serramenti

Serramenti: pro e contro dei materiali di realizzazione più diffusi

I serramenti sono degli articoli che devono essere scelti con tutta l’attenzione del caso: sarebbe un errore valutarne esclusivamente il design in quanto gli aspetti tecnici hanno primaria importanza.

Ovviamente, ogni singolo serramento meriterebbe una valutazione a sé, ma è assai importante avere quantomeno un quadro generale delle peculiarità dei vari materiali utilizzati per la loro realizzazione.

Ormai tutti i materiali utilizzati per la realizzazione di serramenti possono definirsi affidabili, tuttavia vi sono delle caratteristiche tecniche che li distinguono in maniera non trascurabile.

Non esitiamo, dunque, e andiamo a scoprire pro e contro dei materiali più diffusi.

Legno: un materiale dal grande fascino, ma più costoso

Il legno è sicuramente un materiale di straordinaria bellezza, ragioni per cui i serramenti di questo tipo sono sempre molto gettonati, oltre che apprezzati per la loro estetica.

I “pro” del legno, tuttavia, non si limitano a questo: è cosa nota il fatto che il legno sia un materiale solido e resistente, caratteristiche fondamentali per un infisso, inoltre essendo uno dei materiali naturali per eccellenza può essere esposto senza problemi agli agenti climatici, senza il rischio che si possa danneggiare o che l’usura possa alterarlo.

Design, colori eccezionali, robustezza, sono senz’altro le caratteristiche più interessanti degli infissi in legno, il solo aspetto negativo di questi modelli corrisponde al loro costo, il quale tende sicuramente ad essere più alto rispetto alla media.

PVC, materiale polimerico di grande affidabilità

PVC è acronimo di polivinilcloruro o cloruro di polivinile ed è un materiale che da ormai diverso tempo è letteralmente “esploso” in ambito industriale.

Anche il mondo degli infissi non è rimasto indifferente dinanzi alle ottime qualità del PVC, eleggendolo come uno dei migliori materiali per la realizzazione di questo genere di prodotti, ma quali sono i suoi principali punti di forza?

Anzitutto, il PVC è un materiale economico, ciò contribuisce a rendere molto appetibili i prezzi degli infissi, si lavora molto facilmente dal punto di vista industriale, si pulisce facilmente, inoltre, come confermato in siti web di aziende specializzate come www.tigulliodesign.it, garantisce un buon isolamento termico ed acustico, caratteristiche di indiscussa importanza per quel che riguarda i serramenti.

Per quel che riguarda i contro, il PVC è probabilmente meno robusto di altri per quel che riguarda le capacità antieffrazione, un aspetto comunque poco rilevante se il serramento è installato ad un piano alto, o comunque in un edificio poco vulnerabile, inoltre alcuni modelli di scarsa qualità potrebbero nel tempo scolorirsi.

Alluminio, eterno simbolo di robustezza

L’alluminio, come la grande maggioranza dei metalli, è un vero e proprio sinonimo di solidità, dunque questi modelli sanno essere ideali per chi vuol assicurarsi degli infissi molto robusti, da installare anche presso immobili ubicati a pianterreno.

Questo materiale è anche piuttosto economico, ma quanto all’isolamento termico, è affidabile?

È proprio questo il principale “contro” dell’alluminio per quel che riguarda la produzione di infissi: questo metallo è un buon conduttore, questo significa che infissi di questo tipo non isolano adeguatamente, quindi implicano elevati dispendi energetici sia in estate, quando si fa ricorso alla climatizzazione, che in inverno, quando si utilizza invece il riscaldamento.

A questo problema, in realtà, l’industria è riuscita ad ovviare in maniera molto efficace: facendo ricorso alla tecnica denominata “taglio termico”, la quale prevede la collocazione di materiali ad alta capacità isolante nella struttura dell’infisso, il prodotto riesce a far convivere la proverbiale solidità dell’alluminio con delle capacità di coibentazione termica di alto livello.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.