carta da parati vintage

Carta da parati Vintage: Floreale, Anni 60, Anni 70 e come sceglierla

La carta da parati, dopo essere stata considerata a lungo demodé, è tornata alla ribalta negli ultimi anni, in particolar modo quella vintage con pattern e trame tipiche degli anni ’50, ’60 e ’70. Sfogliando le riviste di arredo e di interior design, sembra alquanto facile arredare casa e decorare pareti con la giusta carta da parati. Nella realtà, invece, la decisione è molto più complessa e l’errore è sempre dietro l’angolo.

Al momento della scelta della carta da parati si devono tenere presenti alcune regole fondamentali:

  • Tutte le stanze della casa, incluso il bagno, sono potenzialmente adatte per essere rivestite con la carta da parati, è sufficiente scegliere materiali lavabili e resistenti all’umidità
  • Non esiste un modello di casa ideale per la carta da parati, anche un monolocale può rivelarsi adatto
  • La scelta dei colori e dei motivi non può non sposarsi con l’arredo della casa
  • Non bisogna temere la creatività: una carta da parati artistica conferisce personalità alla stanza
  • La carta da parati vintage non è necessariamente legata ad uno stile shabby, provenzale, country, ma è perfetta anche per una abitazione in stile contemporaneo

Per chi è assalito dal dubbio: dove mettere la carta da parati vintage? La risposta è semplice: in qualsiasi stanza, purché sia fatto con moderazione e non si abbia l’impressione di entrare in una “casa delle bambole” o di essere stati catapultati nel passato attraverso un varco temporale.

carta da parati vintage

Carta da parati vintage floreale

Amate i fiori e volete inserirli nella decorazione della vostra casa? Perché non scegliere una carta da parati floreale? I fiori sono in grado di dare un tocco di eleganza e raffinatezza a qualsiasi stile ed ambiente. Il loro innato romanticismo evoca sensazioni uniche e infonde una sensazione di benessere nell’osservatore. In commercio è possibile trovare tantissime tipologie di carta da parati a tema floreale. Alcune sono delle vere e proprie opere d’arte. Le tipologie di fiori utilizzati sono molteplici:

  • Piccoli
  • Grandi
  • Giapponesi
  • Stilizzati
  • Jungle
  • Con o senza uccelli

Carte da parati floreali di molteplici stili:

  • Pop art
  • Retrò
  • Vintage
  • Minimal
  • Art nouveau

C’è davvero l’imbarazzo della scelta, ma l’importante è non strafare e avere buon gusto. La tappezzeria floreale se eccessiva può dare l’effetto pugno nell’occhio. La carta da parati floreale è una delle più vendute in assoluto, ma che tipo acquistare? Carta, stoffa, fibra grezza, vetro, vinile, pvc, lavabile. La più gettonata è quella in carta, per la sua durabilità e perché può essere colorata in tante tonalità diverse. La carta da parati in vinile è ideale per il bagno, è lavabile e adatta a condizioni di umidità. Quali sono i fiori più utilizzati nelle carte da parati?

  • Rose
  • Ortensie
  • Papaveri
  • Orchidee
  • Fiori di ciliegio
  • Peonie
  • Magnolie

Per uno stile più selvaggio, rock e grintoso è meglio una carta da parati con piante sempreverdi come il bambù, il cactus e la felce. Una tipologia particolarmente apprezzata è la carta da parati con ramo di fiori di ciliegio stile giapponese. La carta da parati vintage floreale è ideale per la camera da letto. In questo caso è preferibile collocarla su una sola parete quella dietro la testiera del letto. La sensazione è quella di relax istantaneo e benessere. Per uno stile romantico e bon ton è preferibile una carta da pareti a sfondo bianco.

Carta da parati vintage anni ’70

Se siete amanti dello stile vintage e il vostro decennio preferito sono i ruggenti anni’70, perché non scegliere una bella carta parati vintage anni’70 per decorare casa? Ipercolorata, con motivi floreali o motivi geometrici, contrasti cromatici e linee optical, la carta da parati che sceglierete sarà lo specchio dello stile di quell’epoca.

Ideale per chi desidera dare un look originale, se non addirittura eccentrico alla propria casa e per chi si sente vagamente nostalgico degli anni dei figli dei fiori e delle sottane al vento. Perfetta anche in ambienti dallo stile contemporaneo.

Carta da parati anni ’60

Per chi non riesce a resistere al fascino di Brigette Bardot e dei mitici anni’60, può optare per una tappezzeria stile vintage ispirata a quel decennio. Siamo nell’epoca dei Beatles e dei Rolling Stones, dei tessuti a pois. Molto gettonata la carta da parati vintage color bianco e blu, ma c’è anche chi la preferisce a tinta unita.

Questa tipologia di stile è particolarmente amata da intere generazioni per il forte fascino di quel periodo: erano gli anni della minigonna, della Beat generation, della libertà sessuale, del potere ai giovani e dei cambiamenti sociali.

Carta da parati vintage: come sceglierla?

Se amate la creatività e volete dare una nuova anima agli ambienti della vostra casa, la carta da parati vintage è ciò che fa per voi. Potete ricorrere al fai da te o a professionisti del settore. La prima scelta da fare è il decennio a cui ispirarsi: in base a questa scelta cambieranno gli abbinamenti colori ma soprattutto i pattern.

Chi ama gli anni’50 dovrà virare per la carta da parati dai colori pastello, mentre chi ama gli anni’70 dovrà optare per colori caldi come mattone o giallo ocra. Preferite gli anni’80? Allora la carta da parati dovrà avere colori pop e pattern geometrici. Al momento dell’acquisto della carta da parati ecco i 5 errori da evitare:

  • Trascurare le proporzioni: mai scegliere una carta parati con disegni molto piccoli per una stanza piccola. Perché? Perché farebbe sembrare la stanza ancora più piccola. Per dare maggior ampiezza a una camera scegliete un tema a foglie molto grandi o un pattern geometrico. È come ingannare la mente: gli occhi saranno colpiti dalle decorazioni, dimenticando le dimensioni della stanza.
  • Scarsa manutenzione: a seconda del materiale, una carta da parati dura fino a 20 anni. In base alla tipologia, serve una differente manutenzione e cura. In fase di acquisto compratene sempre in più, così da usare in futuro per riparare eventuali danni, bruciature e buchi.
  • Non prestare attenzione alla superficie: attenzione quando applicate la carta da parati. Possono crearsi bolle d’aria durante la stessa della decorazione. Affidatevi ad esperti.
  • Si può mettere in cucina o in bagno? È una scelta unica ed originale. Non azzardata. Optate per un modello lavabile ed evitate la zona cottura in caso della cucina e per il bagno un materiale anti-umidità.
  • Acquistare poca carta da parati: prestate attenzione alla misura delle pareti. Comprate almeno il 20% in più della carta necessaria. Non cedete alla tentazione di abbinare carta da parati ed arredo

Ti potrebbe interessare anche…

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.