egg chair

Le linee sinuose del design anni Cinquanta: la Egg Chair

La Egg Chair progettata da Arne Jacobsen, cosi’ chiamata per la sua somiglianza con un levigato guscio d’uovo rotto, offre a chi si siede una molteplicità di posizioni e una sorta di rifugio protettivo nel quale sprofondare.

La sedia nacque originariamente per il SAS Royal Hotel di Copenaghen, per essere sistemata nelle camere dei clienti e nella hall dell’albergo, al fine di creare un’atmosfera più intima e rilassata.

Egg Chair progettata da Arne Jacobsen

Va sottolineato come il design di Arne Jacobsen sia caratterizzato dall’utilizzo di linee sinuose e femminili, come si nota nella Sedia n.3107 del 1955 e nella Sedia Formica del 1952.

sedia 3107       sedia formica

Costituita da un involucro di plastica a guscio, Arne Jacobsen effettuo’ notevoli passi avanti rispetto alle esperienze precedenti, per quanto riguarda la tecnica costruttiva e i processi di stampaggio.

Cio’ che colpisce maggiormente del lavoro di Jacobsen è la sua abilità nell’aver fuso tutte le parti funzionali della Egg Chair (in particolare la seduta, lo schiena e i braccioli) in un tutt’uno esteticamente coeso, ricoperto da pelle o tessuto.

Varie colorazioni

L’intenso e faticoso procedimento di lavorazione artigianale richiesto per fissare il rivestimento al telaio, comporta che, ancora oggi, si riescano a produrre solo sei o sette pezzi a settimana.

Dalla sua prima apparizione al SAS Royal Hotel, la Egg Chair ha sviluppato una sorta di “vita indipendente“, come oggetto di scena in film e pubblicità, acquistando un “allure” sofisticato e cosmopolita.

egg chair misure

Nonostante il progetto sia del 1957, la Egg Chair con le sue linee sinuose e avvolgenti sembra ancora oggi progettata per il futuro.

 

Arch. Elena Valori

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.