Arredare il bagno

Arredare il Bagno: 5 idee tra fai da te, mobili e accessori

Come arredare il bagno? 5 idee che potrebbero fare al caso vostro! Secondo le più recenti tendenze, il bagno ha assunto un ruolo di primo piano in quanto, in questo ambiente, si svolgono molte attività per il benessere e la cura del corpo, sfruttando le più moderne tecnologie. Quindi, se una volta arredare il bagno comportava unicamente la scelta dei sanitari, oggi si pensa a mobili, accessori, biancheria e tanto altro. Questo vale anche per l’oggettistica casa, che vuole raccontare qualcosa di noi e della nostra storia. 

Per arredare il bagno bisogna prendere in considerazione diversi fattori, aspetti essenziali per riuscire ad ottenere un risultato perfetto, creando un ambiente equilibrato con il resto della casa e allo stesso tempo funzionale e originale. I colori, lo stile, le decorazioni e la luminosità devono combinarsi senza stonature, attraverso una ristrutturazione del bagno che sappia valorizzare l’intera abitazione. Il bagno è senza dubbio lo spazio più intimo della casa ed è quello a cui si presta maggiormente attenzione quando si tratta di arredo. Le scelte vengono fatte con cautela e con attenta riflessione, si ragiona su ogni aspetto, dalla scelta dei rivestimenti al tipo di materiale da utilizzare. Andiamo ad analizzare 5 idee originali per arredare il bagno.

Arredare il bagno: 5 idee tra fai da te, mobili e accessori

Per prima cosa si deve tenere presente che il bagno è una stanza della nostra abitazione che richiede una grande organizzazione. Nello stesso tempo deve contenere dei sanitari e dei componenti di arredo di buona qualità, per evitare sostituzioni degli stessi dopo pochi anni. Inoltre, si deve mettere un occhio molto attento anche al lato economico, in quanto la varietà dei componenti e degli accessori da inserire nell’arredamento è tale che si rischia di superare il budget previsto. Una scelta che porta a un risparmio certo, con mobili di qualità è quella dell’acquisto online, con molti siti che mettono a disposizione della clientela soluzioni moderne e funzionali con grande varietà di forme, colori e materiali.

Il grande numero di portali online che si occupano di arredamento bagno nello stesso tempo rende più difficile districarsi tra le molte soluzioni. Per cui la ricerca deve essere effettuata avendo ben chiaro quello che si vuole acquistare, e inoltre cercare informazioni sull’affidabilità e sulla serietà dei vari portali online, magari anche con le recensioni dei clienti. Chi non vuole correre rischi può affidarsi al sito www.bagnochic.com. sicuramente uno dei migliori in assoluto e consigliato da molte persone. Un portale sul quale sono disponibili soluzioni che accontentano tutti i gusti e che garantisce prezzi concorrenziali e consegne affidabili.

1. Arredare il bagno: Scelta tra bianco e colore

Un presupposto fondamentale da considerare è rappresentato dalla scelta della tonalità cromatica delle pareti. Se la stanza è di piccole dimensioni, è sempre preferibile optare verso il bianco, in quanto tende ad offrire maggiore ampiezza ai volumi. Questo vale anche per i rivestimenti. Un ambiente total white può essere poi ravvivato da macchie di colore. Se, al contrario, le dimensioni della camera sono abbastanza ampie, si può scegliere una colorazione neutra, come beige, grigio chiaro oppure una tinta più intensa, come il grigio ferro, molto apprezzato dagli interior designer. In questo caso si possono abbinare dei sanitari bianchi, per ottenere un contrasto che comunque non sia troppo forte. L’abbinamento grigio-bianco risulta sempre molto elegante e di solito viene utilizzato anche per il colore del piatto doccia e della cabina.

