Colore Arancione: Significato Psicologico, nei Sogni e Pareti

Colore arancione: il significato psicologico, nei sogni, come si ottiene e scegliere questo colore per le pareti. L’arancione è spesso chiamato anche arancio: in Occidente questo termine compare solo nel XIV secolo, ovvero dopo l’importazione dei primi alberi di arance. Prima della scoperta di questo frutto non c’era una precisa concezione di questo colore: veniva semplicemente considerato una variante del rosso. Ecco perché ancora oggi diciamo “pesci rossi”, “capelli rossi”, “gatti rossi”, quando in realtà sono di colore arancione. L’arancione è il colore complementare del blu: ecco perché viene usato in mare per i dispositivi di sicurezza.

Colore arancione: significato

Il colore arancione simboleggia la creatività artistica e sessuale, ma anche l’armonia interiore, la fiducia in sé stessi e la gioia di vivere, la comprensione, la saggezza e l’ambizione. Questo magnifico ed energetico colore è capace di liberarci dagli stati depressivi e di aiutarci ad affrontare le avversità della vita con uno spirito combattivo ed in modo efficace. L’arancione stimola la circolazione sanguigna, favorisce la fecondità, stimola l’attrazione, governa gli impulsi sessuali. Questo colore è connesso al secondo chakra e secondo le culture orientali è simbolo di buon auspicio, di abbondanza, prosperità e felicità.

Questa tonalità favorisce molto la concentrazione: ecco perché i monaci buddisti utilizzano tuniche di questo colore per distaccarsi dalle passioni terrene. Nella cultura brasiliana l’arancione invece è simbolo di festa (non a caso è il più usato nella samba). Un tempo lontano nella simbologia cristiana l’arancione rappresentava il peccato di gola; oggi nell’induismo simboleggia la rinuncia ai piaceri terreni e l’ascetismo. Nella Cabala ebraica simboleggia lo splendore. In Cina simboleggia il movimento, in Giappone l’amore. In India rappresenta l’ottimismo, la pulsione sessuale, il bisogno di conquista. Nella segnaletica stradale è usato per catturare l’attenzione (è anche il colore dei giubbotti salvavita).

Secondo il più importante studioso dei colori- Michel Pastoureau – nella società occidentale c’è un abuso dell’arancione che lo ha reso “volgare”. Nel neuromarketing oggi questo colore viene spesso usato per le insegne, il packaging di vari prodotti e le bevande energetiche. È anche il simbolo del risparmio nel web.

Secondo studi scientifici, l’arancione risveglia l’attenzione senza aggressività e per questo motivo è consigliato per tinteggiare pareti di ingressi, sale riunioni, uffici delle risorse umane, ma anche per gli esterni dei negozi. Si sconsiglia invece per gli open space perché induce a chiacchierare.

Significato Psicologico

Per quanto riguarda il significato psicologico, invece: chi ama il colore arancione è una persona audace, molto passionale, che cede alle tentazioni della carne e si lascia andare al piacere fisico. Al contempo ha una vitalità contagiosa (a tratti schiacciante), reagisce prontamente ai problemi e cerca di dare un senso ad ogni suo gesto quotidiano. Le persone che preferiscono l’arancione sono sagge, ottimiste, non presuntuose e concrete.

Chi detesta l’arancione è una persona che soffoca le proprie emozioni, agisce solo d’impulso, è fortemente pessimistica, ha difficoltà a relazionarsi ed ingigantisce i problemi. In cromoterapia l’arancione è usato non solo nella cura della depressione, ma anche per stimolare il metabolismo fisico, l’appetito, liberarsi dalle paure, dalle fobie, ansie e frustrazioni. Indossare l’arancione mette subito di buon umore e dona carica. Viene consigliato anche a persone che sono afflitte da sensi di colpa, che devono superare traumi e violenze psicologiche e che hanno subito manipolazione emotiva. A tavola mangiare cibi di colore arancione viene identificato comunemente con l’assumere vitamina C.

Colore Arancione nei sogni

Sognare il colore arancione in generale sta ad indicare ottimismo nella vita e fiducia in sé stessi e nel prossimo. Significa desiderare esperienze intense, ma anche voler affermare il proprio io. Secondo alcuni correnti di pensiero, sognare questo colore indicherebbe il bisogno di sconfiggere la colpa o traumi e violenze subite che portano a disequilibri nella vita odierna. Una presenza avvertita come minacciosa di arancione in sogno può indicare:

  • frigidità
  • difese eccessive
  • paura dei cambiamenti
  • mancanza di desiderio, di passione
  • negazione del piacere

Al contrario una presenza positiva e schiacciante di questo colore in sogno indica:

  • esibizionismo
  • emotività
  • eccessiva sensibilità
  • attaccamento ossessivo
  • dipendenza emotiva
  • ossessione del piacere

Come si ottiene?

L’arancione è un colore secondario: nasce dall’unione del rosso e del giallo. Essendo la somma di questi due colori (il rosso stimola il corpo, il giallo stimola la mente e la creatività), l’arancione stimola sia la sfera fisica che quella mentale. L’arancione è un colore caldo, perfetto nella stagione estiva, quando tutto rinasce (inclusa la nostra voglia di uscire e divertirci). Pensate a un bel tramonto…

Colore arancione Pareti

Essendo un colore dal carattere eccentrico e dalla forte personalità spesso si ha il timore di usarlo per tinteggiare le pareti di casa. La prima cosa da dire è di non esagerare: via libera a una parete singola o a complementi d’arredo della zona living. Come tutti i colori caldi stimola i sensi e quindi è sconsigliato per la zona notte in quanto non concilia il sonno. Per chi ama lo stile etnico è perfetto in abbinamento al bronzo, parquet in mogano e al rosso. Per smorzare questo colore meglio abbinarlo al grigio.

Ideale per la cameretta dei bambini essendo una stanza destinata al gioco, alla spensieratezza e alla creatività. Se non si vuole osare anche in questo caso si consiglia una singola parete o scegliere l’arancio per accessori, complementi d’arredo e ceste per riporre i giochi. Essendo un colore che stimola l’appetito e favorisce la digestione, è perfetto da usare in cucina. Stimola anche la creatività di chi si diverte ai fornelli. Fate attenzione alla luce dell’ambiente: in luoghi cupi tende al marrone e rende la stanza opprimente. Nel soggiorno si può abbinare l’arancione al giallo per un ambiente molto dinamico o in alternativa al tradizionale bianco che dona sempre luce e serenità.

“Febbre arancione”

Rosso, bianco e blu: questi sono i colori della bandiera dell’Olanda. Ma perché allora in tutto il mondo l’Olanda è identificata con il colore arancione? Dalle celebrazioni nazionali allo sport, un unico colore domina questo Paese al punto che qualcuno la definisce “febbre arancione”. Ma da dove deriva questa tradizione? Sono secoli che questa tinta sgargiante è parte integrante della cultura olandese. È una tradizione che ha radici lontane. Pochi lo sanno che in origine la bandiera olandese era un tricolore arancione, bianco e azzurro in sintonia con lo stemma del Principe Guglielmo I d’Orange. Fu grazie a questo personaggio che la nazione conquistò l’indipendenza nel 1581. Ed ancora oggi con orgoglio e fierezza gli olandesi indossano l’arancione per ricordare che discendono dalla Casata degli Orange-Nassau.

Pin It
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.