Tipi di marmo

Tipi di marmo: come sceglierlo per interni ed esterni

Oggi tratteremo i diversi tipi di marmo, come riconoscerli, quale tipologia scegliere per gli interni e per gli esterni. Sin dall’antichità questo materiale prezioso ha incantato gli uomini che hanno deciso di utilizzarlo per l’arredamento di edifici pubblici e privati, ma anche per i luoghi di culto e i giardini. La parola marmo deriva dal greco marmaros che significa letteralmente “pietra splendente“.

Il nome quindi racchiude già in sé la principale caratteristica visiva di questo materiale capace di riflettere la luce in svariati modi e presentandosi traslucido. Il marmo infatti è una pietra metamorfica che reagisce alle diverse condizioni di luminosità a causa della sua particolare composizione. Composto essenzialmente di Carbonato di Calcio (CaCO3), il marmo nasce da un processo metamorfico di rocce sedimentarie (calcare e Dolomia).

Le diverse colorazioni sono il frutto della presenza di impurità minerali nella roccia (come sabbia, limo, ossido di ferro, argilla) che conferiscono al marmo quelle venature tipiche colorate sulle nuance del rosso, del verde, del viola, del grigio e del giallo. In epoca antica l’unico marmo apprezzato era quello bianco, considerato puro e perfetto, privo di impurità, mentre quello con venature colorate era ritenuto inutilizzabile in quanto “sporco” e “impuro”. Ciò spiega perché sono solo in marmo bianco gli edifici sacri più famosi a noi giunti come il Partenope di Atene e il Pantheon di Roma.

Se si desidera qualcosa di immortale bisogna scegliere il marmo. Se si desidera un’opera destinata a far sussultare il cuore degli osservatori, allora bisogna optare per il marmo italiano.  Ma come è possibile distinguere le diverse tipologie di marmo? Su quali criteri bisogna orientare la scelta? C’è distinzione tra marmi per interni e marmi per esterni? Per scoprirlo continuate la lettura.

Tipi di marmo: come riconoscerli

Esistono diversi tipi di marmo che si distinguono in base alla loro composizione:

  • calcarei cristallini: il loro aspetto ricorda quello dello zucchero cristallizzato e sono caratterizzati dalla presenza di cristalli di grosse dimensioni e non hanno impurità. 
  • calcarei criptocristallini: la loro struttura cristallina è molto meno definita dei marmi precedentemente presentati e sono caratterizzati dalla presenza di fossili variopinti che sono il motivo delle differenti colorazioni.
  • marmi clastici: compaiono sotto forma di piccoli accumuli nelle rocce o nei materiali silicei.
  • serpentinosi: noti come “marmi verdi di Prato”, si riconoscono per la loro composizione particolare. Solitamente sono di colore verde, ma possono avere anche nuance diverse come blu e giallo. 

I marmi sono classificabili anche in base alla loro provenienza:

  • Asia Minore (Turchia)
  • Europa (Italia, Spagna, Grecia, Belgio, Francia, Irlanda e Repubblica Ceca)
  • America (Stati Uniti, Messico, Argentina, Cile, Brasile)
  • Africa (Tunisia, Algeria, Etiopia ed Egitto)

Marmo di Carrara

Il marmo bianco di Carrara è uno dei più celebri ed apprezzati al mondo. Le cave delle Alpi Apuane di Carrara sono antichissime. Ciò che caratterizza questo marmo pregiato è il colore bianco con sottili venature grigiastre. Tanti sono gli artisti che in passato hanno usato il marmo di Carrara per realizzare i loro capolavori eterni basti pensare alla Pietà di Michelangelo.

Marmo di Botticino

Il marmo di Botticino fiorito prende il nome dal luogo di provenienza, le cave di Botticino in provincia di Brescia, ed è caratterizzato da una nuance beige. Noto per la sua compattezza, i bassi livelli di porosità ed assorbimento (che lo rendono ideale per gli ambienti esterni), questo marmo pregiato è famoso in tutto il mondo. Riveste la Casa Bianca, il Grand Central Terminale di New York City e il Teatro della Scala di Milano

Travertino

Il marmo travertino ha una colorazione che oscilla dal bianco al giallo e si caratterizza per la sua compattezza, resistenza e duttilità. Utilizzato ampiamente nelle opere di arredo urbano sin dall’epoca dei Romani (lo troviamo nel Colosseo), questo materiale è perfetto sia per gli interni che per gli esterni (scale, pavimenti, tavoli, piano della cucina, ecc).

Marmo perlato di Sicilia

Il marmo perlato di Sicilia prende il nome dal suo colore avorio perlato con venature brunastre. Viene estratto nelle cave della zona di Custonaci, a sud della Sicilia. Elegante e raffinato, si distingue per la sua luminosità (non a caso è possibile ancora oggi ammirarlo nei rivestimenti della Basilica di San Pietro o all’interno del Palazzo Montecitorio). 

Marmo nero di Marquinia

Il marmo nero di Marquina, come si può immaginare sin dal nome, si distingue per il suo accattivante colore nero profondo e super intenso con venature bianche. Estratto nelle cave spagnole di Marquina, è oggi ampiamente ricercato come elemento d’arredo di lusso. Viene usato sia per gli esterni (pavimentazioni) sia per gli interni (bagni, scale e pavimenti). 

