arredamento-giapponese-caratteristiche

Arredamento Giapponese: Caratteristiche, Japandi e Ambienti Casa

L' arredamento giapponese le caratteristiche, gli elementi tipici dello stile e come arredare gli ambienti della casa con l'arredamento giapponese

L’arredamento giapponese è tra gli stili di arredo più apprezzati e più in voga. Si tratta di uno stile che non è solo un modo di arredare ma piuttosto un modo di vivere. È infatti inevitabile non associare l’arredamento giapponese allo stile zen che punta a trasmettere pace, bellezza, tranquillità, armonia, il tutto volto a contrastare lo stress tipico delle culture occidentali.

La regolarità delle forme che contraddistinguono lo stile giapponese si riflette nella mente e la ripulisce dagli eccessi. Vediamo quelle che sono le peculiarità dell’arredamento giapponese.

arredametno giapponese

Arredamento giapponese: Caratteristiche

Ciò che distingue lo stile d’arredo giapponese sono il concetto di open space, le linee pulite, il design minimal, l’impiego di elementi naturali.

  • Spazi open space

Nell’arredamento giapponese gli spazi sono aperti, ampi, liberi, perimetrati da vetrate che rappresentano una sorta di continuità e che consentono di vedere l’esterno e la natura. Ci deve essere la giusta distanza fra mobili e complementi d’arredo. Non si deve mai eccedere nel numero di elementi presenti perché questo creerebbe caos e malessere, sia psichico che fisico in netto contrasto con lo spirito zen. L’ambiente non deve mai essere soffocante, ma deve essere orientato verso una sensazione di relax spirituale.

  • Il verde in casa

Il rispetto per la natura è uno dei concetti chiave della filosofia Zen, per questo motivo la natura stessa è  parte integrante della casa. I bonsai rappresentano le piante ideali in quanto sono le piante tipiche giapponesi ma va bene qualsiasi pianta, purché dia un tocco di colore verde intenso alla casa.

Nell’arredamento giapponese rivestono grande importanza i complementi di arredo che devono essere in linea con lo stile. Stuoie, pareti mobili in carta di riso semitrasparente, tavolini bassi, un set sushi, fontane zen rilassanti, bonsai, sono tutti elementi che contribuiscono a creare l’armonia caratteristica dello stile.

  • Arredamento giapponese: i materiali

I materiali naturali come il bambù ed il legno sono un fattore imprescindibile nell’arredamento giapponese. L’acero, il cipresso e il pino rosso sono tra i tipi di legno più impiegato in questo stile. Ciottoli di fiume, piante fresche, iuta, sono tutti materiali che ritroviamo in questo stile dove gli elementi della natura fanno parte integrante dell’arredo della casa.

  • Colori nell’arredamento giapponese

Così come il resto, anche i colori nell’arredamento giapponese devono rilassare. Quindi si ai colori naturali, tenui e morbidi per pareti, mobili, tessili, complementi di arredo. Il bianco panna ed  il verde muschio son un must, e per divani e mobili sono perfetti il nero e ogni declinazione del color legno.

  • L’illuminazione

Per quel che concerne l’illuminazione, occorre orientarsi per luci dal tono medio-basso, calde e soffuse ma durante il giorno è la luce naturale che deve padroneggiare.

  • Outdoor giapponese

L’esterno della casa è in linea con l’interno. Per questo è opportuno, se si dispone di un giardino, creareun giardino zen, che come l’interno sarà contraddistinto da un design minimal dove pietre e ghiaia faranno da sfondo a piante e fontane. Il giardino zen è un giardino sensoriale spesso caratterizzato da un percorso il legno.

  • Essenzialità

Il minimalismo è una delle peculiarità dell’arredamento giapponese: pochi elementi, ordine e linearità. Dalla camera da letto, al soggiorno, dalla stanza da bagno alla cucina, nell’arredamento giapponese deve essere presente solo l’essenziale.

