Abbinamento colori

Abbinare i colori può sembrare una cosa semplice, in realtà non lo è affatto. Molti pensano che basti avere buon gusto, non accostare colori stonati o troppo simili ed evitare i contrasti troppo forti ed accentuati. In verità la confusione è dietro l’angolo e l’effetto “pugno nell’occhio” anche. Vi starete chiedendo perché. La risposta è semplice: non tutti hanno la stessa percezione del corretto abbinamento di colori. Ciò che può sembrare armonioso allo sguardo di una persona, magari non lo è per un’altra. Inoltre la moda ogni anno detta nuove tendenze e ci sorprende con accostamenti talvolta insoliti e bizzarri.

Come fare per essere sicuri di non sbagliare nell’abbinamento colori? Basta seguire regole universalmente valide e il gioco è fatto. Tutto vi apparirà più semplice e lineare. Il risultato sarà impeccabile.

abbinamento colori

abbinamento colori

Come abbinare i colori

Abbinare i colori significa accostare tonalità diverse ma che restituiscono un’immagine piacevole e gradita all’occhio di chi guarda. Quando si parla di abbigliamento il discorso diventa molto più complesso poiché entrano in gioco tanti diversi fattori quali la carnagione, il colore dei capelli e degli occhi, la corporatura. Prima di avventurarci in questo sentiero tortuoso, capiamo però come avviene il puro e semplice abbinamento colori. Sarà uno delle basi da cui partire se state pensando a come progettare la casa dei vostri sogni o magari solo a come arredare la cucina nuova o se state semplicemente cercando suggerimenti su come scegliere i colori delle pareti del soggiorno.

Abbinamento colori: il Cerchio di Itten

Il noto Cerchio di Itten è spesso usato come linea guida base nell’abbinamento colori. Come interpretarlo?

Il triangolo centrale del cerchio è composto dai tre colori primari- giallo, blu e rosso- che a loro volta generano i triangoli adiacenti con i colori secondari nati dall’unione dei due colori primari su cui poggiano. L’arancione nasce dal giallo con il rosso, il verde dal giallo con il blu e il viola dal rosso con il blu.

La regola fondamentale del Cerchio di Itten è che potete abbinare colori che si trovano in posizione opposta tra loro, ma mai quelli vicini, eccetto il bianco e il nero che in linea generale stanno bene con tutto. Per esempio è possibile abbinare il giallo con il viola, ma non il giallo con il rosso.

abbinamento colori

abbinamento colori

Combinazione colori base chiara, base scura e vivaci

Oltre alla nota suddivisione in primari e secondari, i colori possono essere divisi in:

  • Colori dalla base chiara: bianco, beige, avorio, grigio chiaro
  • Colori dalla base scura: nero, blu, marrone, grigio scuro
  • Colori vivaci: tutte i colori intermedi che non troviamo nei due gruppi precedenti (arancione, rosso, verde, ecc.)

In base a queste premesse, possiamo consigliare 5 combinazione di 2 colori e 3 abbinamenti di 3 colori. 

Abbinamento 2 colori:

  • Colore base chiara+ colore base chiara (beige e bianco)
  • Colore base chiara+ colore base scura (bianco e blu)
  • Colore base scura+ colore base scura (nero e grigio)
  • Colore base chiara+ colore vivace (bianco e arancione)
  • Colore base scura+ colore vivo (nero e rosso)

Abbinamento 3 colori:

  • Colore base chiara+ colore base scura+ colore vivace (bianco, nero e arancio fluo)
  • Colore base chiara+ colore base chiara+ colore vivace (bianco, avorio, rosso)
  • Colore base scura+ colore base scura+ colore vivace ( blu, nero, fucsia vivo)

Tabella colori: dove trovarla

La tabella colori è il migliore strumento per aiutare chi si accinge a scegliere il colore delle pareti e dell’arredamento di casa. Per scoprire tutte le tabelle basta consultare il sito Colorepuro.it

Le tabelle abbinamento colori presentano sempre un colore principale al quale sono abbinati altri due, tre o quattro. Ci sono diverse categorie da consultare: Tabelle 3 colori, Tabelle 4 colori e Tabelle 5 colori. Il gruppo più ampio è quello a 3 colori, perché normalmente viene consigliato l’abbinamento di 3 colori.

Se avete già in mente un colore principale e non sapete come abbinarlo, basta usare la funzione Tag (etichette) sul lato sinistro della pagina e come per magia vi compariranno tutte le tabelle suggerimenti colori da abbinare a quello principale.

