Tavolo da pranzo

Tavolo Da Pranzo: Moderno o design da IKEA a Mondo Convenienza

Ditemi cosa c’è di più bello di un tavolo da pranzo apparecchiato per la famiglia e per gli amici, tutti riuniti intorno. Si tratta, infatti, di un complemento d’arredo essenziale e funzionale, indispensabile nella vita di tutti i giorni in casa. Il tavolo da pranzo è la sintesi della convivialità, il riassunto della famiglia, il punto di ritrovo dopo una giornata che ci vede impegnati ognuno con il suo lavoro o la sua attività. È il punto di partenza per una colazione tutti assieme o, ancora, il punto di stacco nelle pause pranzo, dove ci si rigenera prima di continuare la giornata.

Si tratta di un mobile importante che rappresenta l’unione, la quiete, il piacere. Per questo merita un posto in prima fila nella scelta dell’arredo. Possiamo acquistare un tavolo da pranzo moderno e minimal, dalle linee pulite o sobrie, oppure direzionare la nostra scelta verso qualcosa di più classico o meglio, rustico/country chic. Qualsiasi sia lo stile del nostro tavolo da pranzo, siamo certi che attirerà l’attenzione di tutti e rappresenterà un elemento principe nell’arredo della casa. Nell’ultimo periodo una nuova tendenza vede la scelta dello stile del tavolo da pranzo differente rispetto a quello dell’ambiente circostante: questo per dare ancora più rilevanza al tavolo come fattore di stacco e di contrasto, come mobile da differenziare rispetto a tutti gli altri.

Tavolo da pranzo moderno

Un tavolo da pranzo moderno deve rispettare dei fattori che indirizzano verso elementi imprescindibili dello stile attuale:

  • essenzialità
  • linearità
  • ordine

Un tavolo da pranzo moderno, infatti, non è arricchito da elementi caratterizzanti o decorazioni, raramente è in ferro battuto o realizzato con linee morbide. Si tratta, infatti, di un mobile che deve essere funzionale: realizzato per la maggior parte delle volte in legno massiccio senza intagli o intarsi. È possibile acquistare un tavolo da pranzo moderno che abbia le gambe in acciaio o in metallo ben definite e non ingombranti. Difatti, un tavolo moderno deve rispecchiare l’essenzialità dell’ambiente e dello stile che lo circonda: deve trasmettere ordine e pulizia.

Tavolo da pranzo in cristallo

Un tavolo da pranzo in cristallo rappresenta una scelta coraggiosa e audace. Significa voler donare alla propria casa un tocco di raffinatezza ed eleganza unica ma, allo stesso tempo, necessita di particolari attenzioni. Il cristallo, infatti, è un materiale molto delicato e potrebbe essere un rischio se applicato a un mobile che di per sé deve essere funzionale e utilizzabile ogni giorno. Ciò non toglie che scegliere un tavolo da pranzo in cristallo vuol dire inserire nella propria abitazione un elemento chic senza tempo. Raccomandiamo comunque di scegliere un modello robusto con gambe resistente in legno o metallo.

Tavolo da pranzo di design

Un tavolo di design esprime una certa innovazione tramite forme, strutture, e materiali poco comuni che incontrano la funzionalità. Questo connubio è diventato un punto fondamentale nell’arte dell’arredamento, che grazie alla continua ricerca scientifica ed artistica, si propone di soddisfare le esigenze dei vari utenti. I vari esempi che proponiamo in questo articolo rappresentano solo una piccola selezione.

  • Iniziamo dal tavolo disegnato da Ron Arad nel 2004, prodotto da Moroso. No Waste è progettato in modo tale da ottenere tutte le sue parti da un unico foglio di alluminio alveolare ultraleggero, senza alcuno scarto di lavorazione. Ispirato ai concetti propri dell’auto-produzione più che al riuso o al riciclo creativo, No Waste è una forma diversa, capace di determinare un cambiamento nella consuetudine del giudizio estetico.

Tavolo no waste

  • Di tutt’altro impatto è il tavolo 195 Naan, del designer Piero Lissoni prodotto da Cassina dal 2009. La duplice lettura di questo tavolo risiede nella leggerezza visiva portata all’estremo e, al tempo stesso, nella decisa solidità strutturale. Il designer esaspera volutamente il rigore formale, dato anche dal piano rettangolare ultraleggero, con uno spessore di soli 10 mm. L’essenzialità è valorizzata dal legno di rovere fumigato.

Tavolo Naan

  • Il tavolo rotondo Xilos disegnato da Antonio Citterio nel 2012 per la collezione Maxalto è sicuramente un complemento d’arredo fuori dall’ordinario. Antonio Citterio recupera il motivo delle gambe di supporto a crociera, tipico di questa serie, riproponendolo in una versione “luxory“, in cui alla struttura in rovere è possibile abbinare il piano in marmo. La bellezza del legno della base è valorizzata dalle quattro varianti cromatiche: rovere grigio, rovere chiaro spazzolato, rovere nero e rovere fumigato, utilizzabile anche per piano girevole posto al centro del tavolo.

