Vano scala

Vano scala: Significato, Funzione e Come arredarlo anche condominiale

Il Vano scala è una zona di un’abitazione o di un condominio che spesso viene sottovalutata e trascurata. Non sempre infatti viene valorizzato e per tale motivo è spesso oggetto di dibattiti e litigi, soprattutto per chi vive in condominio. Chi vive in un condominio ma anche chi ha una casa multipiano ha senz’altro a che fare con il vano scala: dunque è essenziale prenderlo in considerazione nell’ambito del design di interni. Anche questa zona nascosta della casa, infatti, può essere arredata e caratterizzata e può rappresentare anche una zona salva-spazio particolarmente funzionale. Per quanto riguarda invece il condominio, il vano scala rappresenta un po’ il biglietto da visita del palazzo: arredarlo, specie con piante o elementi naturali, può far acquistare valore e attrazione all’intero edificio. Vediamo, nello specifico, il significato di vano scala, la funzione e come valorizzarlo.

Significato e funzione

La parola “vano scala” è composta dall’aggettivo latino vanum, “vuoto”, e scala, ad indicare lo spazio occupato dal sistema di distribuzione verticale di un organismo architettonico. Questo spazio è anche chiamato “gabbia della scala” e in genere occupa una campata dello schema strutturale di un edificio. La funzione del vano scala è quella di permettere il libero sviluppo in verticale della scala senza interferire con i solai dei piani, se non nei punti chiamati “di sbarco”. Per la buona riuscita di un progetto architettonico è di fondamentale importanza l’ubicazione del vano scala. Nel progettarlo si deve prestare particolare attenzione soprattutto a tre elementi :

  • le modalità di accesso dall’esterno
  • la corretta illuminazione del vano
  • la corretta connessione tra pianerottoli della scala ed i  solai dei piani serviti, vedi anche soppalco in legno.

Vano scala: come arredarlo

Il vano scala non è un elemento “morto”, ma spesso è uno spazio che viene sottovalutato dal punto di vista dell’arredo. Peccato perché valorizzandolo come merita, con interventi mirati, può veramente fare la differenza nella visione di insieme del nostro arredamento. D’altronde si tratta di una zona di passaggio molto frequentata, quindi perché non darle il valore che merita? Arredarlo è divertente e semplice e lo si può fare in molti modi, vediamoli.

  • Dipingere le pareti

Le pareti colorate del vano scala possono dare un tocco di allegria a questo spazio, a patto che la tinta scelta si abbini con il resto dell’arredo della casa. Dipingere le pareti del vano scala, inoltre, con una tonalità diversa rispetto ai colori delle altre pareti può caratterizzare l’ambiente e diventare elemento di contrasto particolare e ricercato.

  • Quadri e specchi

Quadri e specchi di varie forme e dimensioni possono arredare notevolmente il vano scala. Specchi circolari e ottagonali che riescono anche a cambiare la prospettiva. Quadri e fotografie vanno ben abbinati cercando le corrette corrispondenze geometriche in modo da creare una continuità visiva. I quadri possono essere suddivisi in più parti cosi da coprire la lunghezza senza riempire troppo lo spazio.

  • Scale dipinte

Oltre le pareti anche le scale possono essere dipinte, sempre tenendo ben presente il resto dell’arredo. Si tratta di una scelta che deve essere ponderata bene, soprattutto nella scelta dei colori e delle tonalità. Sempre più spesso, infatti, si sceglie di dipingere le scale con diverse nuances e colori, rendendo l’ambiente originale e particolarmente adatto per uno stile d’arredamento etnico.

  • Piante

Le piante sono un elemento di arredo che conferisce naturalezza all’ambiente. Possono essere posizionate all’ingresso della scala o collocate sugli scalini all’interno di cesti naturali. Pochi elementi collocati nei punti giusti riescono davvero a cambiare la percezione della propria abitazione e il “quadro d’insieme” dell’arredamento.

Posizionare dei faretti lungo il vano scale è un modo per arredare questa zona di passaggio. Oltre alle luci, è importante anche decorare il vano scala: quadri, cornici o specchi lo renderanno più accogliente e originale. L’illuminazione è un fattore da non sottovalutare, specie nei vani scala condominiali dove l’oscurità potrebbe non essere apprezzata e diventare elemento disturbante. Applicare faretti led a incasso, ad esempio, è una scelta da valutare, una scelta moderna e funzionale.

  • Altri elementi di arredo

Anche gli adesivi murali sono un valido elemento di arredo per il vano scala. Il corrimano può essere di colore e forma particolari Se si ha spazio a disposizione si può inserire un mobiletto o se si ha la possibilità di sfruttarne la profondità, un vano scala potrebbe diventare un ottimo elemento salvaspazio, un vero e proprio mobile contenitore comodo e utile.

Vano scala condominiale

Quando si è in un condominio più che l’arredo del vano scala si pensa alla ripartizione delle spese. A tal proposito occorre rifarsi a quanto stabilito dal codice civile in particolare in base ad i criteri dettati dall’art. 1124 c.c che sancisce che le spese relative per le scale e gli elementi ad esse connessi (rampe, scalini, pianerottoli, ringhiera e corrimani, intonaci sotto le rampe, ecc.) vanno ripartite per metà in ragione del valore millesimale delle singole unità immobiliari cui la struttura serve, e per l’altra metà “esclusivamente in misura proporzionale all’altezza di ciascun piano dal suolo”. L’articolo del codice civile continua stabilendo che

“Al fine del concorso nella metà della spesa, che è ripartita in ragione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti, le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di proprietà comune“.

Tinteggiatura vano scala

I criteri stabiliti dall’art. 1124 riguardano tutte le spese relative alla conservazione della cosa comune, per mantenere l’uso e il godimento a vantaggio dei condomini facendo fronte alla naturale deteriorabilità delle strutture. Devono, quindi, ritenersi comprese le spese per la tinteggiatura delle scale (Cass. n. 3968/1997).

vano scala
Vano scala condominiale

Illuminazione vano scale

Per quel che concerne la luce artificiale degli interni, nell’illuminazione dei condomini occorre fare riferimento alla normativa del 1994 UNI 10380, che si applica in tutti quei casi in cui l’edificio è di nuova costruzione o quando riguarda la  trasformazione radicale dell’impianto luminoso già esistente. La normativa stabilisce che le zone di passaggio come atri, vano scala, corridoio e simili, devono essere dotate di un’ illuminazione che consenta il chiaro riconoscimento dei pericoli, degli ostacolo e del percorso. Ecco di seguito la tabella di valori di riferimento per gli ambienti condominiali

  • Aree di passaggio – 50-100-150 lx bmedi
  • Scale, ascensori – 100-150-200 lx medi
  • Locale caldaia – 50-100-200 lx medi

Aree di manovra delle autorimesse condominiali e aree di passaggio – 50-100-150 lx medi. Ovviamente il rispetto della normativa ha la priorità su tutto. Ciò premesso non è da escludere che è possibile, se tutti i condomini sono d’accordo, rendere anche il vano scala condominiale più accogliente. Si può infatti posizionare su ogni pianerottolo una pianta da interno adatta. In ogni caso, sia che si parli di vano scala privato, sia che ci si riferisca ad uno condominiale, è importante curare e valorizzare questo ambiente di forte passaggio.

Vedi anche Wikipedia

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.