MVRDV

MVRDV: biografia opere opere curiosità delle Archistar

MVRDV è uno studio di architettura famoso con sede a Rotterdam, Shanghai e Parigi. Continua a leggere per scoprire tutte le curiosità su questo gruppo di architetti famosi.

MVRDV biografia

Il nome dello studio, fondato a Rotterdam nel 1993 è l’acronimo dei suoi soci fondatori. MVRDV  racchiude Winy Maas, Jacob van Rijs e Nathalie de Vries. Winy Maas nasce nel 1958 a Schijndel (Paesi Bassi). Prima di fondare con gli altri due architetti lo studio MVRDV ha lavorato presso l’Office of Metropolitan Architecture (OMA) di Rem Koolhaas. Jacob van Rijs nasce ad Amsterda nel 1965.  Anche lui come Maas prima della fondazione dello studio associato ha lavorato negli OMA. Nathalie de Vries, nata ad Appingedam (Paesi Bassi) nel 1965 ha lavorato nello studio internazionale Mecanoo prima di fondare coi soci Maas e van Rijs il loro studio.

MVRDV opere

Quali sono le opere famose dello studio MVRDV? La mission dello studio, attivo in campo internazionale in ogni settore architettonico e urbanistico, prevede una progettazione che coinvolge committenze, stakeholders e professionisti che interagiscono fin dalle prime fasi del processo creativo. Vediamo insieme le opere più famose e interessanti dello studio olandese.

La piramide – Tirana (in corso)

MVRDV sta realizzando il suo progetto per la Piramide di Tirana, un ex monumento comunista nella capitale albanese. Il monolite di 11 800 metri quadri, che originariamente era un museo dedicato al leader comunista Enver Hoxha, sarà riconvertito e trasformato in un centro multifunzionale per tecnologia, la cultura e l’arte. Il progetto mira a restituire l’edificio al pubblico. Il piano terra è aperto da tutti i lati per invitare il pubblico a partecipare ai suoi diversi programmi educativi. Rendendo accessibile la facciata e il tetto, l’edificio è integrato nel tessuto urbano offrendo al pubblico una nuova prospettiva della città.

piramide tirana mvrdv
Tirana Pyramid

La stessa logica viene applicata all’interno che, attraverso l’abile introduzione di elementi paesaggistici e di verde, si integra perfettamente con la piazza circostante.

interno piramide tirana
Dettaglio dell’interno

KoolKiel – Kiel (in corso)

MVRDV è stato selezionato come progettista di un complesso ad uso misto di 65.000 metri quadrati che riqualificherà un sito post-industriale a Kiel, in Germania. La proposta, che comprende un hotel, uffici, residenze, spazi commerciali e uno spazio per eventi, si avvale di un sistema di progettazione flessibile, che consente al progetto di adattarsi facilmente alle esigenze e ai desideri della comunità man mano che lo sviluppo del design avanza.

mastplan dell'area
Masterplan dell’intervento a Kiel

La proposta prevede di mantenere l’attuale struttura dell’edificio denominato Medienzentrum W8 come unità commerciali, completandola con appartamenti. Accanto a questo, viene proposto un nuovo edificio con un basamento a zig-zag contenente uffici e negozi, sormontato da diversi blocchi cubici di abitazioni e una piccola torre di spazi per uffici.

koolkiel mvrdv kiel
Koolkiel

Alla fine del sito, una torre d’albergo di 250 camere si collega al suddetto plinto attraverso uno spazio per eventi pubblici, che sarà utilizzato per ospitare mostre ed eventi organizzati dalla comunità.

Baltyk – Polonia (2017)

La torre per uffici progettata nella città polacca di Poznan ha una superficie totale di 25.000 metri quadri e si trova all’ingresso orientale della città storica. Al suo interno ospita appartamenti, un hotel e un ristorante panoramico che offre viste mozzafiato sulla città circostante.

baltik mvrdv
Baltik – Poznań

Questa torre vetrata è un edificio multifunzionale con soluzioni interne innovative e terrazze che offrono viste panoramiche in tutta la città. Il design risponde alla richiesta di connessioni più fluide tra i livelli inferiore e superiore, collega l’edificio al quartiere e, allo stesso tempo, è audace e significativo con la sua profondità nel volume.

baltik dettaglio facciata
Dettaglio della facciata

Le forme diagonali si trasformano in terrazze per gli utenti, e questo si assottiglia man mano che sale consentendo meno metri quadrati di uffici in cambio di più spazio pubblico sottostante.

Tianjin Binhai Library – Cina (2017)

La Biblioteca Tianjin Binhai progettata da MVRDV è parte di un masterplan più ampio pensato per fornire un distretto culturale per la città. Il centro culturale di 33.700 metri quadri con un auditorium sferico luminoso e librerie a cascata dal pavimento al soffitto funziona non solo come centro educativo ma come spazio sociale e connettore dal parco al distretto culturale.

tianjin binhai library mvrdv
Tianjin Binhai Library

Un’apertura ovale perforata attraverso l’edificio è sostenuta dall’occhio, una sfera luminosa con un auditorium, che prende il palco principale all’interno dell’atrio e allarga la percezione dello spazio all’interno. Le librerie a terrazze che richiamano la forma della sfera creano un paesaggio interno, topografico, i cui contorni si allungano e si avvolgono attorno alla facciata. In questo modo, gli scaffali a gradini all’interno sono rappresentati all’esterno con ogni livello che si raddoppia come una griglia.