Tavolo Xilos

  • Il tavolo TL disegnato da Giuseppe Viganò nel 2015 per Bonaldo, prende il nome dalla particolare forma della gamba centrale, composta da due elementi inclinati che, insieme al piano, formano le due lettere T e L. L’insieme del basamento e del piano è caratterizzato dalla nitidezza delle forme e dalla grandezza degli spessori, tanto da creare un forte impatto visivo. La base può essere in metallo verniciato (bianco o grigio antracite opaco) e con effetto rame, ottone o decapato. Il piano è disponibile in legno laccato, in noce canaletto, rovere spazzolato (naturale o termo-trattato), massello di noce americano, massello di rovere con nodi (spazzolato naturale o antracite) e in cristallo.

tavolo TL dettaglio

  • Il Tesa Table, disegnato da Renzo Piano nel 1985 per FontanaArte. Per la prima volta Renzo Piano si misura con il campo del design, progettando una produzione coordinata di sistemi d’arredo in un unico materiale, il vetro: simbolo della storia produttiva dell’azienda. Si tratta di una collezione di notevole pregio che comprende, oltre al tavolo, la libreria e la consolle. Il piano del tavolo è realizzato in vetro float stratificato, di spessore 25 mm. Le gambe sono composte da lastre di vetro float stratificato, dello spessore di 38 mm, con scanalature per inserimento di tiranti in metallo. Grazie all’elevato coefficiente di compressione del vetro, la tensione che si genera trasforma il tavolo in un monoblocco.

Tavolo Tesa Table dettaglio

Tavolo da pranzo salvaspazio

La prima cosa di cui tenere conto quando si decide di acquistare un tavolo salvaspazio sono le sue dimensioni. Se il tavolo è destinato a un appartamento di modeste dimensioni, la soluzione migliore è un tavolo a scomparsa oppure richiudibile. Esistono anche dei tavoli che, una volta richiusi, hanno dei vani contenitori dove riporre due sedie pieghevoli. Questo tipo di tavoli sono adatti a tutti gli ambienti possibili e immaginabili grazie alla vastità di scelta in fatto di design. Ma cosa farne del tavolo quando non viene usato? Messo all’ingresso di casa con sopra un vaso con fiori e uno svuota tasche sarebbe una scelta ideale.

Un tavolo salvaspazio risalta come complemento d’arredo se posizionato nel soggiorno, magari addossato ad una parete e sotto ad uno specchio. Se poi ci si mettono un paio di soprammobili sopra, il gioco è fatto. Essendo già nel soggiorno sarà davvero facile spostarlo quel tanto che basta per aprirlo e, quindi, allungarlo. Vi sono poi le consolle allungabili con meccanismo perimetrale che mantiene allineate le gambe e possono essere utilizzate magari per ospitare un piccolo impianto stereo. Non dimenticare di visionare Duzzle.it, il sito di arredamento online, per cercare la consolle adatta al tuo living. Esistono anche dei tavoli polifunzionali. Ciò vuol dire che possono essere regolati sia in larghezza che in altezza premendo un tasto sul lato. Hanno inoltre le ruote gommate con sistema di blocco. Chi ama mangiare sul divano guardando la Tv non potrà farne a meno.

Tavolo salva spazio

Tavolo da pranzo IKEA

Un tavolo da pranzo IKEA potrebbe rappresentare una scelta ottimale in relazione al rapporto qualità/prezzo. Lo stile scandinavo tipico del brand svedese è lineare e facilmente abbinabile. Ma questo non significa che possano esserci in catalogo diversi modelli che possono adeguarsi a tutti gli ambienti, da quelli più moderni e minimali a quelli più classici. Vediamone alcuni:

  • MÖRBYLÅNGA/ODGER, tavolo in rovere e antracite dalle linee moderne al prezzo di 953 euro
  • LERHAMN, tavolo in mordente anticato, economico e ideale sia in ambienti moderni che rustici. Prezzo: 210 euro
  • SKOGSTA/SAKARIAS, tavolo da pranzo in acacia, perfetto per ambienti moderni e minimal. Prezzo: 949 euro
  • TORSBY/TOBIAS, tavolo in vetro bianco trasparente. Prezzo: 339 euro
  • LISABO/LEIFARNE, tavolo in frassino perfetto per ambienti vintage. Prezzo: circa 370 euro.

Tavolo da pranzo Mondo Convenienza

Anche Mondo Convenienza è un’azienda molto apprezzata in fatto di arredamento, specie per quanto riguarda l’aspetto economico. Il brand è ormai molto conosciuto e la convenienza riguarda proprio i costi molto contenuti dei mobili e complementi d’arredo che propone. Per quanto riguarda i tavoli di Mondo Covenienza, è possibile sceglierli sia classici che moderni, comprensivi o meno delle sedie. Vediamo alcuni modelli tra i più apprezzati:

  • SPEEDY, tavolo allungabile con finitura effetto legno. Prezzo: 98 euro
  • CLOUD allungabile, moderno ed essenziale. Prezzo: 134 euro
  • BASIC, tavolo da pranzo allungabile effetto rovere. Prezzo: 188 euro
  • URBINO, tavolo allungabile in cemento, ideale in ambienti formali, moderni o minimal. Prezzo: 165 euro
  • WOOD, olmo e vetro, ricercato e dalle linee pulite. Prezzo: 393 euro

Tavolo da pranzo: come sceglierlo?

