Guida alla scelta della carta da parati

Riesumata dai ricordi degli anni ’80, la carta da parati è tornata a far capolino tra le soluzioni di arredo più recenti e oggi, complici le nuove tecnologie con le quali è realizzata, è ancora apprezzata da una larga fascia di pubblico. Una vera e propria riscoperta, dunque, confermata dalla grande attenzione che le aziende del settore stanno dedicando a questo prodotto: sul mercato la gamma di proposte a disposizione è così ampia che diventa un piacevole divertimento mettersi in cerca della più adatta alla propria abitazione. Attualmente, per altro, la carta da parati può trovare posto anche nel bagno, un ambiente che in passato veniva escluso a causa dell’umidità. Nessun problema ora: le nuove carte da parati sono molto resistenti all’umidità e assicurano una tenuta ottimale, il che vuol dire che il solo criterio da prendere in considerazione in vista di un acquisto è la coerenza stilistica con i sanitari.

La carta da parati può essere applicata su una sola parete dell’ambiente, ma anche su tutte. Il consiglio, però, è quello di iniziare “a piccole dosi”, specialmente per provare a limitare il margine di errore se non si ha molta esperienza con questo elemento. Da quale parete cominciare? Ovviamente da quella più anonima e spoglia, così vuota da aver bisogno di un po’ di colore: le fantasie e i temi della carta saranno in grado di restituirle grande vitalità. Certo, non basta acquistare la carta da parati giusta se poi non si pensa a curarne la manutenzione nel corso del tempo: in effetti, una delle perplessità che attanagliano chi ha in mente di compiere un acquisto del genere ha a che fare proprio con la durabilità sul lungo termine della carta. La paura è che, con il trascorrere degli anni, l’aspetto iniziale si deteriori in maniera graduale e vada via via sparendo. Proprio per questo motivo, è essenziale rivolgersi a rivenditori di qualità e di comprovata affidabilità, che saranno ben lieti di fornire tutte le informazioni utili per una corretta conservazione della carta da parati: che cosa bisogna fare per rimuovere eventuali macchie in superficie, come si può eliminare la polvere, e così via.

Insomma, oggi l’arredo moderno sembra non riuscire a fare più a meno della carta da parati: che si opti su un prodotto dall’impronta grafica molto evidente o su una soluzione più neutra, l’importante è prestare attenzione alla sua applicazione e al trattamento in superficie delle parti di muro coinvolte dall’operazione.

 

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.