stili arredamento

Arredare Casa: i Migliori 15 Stili d’arredamento diversi e caratteristiche

Una guida alla scoperta di 15 stili d’arredamento differenti dai quali prendere spunto per caratterizzare la propria abitazione: dallo stile vintage al rustico, passando per il moderno e il minimal, vediamo quali sono gli stili che vanno per la maggiore, perché e come realizzarli in casa. Arredare la casa è un modo per mettere la propria personalità: in cucina, nell’ingresso, nel soggiorno, in camera da letto, la casa racconta chi siamo e inoltre è il nostro “porto sicuro”. Si tratta del luogo dove le nostre vite scorrono, dove la nostra famiglia vive, dove i nostri figli crescono. Per questo è bene che sia arredata con uno stile che ci rappresenti, con uno stile che sappia resistere ai nostri cambiamenti, che ci piaccia tanto e a lungo. Vediamo, in questo articolo, 15 stili d’arredamento che potrebbero fare al caso nostro.

Vedi anche: Arredamento d’interni

Arredare casa: i migliori 15 stili d’arredamento

Il settore arredamento ci viene incontro proponendo sempre stili nuovi che si affiancano agli “ever green, agli stili storici e ai grandi classici. Gli stili si arricchiscono di nuove declinazioni e sono in grado di soddisfare tutte le diverse esigenze. Ma come capire quello che è lo stile di arredamento adatto per la nostra casa? Diciamo che “nessuno nasce imparato” e pertanto è normalissimo avere in mente un’idea di arredo ma non sapere come si chiama e non conoscerne le caratteristiche. Un bravo mobiliere però dovrebbe sapere interpretare le vostre esigenze e capire quello che più vi aggrada. In aiuto vengono poi le tante riviste di arredamento on line e tradizionali che ci fanno sognare con le immagini di appartamenti arredati nei diversi stili. Andiamo allora a conoscere gli  stili d’ arredamento più comuni, tra questi c’è sicuramente quello per la vostra casa.

1. Stile Industrial

Si tratta di uno stile d’arredamento molto amato tra i giovani, che ben si presta per loft ed ambienti open space ma anche per negozi e locali. Lo stile industrial, è caratterizzato da superfici ruvide con finiture cromatiche non omogenee, da materiali che rivelano la loro natura autentica senza decori né lavorazioni, da pareti lasciate al grezzo, da poltrone in pelle nera o marrone, da mattoni a vista, da acciaio e grandi finestre luminose. Può essere abbinato ad altri stili d’arredamento (ad esempio al moderno).

Stile Industrial

2. Stile Shabby chic

Molto amato dal genere femminile, lo stile shabby sembra davvero aver preso di diritto il posto tra gli stili più di successo. Uno stile “vissuto/trasandato elegante” e romantico perfetto per le case di campagna ma anche per gli appartamenti. E’ caratterizzato da  finiture ed arredi di  tonalità pastello, bianche, beige e grigie. Nello stile shabby chic si possono impiegare pezzi  autentici pezzi realmente usurati dal tempo e, oppure mobili nuovi sui quali si interviene con il  decapaggio che conferisce l’aria vissuta. (vedi anche: tende shabby chic)

Stile Shabby chic

3. Stile Boho chic

Uno stile che ci viene regalato dalla moda e che prende ispirazione dallo stile bohemienne, reinterpretandolo con elementi hippie e Seventies. E’ caratterizzato da linee avvolgenti, tessuti variopinti patchwork. Perfetto in abbinamento alo stile classico che ne viene alleggerito e sdrammatizzato. Adatto a chi ama la moda, la versatilità, l’eccentricità e lo stile. Lo stile Boho-chic è uno stile che vede l’individuo protagonista assoluto della casa e che quindi da spazio alla libera espressione della sua personalità, anche con scelte non convenzionali come l’impiego sconsiderato dei colori.

4. Stile Etnico

Tanto colore per lo stile etnico, che ama gli accostamenti audaci, che presenta una gran quantità di inserti in corda e raffia, che vuole legni pregiati, metalli traforati, pelle e tessuti. Uno stile che racconta di viaggi e di atmosfere lontane come Africa, Asia, Centro e il Sud America. Adatto ai viaggiatori che amano portare pezzi dei loro viaggi nella loro casa.

Stile Etnico

5. Stile Classico moderno

L’intramontabile classico in versione moderna è davvero un ever green che difficilmente stanca. Uno stile caratterizzato da linee sobrie ed arredi funzionali è ideale ad esempio per l’arredamento del salotto. Un aspetto ordinato, concreto, formale, fatto di complementi in monocronia o comunque con abbinamenti azzeccatissimi. Adatto a chi ama la concretezza e la sobrietà.