Se ricorrete all’aiuto di Google invece basta digitare “color picker” sul motore di ricerca e scegliere il colore che vi piace. Ecco che compariranno come risultato codici, classificazioni e tabelle di colori abbinabili.

abbinamento colori

abbinamento colori

Abbinamenti colori: regole fondamentali

Le regole base da osservare sempre per evitare cadute di stile sono tre:

  • Mai abbinare due colori della stessa “categoria” come due colori primari o secondari
  • Mai combinare diverse gradazioni dello stesso colore, a mano che non siano di un tono completamente diverso
  • Mai abbinare più di 3 colori differenti contemporaneamente

Come abbinare i colori complementari

Una camera da letto arancione, verde e blu? Un’opzione possibile, basta calibrarne l’intensità. Cannella, oliva e una parete prussiana: non è una nuova ricetta da provare in cucina, ma sicuramente nel vostro soggiorno sarà perfetto. L’arredamento soggiorno  sarà moderno e dinamico e con questi colori stupirete senza dubbio i vostri ospiti.

Se vi piace osare, non preoccupatevi: le tinte piatte e riposanti non vanno abbandonate, ma si evolvono con grazia nei toni pastello e nella versione più spenta e intensa, come il salvia o il color terracotta (che sta benissimo con l’albicocca).

Non bisogna per forza ridipingere l’intera casa. Le combinazioni di tinte insolite possono essere esaltate anche grazie a un altro grande trend, quello delle texture. Velluto e rattan ovunque, ma anche metalli lavorati a sbalzo: possono essere usati per mettere in risalto piccoli accenti di colori diversi, in gradazione o in contrasto tra loro.

Ma come abbinare i colori complementari in casa? Dalle pareti alle tende da cucina l’occhio vuole la sua parte. Secondo il cerchio cromatico sarebbero azzurro e arancione, ma l’abbinamento di rosso e blu è un’ode all’eleganza da non lasciarsi sfuggire.  Dal color mattone al celeste, dal ciliegia all’oltremare: occhio a scegliere le giuste sfumature di questi colori e potrete avere l’effetto fresco di una casa vista mare o l’effetto ricercato della casa di un professore di Oxford.

  • Giallo e viola: un abbinamento d’azzardo, ideale per gli avventurosi e per chi vuole stupire gli ospiti (e la suocera!). Si tratta di tinte elegantissime (avete presente l’ambra e l’ametista?), ma anche energizzanti (immaginate un violetto e un color zafferano).
  • Rosa e verde: avete presente il gettonatissimo Millenial Pink? Questo insieme al verde sono colori riposanti e rilassanti per occhi e mente e da tempo trionfano sia nell’arredo che nell’abbigliamento. Se desaturate i due colori, otterrete tinte molto sofisticate.
tabella colori

tabella colori

Pavimenti chiari o scuri

La scelta della nuance del pavimento può sembrare una scelta banale, ma in realtà non lo è affatto poiché ha una forte ripercussione sulla struttura visiva dell’ambiente domestico. Grazie al colore potete modificare la vostra casa, dandole un aspetto più fresco o più carattere. Il dubbio più diffuso è se preferire un pavimento chiaro o scuro. La risposta è sicuramente soggettiva. Bisogna considerare il gusto personale, il tipo di arredo, il tipo di illuminazione. Un pavimento chiaro, di qualsiasi materiale sia (gres, legno, resina) serve ad illuminare l’ambiente, ma un pavimento scuro conferisce classe ed eleganza. Qual è la scelta migliore?

abbinamento colori

abbinamento colori

Pavimenti chiari

Spesso si scegliere un pavimento chiaro perché si desidera creare un ambiente elegante e dallo stile moderno. L’aspetto positivo della scelta di toni chiari è quello di dare una sensazione di maggiore ampiezza all’ambiente. Se poi si opta non solo per colori chiari, ma anche per superfici lucide, la sensazione sarà anche di pulizia ed eleganza. Attenzione però poiché pavimenti per interni troppo chiari e lucidi si sporcano facilmente. Polvere, aloni, impronte. Se poi optate per un pavimento chiaro, ma non lo abbinate all’arredo, l’effetto sarà di un ambiente freddo e poco ospitale. In definitiva il pavimento chiaro ha il pregio di dare leggerezza, ariosità, luce, tranquillità e freschezza all’ambiente. L’importante è prestare attenzione all’arredo per evitare l’effetto “asettico”.

Pavimenti scuri

Scegliere un pavimento scuro è sicuramente una decisione intrigante. L’uso di un pavimento scuro dona maggiore definizione agli spazi, ma non li dilata. Attenzione alla nuance delle pareti. Meglio evitare il contrasto troppo forte tra pareti chiare e pavimento scuro. Meglio optare per un color tortora per le pareti e per un pavimento con venature o sfumature tendenti al beige. Per dare più ampiezza al pavimento ricorrete all’uso del battiscopa. In definitiva la scelta di pavimenti scuri è ideale per chi ha spazi molto ampi e grandi abitazioni e per chi ama l’atmosfera ricercata e raffinata.

Pin It
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.