cromoterapia

Cromoterapia: Come si fa? Storia, Chakra e significato Colori

La cromoterapia può migliorare le nostre vite: vediamo cos’è e come può influenzare positivamente le nostre giornate. Immagineresti mai un mondo senza colori? Il colore è arte, vita, energia, passione. Vedere tutto nero, essere al verde oppure essere rosso di rabbia, passare la notte in bianco, avere una fifa blu, essere verde d’invidia: sono solo alcune delle espressioni quotidiane comunemente usate che fanno riferimento ai colori. Il blu del mare, il celeste del cielo, il giallo del sole, il rosso del fuoco, il verde della speranza, il grigio delle metropoli: ogni colore evoca diverse emozioni e diversi stati d’animo.

Secondo Leonardo Da Vinci, ad esempio, la meditazione era legata al violetto, spesso usato nelle vetrate delle cattedrali. Secondo Kandinsky, il colore ha il potere di influenzare direttamente l’anima. La Cromoterapia, o Terapia del colore, può essere inserita tra quelle che vengono comunemente chiamate medicine alternative. Non esistono prove scientifiche alla sua base ma può davvero cambiare notevolmente il modo in cui ci approcciamo alla vita: come? Vediamolo insieme.

Cromoterapia: come si fa?

La cromoterapia, detta anche terapia del colore, è una medicina alternativa, priva di qualsiasi fondamento scientifico, usata per curare disturbi fisici, emotivi e mentali. Dall’ansia alla depressione, dalla meditazione all’acne, quasi tutti i “problemi” sembrano trovare una cura nei colori. La cromoterapia indaga il sottile equilibrio esistente tra mente e corpo, ma non si tratta di una scoperta moderna, bensì di una scienza antichissima riscoperta nei nostri giorni. Il principio base di questa scienza è: “la vita è colore e il colore è vita al contrario dell’oscurità che è morte“. Che potere hanno i colori? Tantissimi:

  • Alzano o abbassano la pressione sanguigna
  • Migliorano i globuli bianchi
  • Attivano il metabolismo
  • Influenzano il tono dell’umore
  • Aumentano la produzione di globuli rossi
  • Aumentano il trasporto di ossigeno nel sangue

Cromoterapia

Cromoterapia: storia

La cromoterapia ha origini antichissime. I Greci e i Romani praticavano l’elioterapia, che consisteva nell’esposizione alla luce diretta del sole per la cura di diversi mali. Ogni cultura aveva una sua visione e una diversa interpretazione dei colori. Per i Greci i colori erano collegati ai quattro elementi: acqua, aria, fuoco e terra e ai 4 umori o fluidi del corpo: il giallo alla bile, il rosso al sangue, il bianco alla freddezza d’animo e il nero alla malinconia. Ogni umore (e di conseguenza ogni colore) era connesso a un diverso organo del corpo (milza, cuore, fegato, cervello) e solo l’equilibrio dei quattro umori garantiva la salute del corpo e della mente.

  • Anche per gli Egizi i colori erano connessi alla funzionalità dell’organismo, ma avevano un diverso significato. Il nero era connesso alla fertilità, il giallo al Sole, il rosso al sangue e al fuoco
  • Per i Cinesi invece assumevano un particolare significato il giallo usato per rinforzare l’intestino e il viola usato contro l’epilessia
  • Durante il Medioevo, con l’avvento del Cristianesimo, le medicine alternative e la cromoterapia praticate dai Greci furono bandite come arti oscure
  • Con l’Illuminismo la cromoterapia fu definitivamente “abolita” ed associata alla magia e quindi contraria alla ragione e al fondamento scientifico

Cromoterapia e chakra

Il nostro corpo è costituito da energia e la cromoterapia ha come scopo quello di garantire l’equilibrio energetico. Ogni colore è associato a un Chakra e ha un diverso significato:

  • Il rosso è associato al chakra del sacro, ossia della zona sacrale e favorisce la vitalità
  • Il blu è associato al chakra della gola e favorisce la comunicazione e la volontà
  • L’arancione è associato al chakra della milza e regola il metabolismo e la circolazione
  • Il viola è associato al chakra della corona e all’energia mentale

Cromoterapia significato dei colori

In Cromoterapia il significato dei colori è molto importante e ognuno si caratterizza per influire diversamente sull’umore di chi lo osserva. Ogni colore, dunque, ha delle proprietà particolari e uniche, capaci di condizionare positivamente l’essere umano. Vediamo i benefici e le proprietà dei colori e perché sono così importanti, vediamone le caratteristiche peculiari:

Verde

Il verde in cromoterapia agisce a livello nervoso e ha il potere di rilassare i nervi, calmare l’emicrania e diffondere armonia e calma. È il colore della natura ed è associato al benessere. È un colore consigliato agli iperattivi e alle persone ansiose ed è anche ideale per dipingere le pareti di luoghi conviviali come cucina e zona living. Il verde aiuta anche a ritrovare determinazione e tenacia.