La scelta dei colori per l’arredamento del bagno richiede una certa cautela, infatti sono in grado di incidere fortemente sul risultato finale. In molte abitazioni la decisione ricade spesso sul bianco, un colore neutro e facile da abbinare, che lascia una discreta libertà nella scelta delle decorazioni e dei complementi d’arredo. Tuttavia bisogna sottolineare una differenza: per arredare un bagno piccolo, o poco luminoso, è consigliabile optare per il bianco o l’azzurro, mentre per arredare un bagno grande, o molto solare, si può osare con dei colori più scuri, come il grigio, il marrone e il blu. Nei bagni piccoli è possibile però giocare con l’arredo, creando contrasti tra il bianco dei rivestimenti e dei sanitari con i toni scuri degli armadietti e delle decorazioni. (Vedi anche: come arredare un bagno in stile country chic)

2. Pareti e pavimenti ideali per arredare il bagno

Una volta trovata l’idea per l’arredo del bagno e definiti i colori principali, il prossimo passo riguarda la scelta dei rivestimenti di pareti e pavimenti. Una soluzione classica, sempre valida, sono le piastrelle in ceramica da bagno, un materiale facile da pulire, resistente e in grado di fornire una decorazione aggiuntiva all’ambiente. Sul mercato esistono molte altre opzioni altrettanto apprezzabili, come il legno, il cemento e la resina. Per scegliere bisogna valutare alcuni fattori come la manutenzione, il costo d’acquisto e d’installazione, l’aspetto estetico e la funzionalità del rivestimento. In genere per un bagno rustico si preferisce il parquet, che richiede maggiori cure ma crea un ambiente caldo e accogliente, mentre per un bagno contemporaneo e minimalista il cemento o la resina.

3. Arredare il bagno: la scelta dei sanitari

Un’idea sempre più utilizzata nell’arredo bagno è quella di servirsi di sanitari sospesi che hanno la duplice funzione di far sembrare più grande l’ambiente (scelta d’elezione in casi di ridotte dimensioni della stanza), e contemporaneamente di imprimervi un senso di leggerezza. Si può optare per linee squadrate oppure tondeggianti, con misure di solito compatte e abbastanza contenute, dall’estetica gradevole. Il grande vantaggio di questi prodotti è anche quello di rendere molto facile la pulizia, in quanto il pavimento risulta completamente libero. Per la loro installazione non richiedono alcun intervento di rottura sul pavimento poiché il lavoro viene eseguito a parete.

  • Esteticamente molto bello appare il lavabo monoblocco: dall’ingombro contenuto e dall’aspetto importante, che, al contrario dei modelli precedenti, appoggia a terra, ha sostituito quello a colonna più tradizionale.
  • Per quanto riguarda i water, i più utilizzati sono a tutt’oggi quelli senza brida, ovvero privi del bordo interno ricurvo per il passaggio dell’acqua. Chiamati “rimless“, rendono più agevole qualsiasi operazione igienica, oltre ad essere gradevoli esteticamente.
  • Anche il box doccia e la cabina doccia hanno la sua importanza (per l’acquisto online dei box doccia date un’occhiata ai modelli su questo sito) e i piatti doccia devono essere antiscivolo, dallo spessore ridotto, antigraffio ed antiurto. Un’assoluta novità è rappresentata dai raggi infrarossi e UV, che conferiscono un maggior benessere sotto al getto d’acqua.

La scelta dei sanitari per arredare il bagno deve essere assolutamente oculata onde evitare errori. I fattori che determinano la scelta dei sanitari sono diversi e dipendono dalle caratteristiche estetiche, dalla reputazione commerciale del brand, dalla funzionalità, dalla praticità d’uso e dall’ergonomia. Una scelta quanto più oculata ed attenta dei sanitari deve tenere conto anche delle caratteristiche strutturali del bagno (spaziosità, spessore dei muri, stile, etc.). Tra i migliori, i sanitari Ideal Standard sono la scelta perfetta per chi ricerca l’accuratezza stilistica, l’ergonomia e la funzionalità.