L’edificio si sviluppa su 5 piani e contiene diverse strutture educative, disposte lungo i bordi degli interni e accessibili attraverso lo spazio dell’atrio principale. Il programma pubblico è supportato da spazi di servizio sotterranei, un deposito di libri e un grande archivio.

dettaglio interno biblioteca
Dettaglio interno della biblioteca

Dal piano terra i visitatori possono accedere facilmente alle aree di lettura per bambini e anziani, all’auditorium e all’accesso a terrazze ai piani superiori. Il primo e il secondo piano consistono principalmente di sale di lettura, libri e aree lounge, mentre i piani superiori includono sale riunioni, uffici, sale computer e audio e due cortili sul tetto.

Markhal – Rotterdam (2014)

Realizzato nel centro cittadino, il Markthal di Rotterdam è una nuova tipologia edilizia che unisce unità residenziali e mercato. Il complesso presenta un atrio sormontato da una copertura che accoglie 228 appartamenti, ed è accompagnato da supermercato e parcheggi per 1.200 autovetture, entrambi in posizione sotterranea.

markthal rotterdam mvrdv
Markthal – Rotterdam

La struttura, la cui costruzione ha previsto 5 anni di lavori, accoglierà secondo le stime dai 4,5 ai 7 milioni di visitatori ogni anno. Questo progetto, realizzato nel quartiere storico Laurenskwartier recentemente riqualificato, è un tassello di un più ambizioso mosaico a opera del consiglio comunale, mirato alla trasformazione del distretto in un’area vivace e popolare.

L’edificio è stato studiato con due grandi aperture in corrispondenza dei lati proprio per attrarre un grande numero di visitatori, oltre che per ricordare proprio un mercato coperto. Per evitare l’ingresso di correnti fredde e precipitazioni in corrispondenza di tali porzioni, si è optato per una facciata simile a una racchetta da tennis, composta da una rete sospesa con cavi in acciaio precompressi e porzioni vetrate in corrispondenza dei vuoti; una scelta che ha assicurato schermatura e trasparenza ottimali. Questo prospetto, il più grande su scala europea nel suo genere, è molto flessibile.

interno markthal rotterdam
Dettaglio dell’interno

Gli ambienti sono rivestiti in  pietra grigia naturale. Lungo l’intera volta si staglia Cornucopia, l’enorme murales a opera di Arno Coenen e Iris Roskam che, grazie a una superficie complessiva di 11.000 metri quadri, è tra le più grandi opere d’arte dei Paesi Bassi.

Glass Farm -Schijndel (2013)

Glass Farm è un nuovo centro commerciale a Schijndel, un piccolo paese del Brabante  Settentrionale, nel sud dell’Olanda. La cittadina, che conta poco più di 23.000 abitanti, è il paese natale di Winy Maas e conserva un tragico ricordo della Seconda Guerra Mondiale. I bombardamenti del 1944, hanno distrutto gran parte del patrimonio artistico del paese. Fra i luoghi distrutti c’era la piazza del mercato, che da quel momento non ha mai smesso di essere ampliata e rimodellata, e ha finito col perdere la valenza che possedeva un tempo nel tessuto urbano.

Forte del legame personale che unisce Winy Mass alla cittadina, MVRDV, dal 2000 a oggi, ha elaborato ben sette proposte di progetto, con un solo obiettivo: riportare in vita la piazza. Alla fine, si è giunti a un accordo per realizzare il progetto Glass Farm.

glass farm mvrdv
Glass farm -Schijndel

Glass Farm è una grande costruzione di 1600 metri quadrati, con facciate esterne di 1800 metri quadrati completamente realizzate in vetro stampato. Su queste vetrate è stato apposto un collage di frammenti di immagini rappresentanti fattorie tradizionali olandesi, selezionate ed editate dall’artista Frank van der Salm. A seconda dell’angolazione da cui si osserva l’edificio, si ha l’impressione di essere di fronte a un edificio in mattoni realizzato secondo i tradizionali sistemi di costruzione dei fabbricati rurali olandesi.

Al suo interno l’edificio ospita svariate destinazioni d’uso: uffici, ristoranti, negozi, un centro di salute e bellezza. Questo nuovo centro commerciale ha lo scopo di rivitalizzare la zona e di riadattare in chiave moderna il concetto di mercato originariamente associato alla piazza, racchiudendo in un involucro “autoctono”, un nuovo programma funzionale misto. Su alcune porzioni di vetrata le immagini scompaiono lasciando il vetro nudo, così da rivelare l’interno dell’edificio o semplicemente convertirsi in vetrine.

interno glass farm
Dettaglio dell’interno

Durante la notte l’edificio funziona come una lanterna: la luce filtra dalle vetrate, illumina le immagini stampate sulle facciate, e trasforma una semplice fattoria in un monumento nel pieno centro di una città.

