Porta e Portoncino d'ingresso

Porta d’ingresso e Portoncino ingresso: Come sceglierli?

Come scegliere la porta d'ingresso? vediamo le caratteristiche che si devono considerare quando si acquista una porta d' ingresso e le detrazioni previste.

Porta o portoncino d’ingresso: che siano in vetro, in legno, moderni o particolari, rappresentano il biglietto da visita delle nostre case. Il suo stile, le sue caratteristiche possono fare la differenze e rendere unica la casa già dall’accesso. Dal portoncino in ingresso riusciamo già, anche in maniera inconsapevole, a farci un’idea di ciò che troveremo dentro casa. Ma l’importanza della porta di ingresso non si limita ad un fattore estetico. Porta e portoncini ingresso rappresentano la barriera tra la nostra casa, la nostra intimità, le nostre cose e l’esterno. Si tratta di una sorta di protezione che deve possedere determinate caratteristiche per sopperire appieno a quelle che sono le sue funzioni.

Portoncino moderno

Come scegliere la porta d’ingresso?

Nella scelta della porta di ingresso, occorre naturalmente considerare dei parametri fondamentali. La distinzione che si opera riguarda diverse porte d’ingresso, per un appartamento in un condominio o una porta d’ingresso per villetta. Vediamoli insieme e analizziamo da vicino queste caratteristiche.

  • Vedi anche come creare addobbi e ghirlande Natale fai da te 2020, per arredare la porta d’ingresso a Dicembre

L’isolamento termico

La trasmittanza termica indica la  capacità isolante della porta verso l’esterno o verso ambienti non riscaldati come può essere il vano scala di un condominio. Dipende naturalmente dalla stagione, l’obiettivo è quello di mantenere una temperatura calda all’interno quando fuori è inverno così come rimanere al fresco quando i gradi sul termometro iniziano a salire.

L’isolamento acustico

Per una questione di componenti e struttura, solitamente la capacità di isolamento acustico di una porta di ingresso è proporzionale alla resistenza antieffrazione. Per questo motivo, i modelli appartenenti alle classi di resistenza antieffrazione minori sono anche meno isolanti.

Il corretto isolamento acustico della porta d’ingresso è garantito dallo strato isolante interno al battente. Ma non solo, anche dalle guarnizioni perimetrali di battuta dell’anta, dall’isolamento tra telaio e controtelaio, dalle soglie di battuta sia fisse che mobili. Sulla scheda prodotto si può verificare, in riferimento alla porta di ingresso che vogliamo acquistare, la capacità di fungere da barriera ai rumori provenienti dall’esterno. Come? Attraverso il valore numerico espresso in decibel (dB), generalmente compreso tra 24/26 (minimo) e 45 dB (ottimo).

La classe energetica

La classe energetica di una porta è quella che permette di accedere agli ecobonus. La porta deve essere termoisolante, così da poter consentire di risparmiare sul riscaldamento trattenendo calore ed evitando la dispersione di energia elettrica. Se attiviamo tutto il giorno un sistema di riscaldamento in casa ma l’aria calda tende poi a disperdersi all’esterno, i consumi si alzano alle stelle!

La sicurezza

Quando parliamo di porta di ingresso, dobbiamo tenere conto anche della sua sicurezza. Deve resistere, come meglio riesce, ai tentativi di intrusione. Quindi diventa importante conoscere il valore della resistenza all’effrazione del portoncino in ingresso. Per resistenza all’effrazione si intende la capacità di resistere ad un’intrusione violenta, in seguito all’applicazione di una forza fisica.

La resistenza all’effrazione di una porta di ingresso viene misurata con test specifici, che sono regolati dalle norme EN 1627-1630. In base ai risultati dei test, la medesima norma stabilisce sei classi di resistenza: dalla 1 alla 6, quest’ultima offre la migliore tenuta.

La tenuta della parete

Quando si sceglie una porta d’ingresso è opportuno valutare anche la tenuta del muro. La porta va scelta anche in base a questo parametro, anche se spesso non ci facciamo caso. Per esempio, nel caso in cui la porta sia resistente ma il muro non lo sia abbastanza, è necessario rinforzare la parete utilizzando rete metallica, ferro e cemento cosicché controtelaio e porta diventino “un corpo unico”. Naturalmente è necessario rivolgersi a dei professionisti dell’ambito, prima di qualsiasi acquisto!

