Faretti LED

Posizionare correttamente i punti luce all’interno della casa è un passaggio fondamentale per vivere al meglio l’ambiente domestico, evitare di affaticare gli occhi e creare le giuste zone di luce ed ombra. Accade sempre più spesso che come oggetti di illuminazione siano utilizzati i faretti, che possono essere fissi o direzionabili a seconda dell’effetto che si desidera creare.

Ma quali faretti scegliere? A seconda delle esigenze e dell’ambiente che si vuole valorizzare ci sarà una soluzione diversa. Una volta accertato che il classico lampadario non fa a caso vostro, i faretti sono la scelta più indicata. Per illuminare porzioni di casa, quali ad esempio gli ingressi, il tavolo da pranzo, un mobile particolare, la soluzione migliore è applicare dei faretti fissi. Nel caso in cui, invece, in un ambiente si vogliono illuminare punti diversi, sono preferibili i faretti direzionabili. Anche una zona lavoro per essere ottimale deve ricevere un’illuminazione costante: in questo caso una serie di faretti può essere la scelta vincente.

Perché scegliere i faretti LED

Negli ultimi anni sempre più persone decidono di optare per i faretti LED nelle proprie abitazioni (vedi anche i faretti led da esterno), mettendoli ex novo o sostituendo le vecchie lampadine alogene tradizionali. Ma perché preferire i faretti LED? Il vantaggio principale che orienta la scelta è il risparmio energetico (che nel caso del LED può essere addirittura del 90%). In secondo luogo, si valuta il minor inquinamento dell’ambiente. Ecco i 10 vantaggi dei LED:

  • Bassissimi costi di manutenzione dovuti alla loro grande affidabilità
  • Efficienza elettrica in continuo aumento
  • Minimo riscaldamento degli oggetti illuminati
  • Accensione possibile anche a bassissime temperature (-40°)
  • Accensione istantanea (non serve aspettare per avere una buona luminosità e si evita l’effetto “sfarfallio” nel momento in cui si accende l’interruttore
  • Alimentazione in bassissima tensione in corrente continua
  • Durata di funzionamento
  • Luce pulita (non ha componenti IR e UV)
  • Colori saturi
  • Elevata resistenza meccanica alle vibrazioni
  • Compatibilità con tutti gli attacchi
  • Totale assenza di inquinamento luminoso

Faretti LED in camera da letto

In una stanza come la camera da letto la rapidità d’accensione è essenziale, soprattutto se ci si alza di notte. Il controsoffitto è ideale per posizionare faretti, allineati o anche disposti secondo la propria fantasia per personalizzare l’ambiente.

Faretti LED in cucina

In un ambiente come la cucina adibito alla preparazione dei piatti e alla cottura degli alimenti l’illuminazione è un elemento essenziale. La soluzione più comoda e al contempo più semplice è il posizionamento di faretti LED sui sottopensili, in modo da avere la giusta illuminazione mentre si lavora ai fornelli. Sul tavolo da cucina dove si consumano i pasti in famiglia o si beve un caffè in compagnia di amici l’ideale sono apparecchi a sospensione o anche a soffitto, perfetti per offrire una luce uniforme. Vedi anche l’articolo sull’arredamento della cucina.

Faretti LED in soggiorno

Ideali per l’arredamento del soggiorno sono le luci ad incasso nel controsoffitto che consentono di creare geometrie ed effetti particolari sulle pareti. Se avete un angolo lettura, scegliete una piantana di design con luce led per direzionare il fascio di luce e non infastidire gli altri ospiti della stanza.

Faretti LED in cabina armadio

Se a posto del tradizionale armadio avete una bella cabina armadio, non potete rinunciare alle luci LED. A livello delle ante collocate strisce LED che si accendono all’apertura, mentre a livello pavimento faretti per delimitare lo spazio.

Faretti LED in bagno

Nella stanza da bagno l’ideale sarebbe posizionare faretti incassati nel soffitto, perfetti per donare luce all’ambiente e eliminare gli angoli bui.

Anche il mobiletto con specchio sopra il lavabo si presta a essere illuminato con faretti LED. Vedi il nostro articolo sull’arredamento del bagno.

Come smaltire il LED

Sebbene la sua efficienza sia maggiore, una lampadina LED non può essere smaltita gettandola nel cassonetto dei rifiuti urbani o nella raccolta indifferenziata di casa. È necessario separarla dal resto dei rifiuti e portarla presso l’apposita piazzola di smaltimento del proprio comune di residenza affinché ci sia il corretto riciclo e smaltimento del prodotto. Non a caso sulle confezioni delle lampadine LED è obbligatorio il simbolo di un cassonetto sbarrato per ricordare agli utenti il corretto riciclo.

Faretti LED ad incasso

I faretti ad incasso sono attualmente la tipologia più diffusa. Vengono montati all’interno del controsoffitto in modo che la maggior parte del prodotto non sia visibile e resta a raso solo una piccola parte. Di forma solitamente tonda, ma disponibili anche quadrati, possono essere di diverso materiale: la maggior parte sono in vetro o in acciaio, ma ci sono anche in gesso e in tutti i materiali resistenti alle alte temperature. Per avere un’idea dello spazio che occupano, bisogna lasciare almeno 10 centimetri di spazio nel controsoffitto per poter montare la parte posteriore, quella non visibile a lavoro ultimato.

Faretti LED: durata

I LED conservano il 70% dell’emissione luminosa iniziale ancora dopo 50.000 ore, seguendo gli standard EN50107. Non bisogna ovviamente sostituirli dopo tale periodo, ma se non vi infastidisce la perdita di luminosità, i LED si possono usare senza problemi fino alla completa perdita di luminosità, stimata intorno alle 100.000 ore.

Ipotizzando un funzionamento di 6 ore al giorno e confrontando la durata dei LED rispetto alle lampade tradizionali, si osserva che:

  • La vita media di una lampada a scarica è di 4000 ore (circa 666 giorni)
  • La vita media di una lampadina a filamento è di 1000/1500 ore (250 giorni circa)
  • La vita media di una lampada fluorescente è di 6000 ore (1000 giorni)
  • La vita media di un LED è di 50.000 ore (8333 giorni)

Faretti LED: come funzionano?

Il LED è un componente elettronico che, al passaggio di una minima corrente, si accende immediatamente emettendo una luce priva di infrarossi ed ultravioletti. La generazione della luce nella tecnologia LED (Light-Emitting Diodes) avviene tramite semiconduttori invece che attraverso un filamento o un gas. Nel tempo i LED sostituiranno le lampade tradizionali ad incandescenza e le lampade a fluorescenza, dal momento che l’illuminazione LED è più efficiente dal punto di vista energetico, è più sostenibile, ha una durata maggiore, non inquina o contiene sostanze nocive e non genera calore, ma lo trattiene all’interno.

Pin It
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.