Colore nero

Colore Nero: Come si ottiene? Significato, Pareti e Arredamento

Il colore nero è affascinante, misterioso e profondo; amato da molti e apprezzato sia nel campo dell’abbigliamento che in quello dell’arredamento. Si tratta di un colore “evergreen” nel senso che non passa mai di moda ed è sempre di tendenza. Decidere di arredare la propria casa basandosi sull’effetto del colore nero è una scelta coraggiosa ma anche molto raffinata. Abbinare poi il nero al bianco rende tutto più chic e ricercato. Anche per quanto riguarda l’abbigliamento il nero non va mai in pensione: è sensuale, eccitante ma anche molto elegante.

Si tratta di un colore-non colore tra i più amati perché capace di evocare sensazioni uniche e travolgenti. Anche nel campo del magico e dell’esoterico il nero è associato al mistero, a qualcosa che non si riesce a percepire con certezza. Per tale motivo il mistero si lega all’affascinazione: il colore nero è il simbolo della seduzione e dell’enigmaticità. Ma come utilizzare questo colore senza esagerare? Nel campo del design e dell’arredamento il nero è essenziale, molto utilizzato negli stili minimal e moderni ma anche in quelli classici (basti pensare ai classici mobili neri lucidi anni ’80). L’importante è renderlo unico e non omogeneizzare l’ambiente con un’unica colorazione: gli abbinamenti, infatti, non sono da sottovalutare. Capiamo insieme come utilizzare questo colore in casa e il significato che si cela dietro la sua tinta occulta.

Colore nero: come si ottiene?

Il colore nero non si ottiene. Ciò perché si tratta di un colore primario e, dunque, non realizzabile attraverso mescolamenti vari. Dal nero, quindi, si possono ottenere tinte diverse, specie quando si vuole scurire una colorazione chiara o ottenere gradazioni diverse di un determinato colore. Il nero non ha alcuna luminosità ed è dunque senza tinta, ovvero un colore acromatico, dato dalla sintesi sottrattiva di tutti i colori dello specchio visibile. Per tale motivo è considerato l’opposto del bianco: difatti questi due colori insieme sono un must da valutare sempre, sia che si tratta di arredamento che di abbigliamento o design. (Basti pensare alle celebri maglie delle squadre sportive Juventus o Udinese che utilizzano l’abbinamento per antonomasia bianco-nero).

Colore nero: significato

Come abbiamo potuto specificare in precedenza, il colore nero è il simbolo del mistero e dell’ignoto. Nell’arte è utilizzato per evocare sentimenti di paura, di terrore o associato spesso alla morte. In generale in Europa è collegato a funerali, lutti, tragedie o ribellioni. Storicamente in Italia il colore nero è associato alle famose “camicie nere” la cui definizione, in epoca fascista, designava gli iscritti al “Corpo Ausiliario delle Squadre d’Azione delle Camicie Nere”. Si trattava essenzialmente del Partito Fascista trasformato in organismo militare. Da lì nacque anche il corpo ausiliario volontario delle “Brigate Nere” opposto ideologicamente alle celebri “Brigate Rosse“, di epoca più recente. In Cina, invece, il colore nero ha un significato diverso, indirizzato verso la gioventù e la bellezza giovanile. In Thailandia, o nel Giudaismo, ritorna diversamente come cattivo presagio, sfortuna, male; mentre gli Aborigeni Australiani lo utilizzano come colore del popolo e tinta cerimoniale.

Chi ama il colore nero è una persona sensibile, artistica, attenta ai dettagli; nonostante molti lo evitino a causa delle diverse connotazioni negative ad esso associato. Basti pensare, ad esempio, alla superstizione del gatto nero che vale essenzialmente in Italia e in poche altre nazioni. In Scozia o Inghilterra, diversamente, si pensa che avere un gatto nero in caso sia simbolo di prosperità. Fondamentalmente la superstizione del gatto nero nasce nel Medioevo quando, durante gli spostamenti con le carrozze, i cavalli venivano spesso spaventati dagli occhi dei gatti. Ma fu intorno al 1200 circa che Papa Gregorio IX definì autorevolmente il gatto nero come l’animale delle streghe e degli stregoni; aiutando la superstizione a crescere in accezione negativa.