Nella scelta del tavolo da pranzo ideale è importante rispettare dei parametri che variano a seconda del luogo dove si trova il tavolo, della misura, della forma e dello stile nonché del numero dei componenti della famiglia. In commercio ci sono tavoli da pranzo classici, tavoli da pranzo moderni, tavoli da pranzo di design. La scelta è molto soggettiva ma si basa anche su fattori ben precisi che vanno considerati. Vediamoli insieme:

Misure

Non sempre si può optare per un bel tavolo grande al centro della stanza. Le misure, oltre che dipendere dal numero di sedute, sono infatti vincolate dalla grandezza della stanza dove il tavolo viene collocato. Per questo spesso occorre orientarsi su tavoli da pranzo più piccoli oppure si può optare, quando proprio lo spazio scarseggia, per tavoli da pranzo a scomparsa, o per un  tavolo estensibile piuttosto che un tavolo apribile, oppure si può scegliere un tavolo allungabile che consenta di essere ampliato a seconda delle esigenze.

Materiale

Anche il materiale di realizzazione è un criterio di scelta. Spesso si tende a optare per tavoli in legno, ad esempio un tavolo rovere o un tavolo da pranzo legno grezzo o ancora un tavolo in massello, perché sono resistenti, perché si adattano a diversi stili di arredo, perché sono ever green. Ma sono molto apprezzati anche i tavoli da pranzo in vetro o i tavoli realizzati in legno e metallo.

Forma

I tavoli da pranzo differiscono tra loro anche per la forma. I più diffusi sono senza dubbio i  tavoli rettangolari ma in commercio ci sono tavoli pranzo rotondi anche in versione allungabile. Ci sono tavoli quadrati e anche tavoli ovali. Nella scelta della forma gioca molto il gusto personale ma anche lo spazio che si ha a disposizione e il punto dove verrà posizionato il tavolo. Se, ad esempio, il tavolo dovrà essere collocato vicino ad una parete la scelta sarà obbligata verso un tavolo quadrato o rettangolare. Se sarà posizionato al centro della stanza allora si potrà decidere anche verso le altre soluzioni.

Stile

Dal tavolo da pranzo shabby al tavolo da pranzo moderno, dal tavolo classico a quello in legno grezzo, la scelta dello stile del tavolo da pranzo è davvero vastissima. C’è chi in un arredo moderno inserisce il vecchio tavolo da pranzo dei nonni, chi lo fa costruire su misura, chi opta per tavoli più economici ma comunque funzionali, chi sceglie un tavolo di design. La scelta è davvero molto soggettiva.

Tavolo da pranzo cucina

Spessissimo si usa pranzare e cenare in cucina, non sempre si ha a disposizione una sala da pranzo e così la cucina che è un po’ il cuore della casa, deve essere attrezzata con un tavolo da cucina. I tavoli per cucina sono spesso abbinati alla cucina stessa e quindi rispecchiano appieno il suo stile, ma non è raro che il tavolo da pranzo rappresenti un elemento a sé stante, diverso per materiale e colore dal resto del mobilio. E così anche se abbiamo una cucina moderna possiamo optare per un bel tavolo da pranzo in legno a contrasto. In cucina spesso il tavolo da pranzo funge anche da piano di lavoro,  in questo caso è bene optare per materiali resistenti ai graffi

Tavolo da pranzo soggiorno

Nelle case moderne spesso soggiorno e angolo cottura sono un’unica stanza dove viene collocato anche il tavolo da pranzo. In tal caso deve essere in armonia con il resto dell’arredo, ciò non significa che deve abbinarsi per colore o materiale, può anche essere un pezzo unico che si distingue dal resto dei mobili. Chi ha la fortuna di avere una stanza dedicata al pranzo, la cosiddetta sala da pranzo, può optare per un arredo tutto abbinato con tavolo, madia e vetrina uguali. E magari sbizzarrirsi con le sedute e con i complementi di arredo.

Tavolo da pranzo: i complementi di arredo

Il tavolo da pranzo può essere arricchito e impreziosito dai complementi di arredo come tappeto e illuminazione. In diversi stili il tappeto sotto il tavolo da pranzo è un elemento quasi essenziale. L’importante è che sia grande abbastanza e in linea con lo stile. Anche l’illuminazione è importante per valorizzarlo. Deve essere idonea e essere in grado di impreziosire il tavolo. Una lampada a sospensione o un bel lampadario posizionati al centro del tavolo possono veramente fare miracoli. L’improntante è tenere sempre ben presenti le proporzioni

Le sedute sono fondamentali, che siano poltroncine o sedie per tavolo, devono essere comode e funzionali ma anche belle esteticamente, qui si può osare anche per i contrasti: si a poltroncine rivestite nello stile shabby, si alle sedie di design nel tavolo in legno grezzo. Il centro tavolo è sempre piacevole, si al vaso di fiori freschi, si al vaso di design, si anche alla cesta di frutta fresca.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.