climatizzazione

Bonus climatizzatori

Estate calda per chi rimane in città ma con il bonus climatizzatori, la soluzione è a portata di mano

Con luglio si entra ufficialmente nel pieno dell’estate e si fanno i conti con l’aumento delle temperature in ogni parte del nostro paese. Chi non è ancora riuscito ad andare in vacanza, a godere della brezza marina o dell’aria fresca della montagna, si organizza per beneficiare di attimi di refrigerio nei parchi cittadini, nei locali all’aperto o in luoghi in cui è presente un clima fresco.                                                                                                                                       

Per altri invece, l’estate è il momento ideale per attrezzarsi al fine di evitare le temperature troppe elevate o alterazioni di umidità in casa. Sono infatti molti coloro che, in questo periodo, decidono di installare nuovi sistemi di raffrescamento e condizionatori, usufruendo del bonus condizionatori 2020 attivabile con uno dei diversi operatori del settore energetico, come E.ON. Questa agevolazione, prevista dal Decreto Rilancio, garantisce detrazioni climatizzatore per coloro i quali decidono di comprare o sostituire il proprio condizionatore con una pompa di calore a risparmio energetico. In base alla tipologia di condizionatore installato e dei lavori eseguiti il bonus potrà essere del 110%, del 65% o del 50%.

Il bonus, che può essere richiesto dai privati entro il 31 dicembre 2021, è così suddiviso: bonus 50% per chi acquisterà un condizionatore a seguito di una ristrutturazione ordinaria o per l’acquisto di climatizzatori di classe energetica A+ e superiori; bonus 65% per coloro che, volendo sostituire un condizionatore, ne acquisteranno uno a pompa di calore ad alta efficienza energetica e bonus 110% (o Superbonus 110%) per coloro che, tramite credito d’imposta o cessione del credito, procedono all’acquisto e all’installazione di un condizionatore in concomitanza a dei lavori di efficientamento energetico cosiddetti “trainanti”.

Per trovare la soluzione più idonea alle proprie necessità, è importante aver chiare le differenze sottese tra i vari bonus. Nella prima fattispecie, con ristrutturazione per condomini e privati, la detrazione equivale al 50% nel caso in cui il nuovo impianto installato sia a pompa di calore e produca un notevole risparmio energetico rispetto a quello impostato in precedenza; per ottenere invece il bonus al 50%, senza ristrutturazione è necessario acquistare un climatizzatore a pompa di calore, nel caso in cui si decida di sostituire un vecchio impianto con uno nuovo a pompa di calore e ad alta efficienza energetica.

Il bonus al 65% per climatizzatori con risparmio energetico è attivabile con l’acquisto, in sostituzione di un vecchio impianto, di un condizionatore con pompa di calore ad alta efficienza. Questo tipo di detrazione può essere applicato sia per l’utilizzo in abitazioni, sia in uffici e negozi.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.