Arredare con l’interior design

Una parola che si sente sempre più spesso quando si parla di arredamento o di ristrutturazione: interior design, ossia design degli interni o architettura degli interni. Ma di cosa si tratta nello specifico? L’interior design è la progettazione degli spazi e degli oggetti di impiego comune all’interno di un luogo chiuso, che può essere un’abitazione privata, un negozio, uno spazio ricettivo, un ambiente di lavoro.

L’interior design riguarda gli aspetti che concernono l’arredo di una casa a 360 gradi: dai telai delle porte all’illuminazione, dall’acustica delle stanze alla domotica, senza mai perdere di vista i requisiti che soddisfano gli standard di sicurezza, che garantiscono risparmio energetico  e che si armonizzano con il resto degli arredi.

Erroneamente si pensa che l’interior design sia un valore aggiunto, e questo lo è, non alla portata di tutti, forse in passato era così ma oggi, grazie ai tanti strumenti che si hanno a disposizione si può arredare la propria casa, o il proprio ufficio quasi come lo farebbe un interior designer.

Dove si possono trovare idee di interior design?

Sulle tante riviste di arredo on line e tradizionali, sui siti web dedicati,  si possono trovare tantissime idee di interior design. Gli spunti arrivano anche dai social network dove, appassionati ed esperti del settore, si confrontano e si scambiano idee e competenze.

Quali sono i fattori fondamentali di interior design?

L’interior design è un insieme di fattori che devono coesistere armoniosamente.  Non è sufficiente posizionare in modo corretto qualche mobile in una stanza. Vediamo i fattori che non possono mancare in un progetto di interior design.

In primis c’è senza dubbio la funzionalità di una stanza.

E qui entra in gioco l’illuminazione che deve essere adeguata a seconda della destinazione della stanza (vedi anche articolo sui consigli per l’illuminazione)

Anche l’acustica delle stanze riveste un ruolo importante perché le strutture che vengono realizzate in una stanza possono avere un forte impatto sulla sua acustica. Ci sono infatti strutture che aumentano in modo naturale l’effetto del rumore, mentre altre lo smorzano, e di questo va tenuto conto a seconda dell’uso della stanza.

La domotica, ossia l’applicazione dell’informatica e dell’elettronica alla gestione dell’abitazione è un altro importante fattore per l’interior design. Attraverso la domotica, che ci semplifica la vita in maniera straordinaria possiamo fare tantissime cose:  regolare la temperatura delle nostre stanze, regolare l’illuminazione, controllare le tende, monitorare il risparmio energetico.

E poi i colori, le sfumature, i materiali, i tessuti. Tutti elementi  fondamentali nell’interior design e tutti elementi volti a dare un’identità all’ambiente in perfetto equilibrio tra innovazione e stile.

Come posso realizzare idee di interior design?

Quando si sfoglia una rivista di arredamento e si resta colpiti da un’immagine di interior design che si vorrebbe realizzare a casa propria, entra il gioco l’antico proverbio “tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare” perché riprodurre la disposizione dei mobili, il colore delle pareti, la scelta dei complementi di arredo, la collocazione dei punti luce nel proprio spazio non solo non è facile ma non è detto che sortisca lo stesso risultato.

In aiuto ci vengono tantissimi strumenti, vediamoli assieme:

Gli strumenti di progettazione on line che consentono di simulare gli ambienti con mobilio, colore delle pareti e complementi di arredo e che permettono di simulare l’arredamento delle stanze e curarlo fin nei minimi dettagli e programmi di progettazione professionali da installare sul computer.

I blog e i siti del settore con post ricchi di  foto e  di idee, di consigli, di argomenti a tema ben divisi per categoria

I gruppi pubblici dei  social network, veri e propri punti di riferimento  dove ci si può confrontare anche con esperti del settore, dove si possono avere consigli gratuiti, opinioni pareri, dove si possono condividere foto di interni e soluzioni di arredo

Pinterest, dove si possono prendere spunti sulle ultime tendenze da miriade di bacheche dedicate all’arredamento,

Infine ci si può rivolgere ad un interior designer. Un professionista in grado non solo di realizzare le idee che hai in mente, ma anche di realizzare quelle che mai ti sarebbero venute in mente.

La figura dell’ interior designer

L’arredatore di interni è una figura che pone al centro di tutto il suo lavoro la creatività, il gusto del bello, dell’estetica. Si tratta di una professione che ha molteplici sfumature e che è sempre aggiornata con le tendenze attuali. Nel momento della progettazione l’interior designer deve considerare la domotica, le energie alternative, il tutto senza mai perdere di vista stile e personalità e soprattutto tenendo in considerazione esigenze, la personalità ed il carattere del committente, ossia di chi abiterà lo spazio da arredare.

Come diventare interior designer

La figura dell’interior designer è sempre più richiesta,  chi decide di intraprendere gli studi in questa direzione ha dunque la certezza di avere sbocchi lavorativi; Per diventare interior designer si possono scegliere due strade:

  • ad oggi non esiste un corso di laurea per diventare interior designer, ma comunque un primo percorso possibile è quello universitario iscrivendosi inizialmente ad un corso di laurea triennale della facoltà di architettura, al termine del quale si ci può specializzare con un corso magistrale di architettura di interni e allestimenti, di durata biennale.
  • una seconda ipotesi per accedere alla professione di interior designer è quella di seguire dei corsi di interior designer, si tratta di formazione privati. È preferibile iscriversi ad un corso di interior designer riconosciuto o accreditato dalla regione di riferimento dell’istituto, o su dei corsi di formazione professionale in modellazione tridimensionale riconosciuti da qualche ordine professionale (CNI, CNAPPC, CNG, CNPI) così da essere certi della qualità della formazione. Si tratta di corsi altamente specialistici. Molti giovani seguono questi corsi subito dopo le scuole superiori, ad esempio dopo il liceo artistico, per entrare subito nel mondo del lavoro.

Tra gli argomenti di studio, a seconda del corso che si sceglie, si troveranno l’arte e il design, le tecniche grafiche, l’antiquariato e lo studio dei materiali, lo studio degli impianti e della bio-edilizia, la progettazione e l’arredamento, si imparerà ad usare programmi come Autocad e 3D Studio Max indispensabili per risolvere con creatività le problematiche legate alla funzione dell’ambiente interno e per progettare spazi che considerino estetica e stile, norme edilizie, l’attrezzatura a disposizione, l’arredamento e non ultimo il budget disponibile.

Grazie all’interior design si può realizzare la casa dei sogni ma non solo: si può realizzare anche quello che neppure avevamo sognato.

Pin It
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.