Arredamento Giapponese: Japandi

L’arredo giapponese ha un denominatore comune con lo stile nordico o scandinavo: è la linearità e l’essenzialità.  La fusione dei due stili ha creato lo stile Japandi, uno dei trend di interior design più che mescola due mondi geograficamente lontani, ma filosoficamente simili. Anche lo stile scandinavo come lo stile giapponese punta sulla semplicità sugli elementi naturali, per un approccio alla vita rilassante e ordinato.

Il Japandi vanta l’aspetto moderno del design nordico e lo mixa con l’eleganza senza tempo dell’arredamento giapponese. Rispetto al classico arredamento giapponese, lo stile Japandi ha un interior design freddo, quasi asettico che si basa su colori contrastanti come il blu e il grigio tempesta.

Arredamento Giapponese Japandi
Arredamento Giapponese Japandi

Arredamento Giapponese: Ambienti Casa

Dall’ingresso alla camera da letto, la casa arredata in stile giapponese si contraddistingue per un mobilio essenziale, in legno per per complmenti di arredo ben studiati: nulla è lasciato al caso, tutto è volto per rilassare corpo, mente e spirito.

  • Ingresso

Il nostro ingresso nelle abitazioni giapponesi è chiamato Genkan. Si tratta un’anticamera dove si accolgono i visitatori, dove vengono riposte le scarpe e indossate le pantofole. Nelle case occidentali si può optare per un ingresso che accolga gli ospiti e che consenta loro di spogliarsi del superfluo: giacche e cappotti. Pochi elementi in materiale naturale che danno il benvenuto e che fungono da biglietto da visita.

  • Camera da letto

Il letto tradizionale giapponese è un futon poggiato sul tatami, vediamo da vicino quelli che sono gli elementi che lo compongono:

Il tatami

Un elemento immancabile delle case tradizionali giapponesi è la pavimentazione realizzata con l’uso dei tatami. Il tatami è una sorta di  stuoia dello spessore che va dai cinque ed i sei centimetri. E’ realizzato con paglia di riso pressata e ricoperta da giunco (igusa). Il tatami è un elemento d’arredamento estremamente sfruttato attorno al quale ruota l’intera giornata: nella stessa stanza si mangia, si dorme, si gioca e si fa la cerimonia de tè.

Il  futon

Il futon è un materasso sottile che si può arrotolare e riporre in un apposito armadio così da consentire di lasciare così libera la stanza. Viene poggiato sul tatami e assieme formano il letto tradizionale giapponese.

I letti a incastro

Esistono soluzioni alternative al futon più adatte al nostro modo di vivere, come il letto ad incastro che consente di arredare in stile giapponese senza discostarsi troppo dalle abitudini occidentali. I “letti giapponesi” sono strutture in legno che hanno un’altezza di massima di trenta centimetri e uniscono l’estetica dei letti bassi con le esigenze occidentali. a base del letto può essere una struttura completamente ad incastro che richiama l’estetica orientale. Anche in camera da letto occorre rispettare i principi dello stile di arredo: pochi elementi, ordine e spazio.

  • Cucina

La cucina tipica giapponese è neutra e priva di eccessi. Pur rispettando quelle che sono le caratteristiche dello stile non possiamo perdere di vista la funzionalità di questo ambiente della casa che per noi occidentali rappresenta il cuore dell’abitazione. Per ricreare un ambiente che coniughi stile e funzionalità ci si deve orientare in primis su cucine lineari e minimal realizzate in materiali naturali e poi si può giocare con i complementi di arredo: bacchette da cucina, i set da saké e ciotole per il riso messe in evidenza caratterizzeranno l’ambiente.

  • Dove acquistare l’arredamento giapponese?

Nei negozi dedicati ma anche on line si possono acquistare elementi di arredo giapponese. Uno dei brand che tratta questo stile è IKEA. L’arredamento giapponese ikea si può acquistare in negozio ed on line.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza cookies per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.