Colore nero: significato esoterico

Il colore nero potrebbe essere anche definito come il colore per eccellenza dell’universo magico ed esoterico. In effetti, questo colore non-colore spesso sta a simboleggiare anche una certa estraneità e allontanamento dalla realtà. Dunque è come se fosse legato in qualche modo al sogno, alla negazione della realtà e associato invece a un indirizzamento proprio verso l’indefinito, l’ignoto, il magico, appunto. L’esoterismo lega il nero alle pietre che, diversamente dalle accezioni negative, sono tali da essere utilizzate come elementi che allontano le negatività. Tra le pietre più utilizzate in questo senso ricordiamo:

  • Ematite
  • Basalto
  • Blenda
  • Biotite
  • Magnetite
  • Onice nera
  • Shungite

In cristalloterapia, dunque, il nero ha un significato tutt’altro che negativo, anzi è l’emblema della rinascita e dell’allontanamento dalle fonti di negatività. Diversamente in cromoterapia, ad esempio, il colore nero è legato all’oscuro, al mistero e alla paura, ma contemporaneamente è anche il simbolo dell’origine di tutto. La paura, in effetti, si lega spesso a ciò che non si conosce e il nero è un colore non-colore ricco di significati che lo rendono affascinante e terribilmente inquietante allo stesso tempo.

Colore nero per pareti

Il colore nero può essere utilizzato per dipingere le pareti di casa? Questa è una domanda che non si sente spesso, proprio perché il nero non viene quasi mai menzionato quando si tratta di imbiancare casa. Ma perché? Proprio per l’accezione negativa e misteriosa, infatti, è una colorazione molto buia, scura che non è molto apprezzata. Specie chi deve dipingere le pareti di una casa già piccola e angusta, il colore nero non è assolutamente consigliato. Diversamente chi possiede un’abitazione dalle grosse dimensioni e molto luminosa, il colore nero – se usato con parsimonia – potrebbe rivelarsi una scelta stupefacente.

Questo perché si tratta del colore più elegante e intenso dello spettro luminoso. Anche dipingere una sola parete può rivelarsi magico e originale. Una delle tendenze che attualmente sono più in voga è, ad esempio, quella della parete-lavagna. Anche nelle camerette dei bambini o in soggiorno, la parete lavagna nera è un trend dell’ultimo periodo. Da non sottovalutare perché capace di arredare e donare un tocco di diversità particolare senza ingombrare.

Colore nero: arredamento e abbinamenti

E se volessimo utilizzare il colore nero nell’arredamento? Con i giusti abbinamenti è possibile realizzare un ambiente originale, funzionale e, soprattutto, originale. Abbiamo già fatto l’esempio della parete lavagna che è una moda molto interessante e da poterne usufruire sia nella cameretta dei bambini che in cucina. In quest’ultimo ambiente, negli ultimi anni si sta sempre di più affermando la cucina nera. Abbinata al calore del legno chiaro o anche scuro, una cucina nera è delicata, fine e raffinata. Inoltre la scelta è rivolta sempre di più verso il nero opaco che è molto più moderno e adattabile ad ambienti minimal e moderni, in generale. Anche nello stile industriale trova posto una cucina nera o, in generale, il colore per arredi o pareti.

Per non parlare, poi, di divani, poltrone, tavoli e mobili in generale, se abbinati bene riescono a riempire l’ambiente donando eleganza senza tempo alla vostra casa. Il nero è facilmente abbinabile ai colori chiari, dal bianco all’avorio, passando per i tenui tortora, beige o ai colori pastello. Abbinamenti regali e affascinanti sono quelli con l’oro e l’argento, col giallo, rosa antico o verde salvia.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.