Chalet

Chalet: due stili a confronto

Chalet: due stili a confronto

Per approfondire il tema degli chalet in montagna, oggi proponiamo il confronto fra due progetti nettamente agli antipodi, pur essendo accomunati dalla tipologia di intervento.

Nel borgo di Mezzano, tipico paese alpino nella provincia di Trento, si trova il maso ristrutturato e arredato della ditta Cassol Arredamenti; questo edificio, originariamente adibito a stalla, è stato recentemente oggetto di ristrutturazione, in modo tale da ricavarne una abitazione.

L’edificio si sviluppa su due livelli: il piano terra dedicato alla zona living, con cucina, soggiorno e un bagno, e il primo piano utilizzato per il reparto notte, con due camere da letto e un bagno. Simile l’idea alla base dei progetti di Shigeru Ban, architetto contemporaneo giapponese.

Chalet Mezzano Cassol Arredamenti interni

Il concept della ristrutturazione e dell’arredamento si basa sull’idea di “intreccio” tra tradizione e modernità: elementi strutturali originali, come i muri portanti, i sassi a vista presenti nel soggiorno, le travi di larice dei soffitti, e alcuni pavimenti, vengono accostati ad elementi dal design più moderno, come ad esempio la cucina, le porte interne e i complementi d’arredo, così  come i punti luce.

Chalet particolare faretti

Molto importante è l’utilizzo di tutto lo spazio esistente, a partire dal recupero del sottoscala, dove sono stati creati dei piccoli armadietti, mentre la scala che conduce al piano superiore, è completamente rivestita in acciaio: le pedate sono state rivestite in legno, in modo da riprendere la linea e i colori della zona cucina.

Scala in acciaio

Il piano lavoro della cucina è stato realizzato in silver stone, un agglomerato di quarzo molto resistente.

Di approccio totalmente diverso, in un ambiente montano molto pittoresco al confine tra Italia e Francia, si trova il particolare Chalet “Camelot”.

Chalet Camelot

In questo contesto fortemente vincolato da norme sull’ambiente, lo studio di architettura “con3studio” ha realizzato una nuova visione dello chalet moderno.

Particolare del locale bagno
L’abitazione emerge dalla neve con le tinte e la durezza geometrica di una roccia, costruita principalmente in legno e vetro: l’insieme si presenta con un’alternanza semplice di pieni e vuoti, in cui l’opacità della costruzione contrasta la trasparenza degli elementi vetrati che permettono al paesaggio di entrare all’interno.

Ampia vetrata  Chalet Camelot interno

L’edificio è stato concepito con un’autonomia energetica quasi totale, grazie all’uso di energie rinnovabili; gli interni sono confortevoli, e coniugano le linee dal design moderno con l’uso del materiale tipico dello chalet, il legno.

 

Arch. Elena Valori

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.