrà vertere su vari temi: la bioclimatica, la tipologia costruttiva, un predimensionamento di massima, lo scarico acque reflue oppure semplicemente spiegare in generale le scelte che avete fatto. Potete farla anche mentre state disegnando il vostro progetto, infatti il consiglio che vi diamo è quello di leggere subito la traccia (solitamente è solo una quindi non c’è scelta ed è uguale per tutte le prove grafiche), in modo che mentre sviluppate il progetto già cominciate anche a farvi un’idea di cosa dovrete scrivere.

-Se il tema è la bioclimatica:

nel progetto che sceglierete, dovrete inserire qualcosa sul risparmio energetico. Innanzitutto posizionare l’edificio correttamente rispetto agli assi cardinali, poi aggiungere qualcosa di specifico come logge che proteggono dalla luce solare (dipende dalla zona geografica), isolamento a cappotto, uso della vegetazione come schermatura, come evitereste i ponti termici. Questo è un tema molto richiesto ultimamente, è bene quindi preparasi sui princìpi base di questa branca dell’architettura.

-Se il tema è la tipologia costruttiva:

dovete spiegare perchè avete scelto tale tipologia, quali sono i pregi e difetti, come avete cercato di caratterizzarla (es. perchè avete scelto case schiera invece di case in linea).

-Se il tema è un predimensionamento di massima:

prima di tutto dovete scegliere la tipologia costruttiva, ad esempio struttura in C.A. travi e pilastri oppure struttura in legno oppure prefabbricata o a muri portanti, e via dicendo. Se ad esempio scegliete quella in C.A. travi e pilastri dovrete scrivere i pregi e difetti di tale metodologia costruttiva e successivamente dimostrare di sapere dimensionare i vari elementi tramite dei semplici calcoli come l’area di influenza del pilastro, la luce massima consentita per legge, l’orditura del solaio ed il suo spessore. Più avanti vi mostreremo in dettaglio tale tema.

-Se il tema è lo scarico delle acque reflue:

descrivere indicativamente lo scarico e la modalità di smaltimento delle acque nere (es. wc), grigie o saponose (es. lavabo) e bianche o meteoriche (acque piovane). Dire se è presente l’allaccio alla fognatura pubblica oppure no; nel secondo caso dovrete proporre la fitodepurazione o la sub-irrigazione (ad esempio in zone agricole). E’ ben accetto un piccolo schema con indicati i percorsi delle acque. Prossimamente vi mostreremo un esempio di risoluzione di questo tema.

N.B. Vi ricordiamo che stiamo parlando della prima prova scritta, ossia della relazione che accompagna la prova più importante dell’esame di stato, ossia la prova grafica. I temi da noi selezionati sono puramente indicativi, non sono temi fissati a priori, pertanto la commissione potrebbe chiedervi qualunque altro argomento.

Arch. Maria Giulia Petrai

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.