torre municipio Spagna

La torre del municipio di Huesca accoglie il nuovo archivio cittadino

La torre del municipio di Huesca accoglie il nuovo archivio cittadino

Il progetto, redatto dallo studio di architettura ACXT e ultimato nel 2012, riguarda la ristrutturazione della torre ovest del munifico di Huesca, Spagna, in modo tale da trasformare questo spazio nell’archivio cittadino.

Grazie alla sua posizione e al suo volume, l’archivio completa l’insieme di edifici che compongono il Municipio, che dà l’impressione di essere una costruzione incompiuta, per le pareti est e ovest costituite da muri divisori che danno l’impressione che originariamente, si trovassero delle costruzioni adiacenti.

La parete ovest è un muro di fango con file di mattoni pieni, con aperture irregolari, alcune delle quali sono murate, mentre la parete est risulta essere una parete cieca, ad eccezione di una apertura al piano attico.

Torre del municipio di Huesca Spagna

 

L’intervento ha riguardato principalmente i fronti est ed ovest, trasformandoli in facciate, in modo tale che il pezzo non finito si trasformerà in una torre con presenza di sua iniziativa.

Le nuove facciate sono realizzate in rame piegato, un materiale fine con un buon rapporto con i materiali esistenti, la pietra, i mattoni e il legno, e che era già presente nel primo intervento di ampliamento del municipio, integrando così il progetto con ciò che era già realizzato.

Torre del municipio di Huesca Spagna sezione longitudinale   Torre del municipio Spagna sezione trasversale

La nuova facciata stabilisce un dialogo con il volume originale grazie ai materiali utilizzati, e ha una piccola sporgenza come è solito con questo tipo di costruzioni.

L’immagine dell’archivio richiama anche alle forme dei libri: ha avuto anche il suo scopo come un contenitore libro come riferimento.

Particolare della capriata in legno    Torre del municipio interni

 

Nell’unità biblioteca, alcune lamelle sono stati rimosse, creando così profonde aperture che permettono alla luce di entrare nella parte più interna in un modo che è coerente con la distribuzione  e la consultazione di libri.

 

Arch. Elena Valori

 

 

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.