Divano letto: tra comodità ed estetica

Dobbiamo a Jean Tapisserie nel lontano ‘600 e (nella versione a noi più vicina) a Bernardo Castro nel ‘900 la nascita del divano.
Un elemento di arredo parte integrante delle nostre case, che ci dona riposo e comfort, adattandosi con i suoi vari modelli e colori ad ogni tipo di arredamento, classico o moderno.
Oggi molte sono le varianti a nostra disposizione, tra cui il divano letto. Questo nasce per soddisfare in maniera intelligente ed economica, le esigenze di chi ha poco spazio o vive in un monolocale, di chi ha bisogno di un secondo letto per gli ospiti o per una seconda casa. E il tutto senza rinunciare alla comodità.

Prima di scegliere un divano letto, è bene tenere conto di tanti fattori, vediamoli insieme con i consigli di Poltrone e Divani, negozio di divani e materassi di Agrigento.

Primo elemento da tenere in considerazione sono le misure: è certamente poco ingombrante da chiuso, ma da aperto ha bisogno di un minimo di spazio che è importante valutare preventivamente per evitare brutte sorprese.
Inutile ricordare di preferire un divano con materiali di qualità, con tessuti sfoderabili e lavabili, vista la sua ulteriore funzione di letto.

Esistono modelli a posto singolo, a 2 posti e persino matrimoniali; a scomparsa, angolare o con deliziosa penisola; con rete metallica o con doghe in legno. Ma sopratutto con varie “aperture”.

  • Il modello “classico”, dove la struttura del letto si trova interamente sotto il divano. Tolti i cuscini, si estrae il letto il cui schienale è quello del divano mentre il materasso può essere in poliuretano o in lattice e può trovarsi con la rete a molle o con le doghe.
  • Nel modello “a fisarmonica” il letto si piega in tre parti, due sono sotto il letto a formare la seduta e una è lo schienale.
  • Il divano “a libro” è diviso tra lo schienale e la seduta che rappresenta la parte “lunga”.
  • Nella versione “a cassetto” la rete viene fuori da sotto la seduta, formando il piano letto. Il materasso in questo caso è un elemento a parte e spesso si forma un avvallamento al centro.
  • Nel modello “a ribalta” la seduta e lo schienale si ribaltano, per essere riposti sotto il letto che si forma.

Ogni esigenza è oggi soddisfatta optando per un divano letto, e senza rinunciare al benessere e all’agio di dormire in maniera appagante su un materasso che può arrivare anche a 12-15 cm (è più alto nei modelli “a libro” o “a cassetto” che hanno un materasso a se stante): si pensa che siano sottili, ma le tecnologie avanzate ci offrono materiali che sopperiscono alla esiguità dei materassi.
Il materasso in poliuretano è costituito da una schiuma compatta e solida, è anallergico, traspirante e indeformabile e meno costoso del lattice, costituito anche lui da una schiuma (naturale) e indeformabile, ma che può dare reazioni allergiche.

Una soluzione innovativa? Il Futon, modello che nasce dalla tradizione giapponese: è un divano letto “a fisarmonica”, ergonomico, creato con materiali assolutamente naturali e resistenti e con supporto in doghe di legno massiccio con materasso in “cotone cardato” che regola la temperatura.

A voi la scelta e… buon riposo!

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.