Marmo Rosso Francia

Il marmo Rosso Francia ha un colore rosso scuro con venature di diverse tonalità, dal bianco al violaceo. Perfetto per gli ambienti interni (solitamente scale e pavimenti lucidi), questo marmo dona un’irresistibile fascino a qualsiasi tipo di ambiente ed è apprezzato per la sua grande raffinatezza.

Marmo rosso di Sicilia

Il marmo rosso di Sicilia viene estratto nelle cave siciliane e si caratterizza per il suo colore perlato con venature dal rosso chiaro a quello scuro.

Marmo Dark Emperador

Il marmo Dark Emperador è uno dei più pregiati e ricercati del mondo. Si caratterizza per il suo colore marrone scurissimo che appare quasi nero e le sue venature color nocciola o caramello. Di origini spagnoli, ne esistono di tre varietà: Emperador grigio, Emperador scuro (nero), Emperador light (nocciola). Viene usato per i rivestimenti interni. 

Marmo crema Marfil 

Il marmo crema Marfil è caratterizzato da un colore beige che gli dona un aspetto sobrio, ma raffinato. Viene usato sia per gli interni che per gli esterni (colonne, decorazioni in giardino). 

Marmo verde Alpi 

Il marmo verde Alpi può assumere diverse tonalità di verde da quello più chiaro a quello più scuro e presenta venature bianche. 

Marmo blu

Il marmo blu viene estratto in Turchia dove viene usato per le decorazioni di esterni, ma anche interni. 

Marmo statuario

Il marmo statuario ricorda moltissimo quello di Carrara sia per il colore e le caratteristiche sia per il luogo di provenienza. Ha venature grigie su un fondo avorio e deve il suo nome al fatto che viene prediletto per la realizzazione di sculture pregiate. Poiché la disponibilità è scarsa, questo marmo ha un valore superiore persino a quello di Carrara. 

Marmo di Calacatta

Il marmo di Calacatta si distingue per il suo colore bianco caldo con venature tenui tendenti al giallo, al grigio o al viola. Come quello di Carrara e quello statuario, viene estratto nelle cave di Carrara. Pregiato ed elegante viene usato per gli arredi interni.

Marmo bianco di Thassos

Il marmo bianco di Thassos prende il nome dal suo luogo di provenienza, l’isola greca di Thassos e si caratterizza per il suo colore bianco assoluto senza sfumature né venature e per la grana molto fine. 

Pietra di Trani

La pietra di Trani è una tipologia di marmo che prende il nome dalla omonima città in Puglia e si caratterizza per il suo aspetto rustico che lo rende perfetto per gli ambienti esterni come porticati e giardini. 

Marmo arabescato

Il marmo arabescato viene estratti in provincia di Lucca ed è un marmo bianco molto elegante caratterizzato da venature grigie (gli arabeschi) che formano disegni sinuosi.

Marmo perlino

Il marmo perlino, noto anche come marmo bianco di Asiago, viene estratto nelle cave dell’altopiano di Asiago ed è solitamente usato per l’arredo di interni (pavimentazioni e bagni), ma anche per scale esterne.

Marmo di Candoglia

Il marmo di Candoglia è il marmo lombardo per eccellenza, usato per costruire il Duomo di Milano. Ha un particolarissimo color rosa dovuto alla presenza elevata di ossido di ferro. Sia la sua lavorazione che l’estrazione sono molto difficili e costose. 

Come scegliere i tipi di marmo

Scegliere i tipi di marmo giusto per le proprie esigenze non è semplice, anche perché il marmo continua ad essere un trend importante dell’home design. Ha un fascino senza tempo ed è capace di conferire eleganza, fascino, personalità e luminosità a qualsiasi ambiente. Questo materiale naturale ma al contempo prestigioso, è famoso anche per la sua delicatezza. Ecco perché occorre fare delle attente valutazioni al momento della scelta. Siete sicuri di voler un top cucina in marmo e non temere l’incubo delle macchie? Avendo dei bambini piccoli che corrono per casa è sicuro avere un tavolo di marmo in salotto?

Avete a disposizione il budget per un materiale così pregiato che ancora oggi è uno status symbol? Il costo dei marmi non dipende dal loro colore, ma dalla rarità. I marmi siciliani (Perlatino, Rosso Tramonto, Cappuccino, Crema di Roccia, Rosa Antico) pur essendo di pregio hanno un costo accessibile. Il marmo Calacatta, Nero Portoro, Arabescato e Giallo d’Istria hanno un costo più elevato. C’è anche da calcolare la posa il cui costo non scende mai sotto ai 50€/mq. 

I vantaggi nello scegliere il marmo per il pavimento o il rivestimento sono tanti. Con il suo aspetto maestoso e lucido è sempre amore a prima vista. Dona subito classe a qualsiasi ambiente, oltre ad essere duraturo e resistente agli urti. Lo svantaggio è che si sporca facilmente (caffè ed olio ad esempio sono nemici giurati).

Tipi di marmo per interni

I tipi di marmo adatti per le scale interne sono solitamente quelli bianchi come il biancone, il bianco di Carrara, il bianco prelino, ma anche il nero Marquina. Per essere usato in bagno o cucina il marmo va prima trattato con speciali sigillanti. 

Tipi di marmo per esterni 

Per gli esterni bisogna scegliere tipi di marmo resistenti e durevoli come il Bianco di Carrara o il Bardiglio Imperiale, ma anche il travertino. 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.