scale-in-legno

Scale in legno: rustiche, per soppalco, per esterno e fai da te

Se vi state chiedendo perché scegliere una scala in legno siete nel posto giusto. Si tratta di scale d’arredo troppo spesso dimenticate e sottovalutate, ma in realtà hanno un fascino intramontabile ed eterno. Ricordano le scale classiche del passato o quelle delle case di montagne in stile country. Quale materiale dona la stessa sensazione di calore del legno massello di faggio o di rovere? Nessuno. Vi preoccupate perché il legno è soggetto ad usura nel tempo e si rovina facilmente? Certo essendo un materiale “vivo” è soggetto ad invecchiamento. Ma ad esempio se scegliete il faggio negli anni maturerà e diventerà ancora più caldo e vivido e l’effetto sarà stupendo. Le scale in legno sono un pezzo d’arte e di design senza tempo nella vostra casa e vi accompagneranno per tutto il percorso della vostra vita, quasi come un compagno di vita che muta con voi e come voi risente dei segni del tempo. Poetico vero?

Scale in legni rustiche

Il legno è un materiale caldo e accogliente, perfetto per ammorbidire lo stacco tra la zona giorno e la zona notte. Per chi vuole una scala dall’anima rustica può optare per legni grezzi ed associazioni con i metalli. La scala rustica è perfetta per una baita in montagna o una casa di campagna. Molto bella anche la scala con corrimano in legno o la scala a struttura portante con corrimano sobrio in acciaio inox. Sul sito Siller trovate tantissime idee per chi desidera il modello rustico.

scale in legno rustiche

Scale per soppalco

Le scale in legno per soppalco sono un’ottima soluzione salvaspazio. L’esigenza del soppalco nasce pere recuperare metri quadri in case con poco spazio. Si trovano spesso in monolocali, case per single o appartamenti piccoli ma con spazio da sfruttare in altezza. Oltre ad essere funzionale la scala a soppalco diventa un vero elemento di design. Pensate a quelle in legno che rappresentano una sorta di dispensa o cantina. Sono favolose non trovate? Le idee sono tante online sul web, basta solo trovare la giusta ispirazione per la vostra casa.

Scale in legno per esterno

Se avete una villetta con annesso giardino è utile una scala in legno per esterno. Potete acquistarla online o nei negozi specializzati oppure dedicarvi al fai da te (ma sembra manualità ed esperienza). Le scale da esterno in legno sono quelle adatte a uno stile classico e country e non ad un’abitazione moderna e industriale. Prima di comprarla o realizzarla valutate lo stile della vostra abitazione per non creare un effetto antiestetico. Una variante da considerare è il gres porcellanato effetto legno che riproduce l’effetto del materiale ma è più facile anche da montare.

Scale in legno fai da te

Per costruire una scala fai da te occorre il legno lamellare. Il materiale va scelto con grande attenzione perché da esso dipende la sicurezza della scala. Scartate travi con fessure e nodi. L’altezza della scala è la distanza fra i piani da unire. Calcolate la pendenza della scala (ovvero il rapporto tra alzata e pedata). Una scala comoda ha come somma di alzata e pedata 480 mm. Per calcolare la larghezza bisogna capire il numero di persone e il traffico che deve sopportare. Per il passaggio di 2 persone non deve essere inferiore a 1 metro e 10cm. Mentre per realizzare una scala fai da te vi consigliamo il rovere. L’elevato costo però lo rende prerogativa di case di lusso. In alternativa usate travi di conifere o latifoglie, più economiche e facili da reperire.

Scale in legno a pioli

La scala a pioli è perfetta in una libreria o come complemento d’arredo creativo in cucina o come portasciugamani nella stanza da bagno di piccole dimensioni. Sono favolose e molto d’effetto. Potete anche verniciarle di colore bianco.Si apprestano a mille usi creativi, anche come elemento d’arredo in camera da letto o come appendiabiti se collocate sospese in posizione orizzontale parallela al soffitto. Su sito Ellecuorea si trovano numerosi spunti creativi. Che aspettate?

scale a pioli

Come rinnovare le scale in legno

Se avete una scala in legno siete consapevoli del problema del suo deterioramento nel tempo, a causa del frequente utilizzo. Avete notato che si è rovinata la vernice in alcuni punti? O sentite un forte scricchiolio quando la usate? O magari c’è un gradinato rovinato e pericoloso che andrebbe cambiato? Ma quando è il momento di rinnovare la vostra scala? Molto dipende dalla sua collocazione. Se la vostra scala collega zona giorno e zona notte, allora si deteriora più velocemente rispetto a una scala che collega salotto e soffitta. I segni di usura di una scala possono essere di due tipi:

  • danni estetici (graffi, vernice rovinata, ammaccature)
  • danni strutturali (scricchiolio, gradini da sostituire)

Per la prima tipologia di danni potete programmarli con calma senza fretta perché riguardano la bellezza della scala. Per la seconda tipologia, invece, non potete rimandare, anzi bisogna intervenire subito per evitare che la scala diventi pericolosa e poco sicura per i membri della famiglia.

Se il vostra problema è la vernice usurata

In questo caso basterà dipingere le scale in legno. Procedete con della cartavetrata a grana media a rimuovere la vernice vecchia e spianare eventuali ammaccature. Provate in un punto la vernice e se l’effetto è quello desiderato fate la prima passata di vernice. Una volta asciugata procedete con la seconda e poi la terza. Poi usata una cartavetro a grana fine e due passate di smalto trasparente di protezione.

Se il vostro problema è un’ammaccatura alla scala

In questo caso potete usare uno stucco specifico per legno. Una volta asciutto usate della carta vetrata con grana molto fine per livellarlo con la superficie dello scalino e ottenere un risultato omogeneo. Se il vostro problema sono i graffi dovete prima valutare se sono leggeri o molto profondi. Per graffi leggeri basta pulire a fondo i graffi con essenza di trementina, poi usate una speciale matita con cera di restauro (per l’abbinamento colori scegliete una tonalità più chiara del legno della vostra scala) e coprite poi con pennellate di un colore marrone più scuro.

Se dovete confrontarvi con graffi molto profondi usate della gommalacca dello stesso colore della scala e poi una volta asciugata passate la cera. Nel caso in cui si tratti di un un gradino in quel caso va sostituito. Se invece il problema è lo scricchiolio potete dal sottoscala verificare i cardini e stringerli o sostituirli. Ricordate che una scala fatta di legno per essere sicura deve avere una pedata (ossia la parte orizzontale del gradino) di 30/31 cm, e un’alzata (parte verticale del gradino) di 15/17 cm.

Qui potete trovare alcuni modelli di scale in legno

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.