Quanti tipi di rilevatori di gas esistono?

Fornello GasQuando state per acquistare un rilevatore di gas per casa vostra o per il camper, l’importante è sapere cosa scegliere e cosa monitorare prima dell’acquisto, a seconda delle vostre esigenze.

Ecco le differenze principali da tenere in considerazione.

Rilevatore monogas o rilevatore multigas

Esiste infatti quasi un rilevatore per ogni tipo di gas, in grado quindi di rilevare il determinato gas presente nell’abitacolo, sia esso mobile o una casa. Quindi un apparecchio capace di riconoscere metano, gpl o monossido di carbonio (rilevatori monogas). Se invece avete i rilevatori più sofisticati, oltre a essere in grado di segnalare diversi tipi gas (rilevatori multigas), questi possono essere collegati ad apposite elettrovalvole, al fine di interrompere autonomamente le emissioni nocive; quelli più semplici invece si limitano alla segnalazione della perdita.

Rilevatori fissi o portatili

Sembra sciocco, ma anche in questo ambito si ha la possibilità di scegliere tra i rilevatori di gas fissi, utilizzabili sia all’interno (presso abitazioni, uffici, locali…) che all’esterno (per il monitoraggio delle polveri sottili o dei gas presenti nelle vie della città), che mobili, per lo più per utilizzi professionali, per il check momentaneo di spazi. Il vantaggio che hanno queste tipologie di rilevatori è che non necessitano di particolare manutenzione e sono particolarmente leggeri. Di contro l’utilizzo di questa variante portatile è piuttosto “breve” poiché alimentata da una batteria con una durata limitata, quindi come già detto, più utile per controlli estemporanei.

Rilevatori con o senza fili

Questa volta si parla di alimentazione, che è strettamente collegata alla tipologia del rilevatore che volete utilizzare (vd. fissi/portatili). Quelli senza fili, hanno il limite della durata, sia di utilizzo che di ricarica, pertanto anche se sono di più facile uso, poiché semplici da posizionare, devono essere monitorati costantemente per poter provvedere con la sostituzione tempestiva delle stesse. Più comodo se volete optare per le modalità batteria, i rilevatori dotati di batterie a litio, in grado di durare tanto quanto la vita del rilevatore stesso.

Principali tipologie di rilevatori di gas

Come detto esistono vari tipi di rilevatori, tra i più utilizzati troviamo quelli per il monossido di carbonio, il gas metano e il GPL. I rilevatori di monossido di carbonio sono necessari per scoprire la presenza o meno di anidride carbonica prima che si presentino i sintomi dell’intossicazione.

Esistono anche altri gas nocivi, ma il CO è particolarmente pericoloso poiché l’assenza di colore, di sapore, di odore presenta difficoltà nella sua individuazione e, se non bloccato per tempo, può provocare intossicazioni gravi, e in alcuni estremi casi anche la morte, senza che il corpo si renda conto di quanto sta accadendo.

Lo stesso vale anche per i rilevatori di gas metano e di GPL, che hanno le stesse caratteristiche dei rilevatori di monossido di carbonio, l’unica cosa che cambia, non è tanto la modalità, quanto la posizione in cui si installano questi dispositivi.
Questi rilevatori vanno posizionati da 1-3 metri dall’apparecchio che utilizza il gas, e installati sulla parete o sul soffitto, l’importante è che sia a massimo 15-20 cm dal soffitto, poiché questo gas, come il gas metano, è considerato “leggero” e tende ad andare sin da subito verso l’alto; al contrario dei rilevatori di GPL il cui posizionamento migliore è a una ventina di cm dal pavimento, lontano da prese d’aria o impianti di ventilazione, altrimenti il loro utilizzo sarebbe vano.

Rilevatori con segnali sonori vs. luminosi

Il solito bip-bip vi stressa? Vi sono alcuni rilevatori in grado di personalizzare il suono sia con una voce preregistrata in grado di attirare di più l’attenzione, rispetto al bip fastidioso, che se troppo flebile, rischia di essere coperto da altri rumori o suoni presenti in casa, come tv, musica, giochi dei bambini. I rilevatori di gas sono anche dotati di segnali luminosi, necessari se gli abitanti della casa sono sordi o hanno problemi di udito, ma in primis ci segnala il problema prima di accendere la luce, che potrebbe risultare fatale.

 

Per maggiori informazioni https://www.rilevatoregas.it

Pin It

One thought on “Quanti tipi di rilevatori di gas esistono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.