abat-jour

Abat Jour: Significato, Moderne, Vintage o Shabby Chic

L’abat-jour è un elemento fondamentale in ogni camera da letto: da quella classica, alla moderna, passando per quella contemporanea. Chi la considera quasi scontata, pensando solo alla sua funzionalità, dimentica il suo ruolo da complemento d’arredo. Forse avremmo potuto evitare di far uso dell’ennesimo vocabolo straniero nella nostra bellissima lingua italiana. Ma la parola abat-jour (presa in prestito dai cugini d’Oltralpe) ha una vera e propria traduzione. Dunque possiamo dire che abbiamo “rubato” dalla lingua francese questo vocabolo dal suono così seducente, dolce e soave, proprio come la luce delicata che emana. Del resto la caratteristica principale dell’abat jour è proprio quella di emanare una luce soffusa, calda e morbida, ideale per la camera da letto.

Non è raro però trovarla anche in un salotto, dove è possibile rilassarsi leggendo un buon libro e bevendo un buon bicchiere di vino; o in uno studio dove illuminare zone d’ombra, plichi, fogli o PC. In effetti la lampada abat jour è come una “coccola” o un “caldo abbraccio”. Nonostante le sue origini risalgono al secolo scorso, si tratta di un complemento d’arredo mai fuori moda, anzi è un classico intramontabile cui è impossibile resistere. Nei modelli più recenti di lampade di design, ritroviamo spesso le sue forme rivisitate. Oggi numerosi designer la propongono in chiave moderna cosicché si adatti a ogni tipo di abitazione e stile, da quello minimal a quello contemporaneo e perché no anche allo stile provenzale.

Abat Jour: Significato

La parola Abat-jour significa proprio paralume: letteralmente “smorza luce”. Correva l’anno 1879 quando Edison per la prima volta accese una lampadina. Questa fonte luminosa arrivò ben presto nelle case della borghesia. La tradizionale candela, ancora usata fino alla fine dell’800, lasciò il posto alla luce rilassante e diffusa delle lampadine. L’abat-jour fece la sua comparsa solo nel 1900. In Italia divenne un cult grazie al grande Vittorio De Sica che la elogiava per la sua luce morbida e calda. Come dimenticare poi la mitica scena del film Ieri, oggi, domani (1963) in cui una prorompente Sophia Loren danza davanti a Marcello Mastroianni alla luce fioca di una abat-jour? Da quegli anni questa lampada si diffuse in tutte le case degli italiani. Fu però nel 1924 che l’abat jour nacque come oggetto di design: due giovani tedeschi inventarono la “lampada col cappello”, creata per occupare poco spazio, avere una forma accattivante e diffondere una luce tenue e “maliziosa”. Ancora oggi viene proposta da brand italiani e stranieri nella sua forma originale.

Abat jour moderne

Esistono Abat jour moderne particolarmente di tendenza e apprezzate. Ma come sceglierle? Se cerchi qualcosa di moderno e intrigante, punta a una lampada abat jour a libro con la struttura in legno. Semplice da utilizzare: si accende la luce quando si apre, si spegne quando si chiude. La “magia” avviene grazie a un contatto magnetico che facilita la chiusura e la stabilità della lampada. Il suo originale design la rende perfetta per uno studio o un luogo di lettura. La lampada a libro è realizzata in legno ambiente e con tecnologia lasing; la batteria è ricaricabile tramite cavo USB (fornito insieme al prodotto) ed è in grado di durare ben 4 ore consecutive. Il bello di questa lampada moderna è che è comoda e portatile e si può trasportare ovunque.

Un’altra lampada moderna è quella touch con pannello tattile a 360°. Con un semplice tocco puoi selezionare la luce che preferisci- una luce calda classica di colore bianco oppure multicolore (non solo i colori primari, ma ben 265 cicli di colore diversi in continua evoluzione o fermarla su un colore fisso a tua scelta). Si tratta di una lampada moderna, elegante, ecologica (grazie ai ridotti consumi) e sicura per la vista. L’abat-jour a forma di spirale è una scelta innovativa. Fatta in alluminio e ferro, questa lampada usa un design dinamico ma consente un basso consumo energetico.