L’estetica della porta di ingresso

Anche l’estetica della porta d’ingresso rappresenta un aspetto molto importante, dall’esterno è già possibile farsi un’idea dell’interno. In tal senso, sono tantissime le proposte che arrivano dal mercato. Si può infatti scegliere tra materiali e finiture della porta di ingresso differenti. Si può addirittura differenziare il colore tra l’ esterno e l’ interno, una soluzione interessante! Così diventa possibile avere una porta come quelle degli altri condomini all’esterno (molto spesso è un obbligo previsto dal regolamento condominiale), scegliendo però l’interno più adatto a quello che è lo stile d’arredo e a quelli che sono i colori della casa. Si può optare per una porta di ingresso moderna, o per una classica, in simil legno, vetro o anche in ferro. Anche per il periodo delle feste, è importante pensare agli addobbi natalizi esterni.

porta d'ingresso classica

Porta d’ingresso per appartamento di condominio

La porta d’ingresso di un condominio deve coincidere con quello degli altri già presenti nel palazzo nella maggior parte dei casi. In ogni caso, è comunque possibile personalizzare la porta d’ingresso o addirittura scegliere una porta con una finitura diversa tra esterno ed interno. Per un appartamento in un condominio, generalmente sono sufficienti modelli di classe 2 e 3. Sta a noi e allo stile d’arredamento della nostra casa decidere che finitura inserire all’interno! (Vedi anche: porte interne per la casa)

Porta d’ingresso per casa indipendente

Nel caso di case indipendenti o villette, è forse più corretto parlare di portoncino di ingresso. Diversamente dalle porte interne, la porta d’ingresso di una casa singola o di una villetta si affaccia sulla strada ed è soggetta all’azione corrosiva degli agenti atmosferici. Questa variabile, nella scelta, ha un ruolo importante. Per questo in una casa indipendente la porta d’ ingresso deve essere doppiamente resistente: sia per quel che concerne gli agenti atmosferici, sia per quanto riguarda i tentativi di intrusione. In una casa indipendente, è opportuno orientarsi su porte che abbiano l’anta blindata, lo spioncino ed il limitatore di apertura. Si tratta di accessori di grande utilità che consentono un controllo maggiore sull’esterno, senza necessità di aprire la porta o di aprirla parzialmente e con un ostacolo piuttosto resistente.

 I consigli per acquistare una porta di ingresso

Quando si acquista una porta di ingresso, occorre verificare la presenza di una serie informazioni:

  • indicazione della classe di resistenza e “scheda prodotto”, che riporti il nome del fabbricante e le istruzioni per il corretto uso
  • tra la documentazione deve essere altresì presente la marcatura CE e Dichiarazione di prestazione (DOP). Fate riferimento a un esperto del settore per essere sicuri di fare un acquisto consapevole! Se si deve acquistare una porta di ingresso, è opportuno rivolgersi infatti a fabbricanti qualificati e a rivenditori di fiducia, che possano garantire un’installazione che sia conforme al livello di sicurezza previsto
  • si deve controllare sempre il livello di resistenza all’effrazione della porta di ingresso che si intende acquistare. Rappresenta la caratteristica prioritaria di una porta di ingresso
  • la porta di ingresso deve avere una classe di sicurezza dichiarata dal produttore ed ottenuta a seguito al superamento dei test previsti dalle normative, eseguiti presso laboratori notificati.

Detrazioni porta d’ingresso

La spesa sostenuta per la sostituzione di una porta blindata può essere detratta al 50% e può anche usufruire dell’ecobonus, nel caso in cui la porta acquistata presenti determinate caratteristiche. Il decreto sicurezza riconosce, infatti, una detrazione pari al 50% per le spese sostenute per la sostituzione della vecchia porta di ingresso con una porta blindata. Gli interventi finalizzati all’installazione di una porta blindata rientrano tra gli interventi di ristrutturazione, per i quali è riconosciuto il bonus mobili. Non solo, danno anche diritto alla detrazione prevista, pari al 50%. L’acquisto di una porta blindata può rientrare tra le spese riconosciute in detrazione dall’ecobonus ma deve essere di un modello capace di isolare termicamente l’ambiente interno da quello esterno. La porta di ingresso giusta darà valore alla vostra casa: potete aprirla per ospitare chi desiderate accogliere e potete chiuderla sapendo di avere la giusta sicurezza.

Ti potrebbe interessare anche…

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.