Stile Classico moderno

6. Stile Contemporaneo

Lo stile contemporaneo è fatto di linee pulite ed essenziali, di colori puri e soluzioni trasformabili, adatto ai più giovani che vogliono funzionalità ma anche impatto visivo. Nello stile contemporaneo non si perde di vista nemmeno il risparmio energetico, in perfetta ottica green.

7. Stile Rustico

L’intramontabile stile rustico è uno stile molto apprezzato perché riporta quell’autenticità che materiali  legno e pietra sanno dare più di altri. Mobili in legno e ferro battuto, pavimenti in cotto, travi a vista, ceramiche pronte per essere riempite di cose buone. Lo stile rustico è perfetto per le case di campagna circondate dal verde.

Stile Rustico

8. Stile Vintage

Lo stile vintage non è per tutti. Caratterizzato da modernariato e da oggettistica di recupero a partire  dagli anni Venti in poi. Entrare in una casa arredata in stile vintage significa fare un salto indietro nel tempo, con pezzi di collezionismo e con soluzioni decorative di grande impatto visivo. Difficile trovarlo nella casa di una coppia, più facile in quella di un single perché si tratta di uno stile che non mette tutti d’accordo. Ma si può comunque abbinare con altri stili d’arredamento e quindi un pezzo in stile vintage mescolato ad un altro stile di arredo può accontentare tutti.

Stile Vintage

9. Stile Scandinavo

Abbiamo imparato a conoscerlo anche grazie al marchio IKEA. Uno stile caratterizzato da materiali come legno, lana, lavorazioni tradizionali, inserti handmade, geometrie pulite, da linee senza eccessi. Tra i tessili troviamo anche texture giocose e pop. Nuance chiare e un aspetto molto ordinato e funzionale sono le principali peculiarità di questo stile di arredo amatissimo. (Vedi anche: camera da letto in stile scandinavo)

Ikea lo Stile Scandinavo per eccellenza

10. Stile Minimalista

Lo dice la parola stessa: uno stile che non ha spazio per il superfluo, fatto di linee pulite ed essenziali. Non adatto per chi ama la casa accogliente e calda, perfetto per gli amanti dell’ordine.  Anche nei colori bando agli sprechi: total white o bianco e nero i toni perfetti per lo stile minimal.

Nella scelta dello stile di arredamento tenete anche in considerazione altri elementi oltre il vostro gusto. E’ importante la conformazione della casa, la location, lo spazio che si ha a disposizione. Un grande casa di campagna avrà potenzialità diverse rispetto ad un monolocale. Fatevi dunque consigliare anche da un arredatore o da un interior designer.

Stile Minimalista

11. Stile Art Dèco

Lo stile Art Dèco prende il nome da un evento particolarmente importante che si tenne a Parigi nel 1925, ovvero l’Exposition internationale desarts décoratifs et industriels modernes. Fu proprio in questo frangente che si sviluppò la tendenza al bello, al decorativo seppure con linee nette e moderne. Lo stile Art Dèco, infatti, si caratterizza sia per linee simmetriche o geometriche, sia per particolarità tendenti al vintage ma senza colori o materiali eccessivi. Questo stile predilige materiali come il legno, l’acciaio e il vetro e dona all’ambiente un tocco originale che potrebbe rappresentare un ottimo stile di contrasto data la personalità che emana.

Stile Art Dèco

12. Stile tropicale Urban Jungle

Una sorta di giungla urbana quella che propone questo stile che trasforma le nostre pareti ijn sfondi tropicali, in foreste, in luoghi da sogno. Tessuti, tende e cuscini decorati con fantasie floreali, vasi decorati, tavoli in legno, lampade coloratissimi. La natura allo stato selvaggio ci abbraccia in ogni singolo angolo della casa, creando un ambiente fresco, rigenerante e riposante.

13. Stile Mediterraneo contemporaneo

Un po’ di tradizione ma rivestita di nuovo quella che propone lo stile mediterraneo contemporanto. E’ caratterizzato da elementi passati ma rivisitati in versione moderna. Piastrelle a pattern che prendono spunto dalle tradizionali cementine abbinate a mobili classici dello stile mediterraneo, a colori tipici come l’azzurro ed il bianco e a tante piantine grasse per casa.

14. Stile Costiero

Il mare in casa. Lo stile costiero è perfetto per le case al mare o per chi vuole fare finta di essere in un borgo marinaro. Legno, conchiglie, tanto bianco ed azzurro, accessori che ricordano il mare: fari, ancore in legno, stelle marine.

15. Stile Eclettico

Lo stile eclettico abbraccia la libertà di espressione, mixa elementi contrastanti tra loro, combina frammenti di molti stili d’arredamento e in uno spazio atto semplicemente soddisfare chi lo abita.

Ti potrebbe interessare anche…

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.