Abat Jour Vintage

La scelta di un Abat-jour Vintage è ideale per chi ama lo stile retrò e vuole donare all’ambiente un tocco vissuto e caratteristico. Esistono diversi modelli da valutare per rendere la camera da letto originale e particolare. L’abat-jour vintage, infatti, non solo rappresenta un complemento d’arredo pittoresco ma è anche carino ricercarla in mercatini dell’usato o delle pulci, oppure recuperarla in vecchi scatoloni o dalle case delle nonne. Per chi ha l’anima british e ama lo stile vintage, disponibile online può trovare una lampada a forma di vecchia cabina telefonica rossa inglese. Perfetta anche per la cameretta dei bambini o per un regalo ad amici. I colori a cui far riferimento nella scelta di complementi d’arredo vintage, sono: color carta da zucchero, bianco, verde salvia o verde bottiglia, ma anche i toni dell’arancione e del bordeaux.

Abat Jour Shabby Chic

Scegliere un Abat-jour Shabby Chic significa voler caratterizzare la propria camera da letto, o zona notte, in direzione del romanticismo di uno degli stili d’arredamento più apprezzati degli ultimi tempi. Lo shabby chic è uno stile molto definito, particolare ma anche chic: gli elementi e i complementi d’arredo si presentano solitamente dall’aspetto usurato o invecchiato. Non sempre questo aspetto “grezzo” significa rovinato: anzi, spesso i mobili e i complementi d’arredo arrivano dall’artigianato e dall’arte di qualità. Ha un tocco vintage e, per tale motivo, i colori caratteristici dello Shabby Chic sono il tortora, il grigio, bianco, ma anche i toni del rosa antico o del celeste.

Abat jour Kartell

Cerchi un pezzo di storia del design a costi accessibili? La classicità dell’abat-jour viene rivisitata in chiava moderna dalla tecnologia Kartell per sposarsi alla perfezione con un l’arredo di camere da letto e salotti moderni. Progettata dal designer Ferrucio Laviani nel non lontano 2003, ancora oggi è una scelta super quotata come lampada per i comodini della stanza da letto. Si presenta come una lampada colorata, divertente, ma al contempo non impegnativa e non invadente. Perfetta da abbinare all’arredamento contemporaneo, ma anche a uno stile più classico per smorzarne i toni e l’austerità. I riflessi delle plissettature che si trovano sul paralume creano dei bellissimi effetti di luce. Puoi acquistarla online comodamente dal divano di casa. La Buttery di Kartell, invece, è completamente riciclabile ed è realizzata in PMMA trasparente. La sua superficie sfaccettata offre favolosi giochi di luci nelle ore serali.

Esempi della linea Kartell

Abat jour Fontana

Un classico del design nostrano. L’abat-jour per eccellenza. La versione più classica che ci sia. Di quale stiamo parlando? Dell’abat-jour Fontana disegnata nel 1954 dall’azienda italiana FontanArte. La sua particolarità è che è realizzata in vetro soffiato satinato da maestri vetrai. Disponibile in numerose dimensioni e colorazioni, adatta a una camera moderna o classica.

Abat Jour IKEA

IKEA propone un catalogo molto ampio relativo all’illuminazione degli interni. Il marchio svedese è molto apprezzato, infatti, non solo per la varietà degli elementi e complementi d’arredo che offre ma, soprattutto, per il prezzo vantaggioso. Abat-jour a marchio IKEA sono essenzialmente inglobabili nello stile scandinavo: linee essenziali, aspetto minimal e ordinato. Tra le più apprezzate elenchiamo:

  • LAMPAN a soli 5,00 euro
  • INGARED a 8,00 euro
  • RINGSTA / SKAFTET o SKOTTORP / SKAFTET il cui prezzo si aggira sui 13,00 euro
  • ÖSTERLO che si aggira sui 15,00 euro
  • ÅRSTID sui 20,00 euro
  • LAUTERS particolare e originale al prezzo di 35,00 euro

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.