Le Monolithe – Lione (2010)

Sul margine meridionale della Penisola di Lione si trova il complesso urbano super green ‘Le Monolithe’. Nell’area oggetto di un più ampio masterplan, MVRDV ha progettato l’edificio di testa nella sezione sud del lotto.

masterplan del lotto
Masterplan del lotto con individuati i vari progettisti

Le Monolithe è un isolato urbano ad alta efficienza energetica situato alla confluenza dei fiumi Saona e Rodano a Lione. Una grande corte interna, con uno spazio pubblico rialzato che domina la città, fa eco allo spazio classico di una Grand Gallérie. L’edificio utilizza l’80% di energia rinnovabile.

le monolithe lione
Le Monolithe – Lione

L’elemento più caratteristico dell’edificio è  la facciata esterna, su cui è riportato il primo articolo della Costituzione Europea. Quando tutte le imposte sono chiuse, sul fronte esterno dell’edificio è possibile leggere per intero il primo articolo della Costituzione Europea: “L’Unione si fonda sui valori del rispetto della dignità umana, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza, dello Stato di diritto e rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze”.

Celosia – Madrid (2009)

Questo edificio residenziale progettato da MVRDV si trova in nuovo quartiere situato sul bordo nord-est di Madrid, vicino al Mirador anch’esso progettato dallo studio olandese. I blocchi di otto case sono visti come unità prefabbricate separate. Sono posizionati a scacchiera uno accanto all’altro e uno sopra l’altro lasciando delle aperture per i giardini comuni nel mezzo. La luce e la ventilazione che forniscono sono in contrasto con le condizioni di altri sviluppi nell’area.

celosia madrid mvrdv
Celosia – Madrid

Il blocco perforato di Celosia riunisce 146 appartamenti, oltre ad aree esterne comuni in tutto l’edificio e parcheggio. L’edificio ospita anche attività commerciali al piano terra. La superficie totale è di 21.550 metri quadri. Con un costo di costruzione relativamente contenuto, gli appartamenti possono essere venduti a prezzi convenienti.

dettaglio facciata celosia
Dettaglio della facciata interna

L’isolato è aperto e consente al vento e alla luce di entrare nell’edificio, offrendo panorami e spazi esterni in contrasto con l’area circostante.

Frøsilo – Copenhagen (2005)

Il Frøsilo è frutto di una conversione radicale del lungomare situato nella vecchia area portuale di Copenaghen. Oltre a vantare eccellenti viste sul lungomare e la vicinanza alla città, questi ex silos hanno un carattere apparentemente incompleto; è una struttura spoglia.

mvrdv frosilo copenhagen
Frøsilo – Copenhagen

In tutta Europa, le vecchie aree portuali non funzionali vengono riqualificate in aree residenziali di fascia alta. Viste eccellenti, posizione sul mare e vicinanza al centro assicurano che questi sviluppi abbiano successo. In questi progetti, gli appartamenti più richiesti sono generalmente magazzini trasformati in residenze che combinano uno stile di vita moderno con un tocco di carattere storico.

Gli 84 appartamenti ricavati nei due vecchi silo sono posizionati lungo i piani e “appesi” all’esterno del silo. Questo dettaglio consente ad ogni camera di beneficiare della massima vista e flessibilità.

frosilo dettaglio copertura
Dettaglio della copertura in vetro

Il design proietta i pavimenti verso l’esterno sfruttando la forma del silo. I due silo sono coperti da un tetto vetrato, che crea una hall interna futuristica in cui le persone si muovono su e giù. In questo modo, il silo costituisce letteralmente un nuovo nucleo per il progetto.

Padiglione olandese – Expo Hannover (2000)

Il padiglione olandese per l’Expo di Hannover 2000 è stato il trampolino di lancio internazionale per lo studio MVRDV. Il titolo racconta già tutto: “Holland creates Space ” ovvero l’Olanda crea spazio. Il padiglione olandese per Expo Hannover 2000 aveva lo scopo di mettere in mostra un paese che sfrutta al massimo il suo spazio limitato. L’idea gioca su sei paesaggi olandesi accatastati che formano un ecosistema indipendente.

mvrdv padiglione hannover
Padiglione olandese – Expo Hannover 2000

Il padiglione doveva essere quindi una vetrina per comunicare la sostenibilità culturale olandese. L’architettura suggerisce l’apertura mentale olandese che si contrappone agli elementi classici dei Paesi Bassi: tulipani, mulini a vento e dighe.

MVRDV curiosità

Com’è nata l’idea di MVRDV? I tre architetti fondono le loro competenze dopo il successo ottenuto alla Berlin Euroepan Competition e da due decenni svolgono un’intensa attività didattica, con lezioni, seminari e workshop in molte accademie e istituti di architettura, come docenti e visiting professor.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.