Giallo

Il giallo in cromoterapia rappresenta l’energia in continuo movimento. Questa tinta suscita un’immediata sensazione di gioia, allegria e benessere nell’osservatore. A livello psico-fisico, questo colore aiuta ad eliminare le tossine, ridurre il gonfiore addominale e migliorare la digestione. È consigliato, inoltre, nei periodi di inappetenza e di stanchezza mentale dovuta ai ritmi frenetici della vita quotidiana.

Indaco

L’indaco in cromoterapia stimola vista, udito e olfatto. Depura l’organismo e i vasi sanguigni ed ha effetti tonificanti e viene usato per la cataratta. Ha anche un potere rinfrescante e astringente.

Rosso

Il rosso è da sempre associato alla forza, alla passione, al fuoco, all’eccitazione. Un colore forte e deciso che applicato sulle pareti di casa si dice possa aumentare i battiti cardiaci e la pressione sanguigna. In cromoterapia si usa il rosso contro le bruciature, le patologie esantematiche, ma anche per combattere la depressione, l’ansia e l’impotenza.

Blu

Il blu ha effetti opposti al rosso e dunque ha un potere calmante, rilassante, tranquillizzante e rinfrescante. In cromoterapia si usa il blu per alleviare le tensioni, lo stress, ma anche contro ansia e insonnia. È quindi indicato per tinteggiare le pareti della zona notte. Questo colore è anche usato per curare l’infiammazione. Diverse tonalità di blu hanno poteri diversi sulla psiche e sul corpo. Ad esempio il celeste viene usato per le patologie agli occhi, per le infezioni e stimolare il sistema immunitario.

Arancione

L’arancione ha un forte potere antispastico, esercita un’azione stimolante sulla tiroide e regola il funzionamento della milza. A livello psichico invece stimola l’entusiasmo, l’allegria, l’ottimismo.

Violetto

Il violetto è un colore capace di stimolare la produzione di globuli bianchi e di combattere l’acne, la psoriasi, sciatalgie e nevralgie. A livello psichico stimola la creatività, la spiritualità e la meditazione.

Cromoterapia

Cromoterapia: come avviene?

Ma in che modo avviene la cromoterapia? In diverse modalità:

  • Con l’alimentazione, ossia mangiando cibi naturali del loro colore
  • Per mezzo dell’abbigliamento che indossiamo
  • Con la luce solare
  • Attraverso la meditazione
  • Per mezzo della doccia cromatica
  • Facendo il massaggio con specifici pigmenti

Cromoterapia doccia

Non c’è momento migliore di una bella doccia rilassante al termine di una stressante giornata di lavoro fuori casa o per caricarsi di energia appena svegli al mattino. Il bagno di vapore sotto la doccia è un vero e proprio toccasana per la nostra pelle: idrata l’epidermide, depura, decongestiona le vie respiratorie, migliora la circolazione, tonifica i muscoli, sblocca la cervicale, ma soprattutto rilassa i nervi. Ma che ruolo ha la cromoterapia in doccia?

È risaputo che la luce influenza gli stati d’animo. Alla base della cromoterapia vi è la convinzione che l’uso di determinati colori possa influenzare il corpo e la mente, per favorire l’equilibrio psicofisico o curare alcuni disturbi. La cromoterapia in doccia utilizza dei led integrati nel soffione della doccia (in rari casi nella pedana e nel piatto doccia) in grado di trasformare il getto d’acqua in un veicolo di luce e colore, di differenti scelte cromatiche. Un software programma la giusta combinazione tra intensità della luce e tipo di colore che unita alla temperatura dell’acqua hanno sul nostro organismo i benefici sperati.

Cromoterapia in bagno?

Per effetti tonificanti si consiglia di scegliere colori caldi, dal rosso al giallo. Per effetti rilassanti i colori consigliati sono il blu e le sfumature del verde. Al mattino, per trovare vigore e risvegliare l’organismo, meglio predisporre un programma rigenerante basato sul rosso e il giallo. Alla sera, per rilassarsi dopo una lunga giornata in ufficio, ci si può affidare al potere del viola e del blu che favoriscono il sonno e il riposo. Per chi attraversa una fase di debolezza e depressione, è consigliabile il bianco.

La cromoterapia in bagno non è soltanto una scelta di benessere, ma anche di design. La bellezza delle soluzioni presenti sul mercato a differenti budget conquista sempre più consumatori facendo diventare la doccia emozionale un lusso alla portata di tutti. Concludendo, i colori hanno un’altissima rilevanza nelle nostre vite, nella nostra quotidianità: una vita a colori è certamente più interessante di una in bianco e nero.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.