Scegliere i sanitari: consigli utili

La scelta dei sanitari dovrebbe essere fatta prima che il bagno venga costruito o ristrutturato in modo tale che la ditta che esegue i lavori proceda alla loro installazione senza dover incorrere successivamente in complicazioni. Tuttavia, è possibile procedere con la sostituzione dei sanitari esistenti senza dover ristrutturare tutto il bagno. In questo caso, la scelta dei sanitari dipende dalla disposizione degli scarichi e deve ricadere su una tipologia assimilabile a quella che si va a surrogare. Un primo fattore da considerare, quando si sceglie i sanitari di un bagno, è la tipologia. In commercio si può optare per:

  • sanitari tradizionali a pavimento, il tipo più comunemente usato: lo scarico è a pavimento e la cassetta dell’acqua è murata nella parete. Tra i principali vantaggi, i sanitari tradizionali sono facili da montare e richiedono semplicemente di essere fissati al pavimento senza alcun problema. Tuttavia, oltre al maggiore ingombro, questa tipologia di sanitari comporta difficoltà nella pulizia.
  • sanitari a filo muro: a metà strada tra quelli tradizionali a pavimento e quelli sospesi, questa tipologia di sanitari consentono di guadagnare spazio e di facilitare le operazioni di pulizia senza alcun rischio di danneggiare le tubature.
  • sanitari sospesi, sono una soluzione ancora più smart per chi abbia necessità di arredare il proprio bagno, avendo problemi di spazio. Inoltre, sono ideali per conferire all’ambiente bagno uno stile moderno e assolutamente contemporaneo. Anche le operazioni di pulizia sono assolutamente semplificate.

Scelta sanitari: l’importanza dell’estetica

Oltre alla funzionalità, alla praticità e all’ergonomia, scegliere i sanitari di un bagno richiede la necessità di valutare l’estetica. Da semplici elementi funzionali, non possiamo negare che i sanitari sono divenuti interessanti complementi d’arredo che donano gusto e originalità all’ambiente bagno. Insieme alla doccia, al lavabo ed alle mensole, i sanitari aiutano a definire ad hoc il look del proprio bagno. La forma dei sanitari è una caratteristica estetica rilevante: oltre la “tradizionale” sagoma ovale, tipica dei vasi classici, si può optare anche per altre forme più svariate: tonde, quadrate, rettangolari, etc.

Anche la tipologia del materiale incide sulla scelta dei sanitari: dalla porcellana al vetro, dalle pietre naturali (marmo, travertino, granito, etc.) e alle più moderne materie plastiche (plexiglass). Ultimamente, in linea con le esigenze dei consumatori, i materiali ecosostenibili sono sempre più apprezzati e richiesti. Importante risulta anche essere la scelta di un buon materiale per il piatto doccia, in modo che si eviti il deposito di calcare su di esso. Preferibile scegliere la ceramica o l’acrilico. Ultimo fattore estetico da valutare (non meno importante) concerne il colore: il bianco è l’indiscutibile protagonista, ma sono reperibili anche sanitari di color avorio, grigio, rosso, arancione e nero.

4. Arredare il bagno: gli accessori

Tra le idee per arredare la stanza da bagno, un ruolo di grande importanza è rivestito dagli accessori. A partire dai porta saponette, dalle forme geometriche con bordi arrotondati, con margini sottili che conferiscono un tocco di eleganza particolare. Possono essere bianchi, che spiccano su pareti colorate, oppure con tonalità cromatiche che ben si armonizzino su pareti bianche. I fissaggi sono sempre nascosti.

  • I porta asciugamani, generalmente di metallo, devono presentare un design essenziale, dalle linee rotondeggianti ed armoniose, con ancoraggi a scomparsa mediante sistema a incollo. Per la sicurezza in bagno, è di fondamentale rilevanza la presenza di maniglie per doccia, che devono adattarsi al design dell’ambiente; utilissimi anche gli sgabelli idrorepellenti, con appoggi antiscivolo.
  • La rubinetteria merita un discorso a parte, dato che rappresenta un corredo d’arredamento di grande impatto. Le più moderne tendenze propongono dei prodotti molto lineari che, nella loro estrema semplicità, siano eleganti e funzionali. Bisogna sceglierli in rapporto ai modelli dei sanitari, per garantire una continuità di stile.

Nei bagni moderni non possono mancare mobili dalle varie dimensioni, che possono essere angoliere, scansie aperte oppure chiuse da sportelli, sempre molto lineari. Esteticamente i ripiani conferiscono una macchia di colore, in quanto sostengono asciugamani, biancheria, contenitori di varie dimensioni, con differenti tonalità cromatiche.

Preferibilmente armonizzati con le pareti, i mobili da bagno sono in legno trattato anti umidità ed anti goccia.
Anche la presenza di cesti contenitori, di materiale naturale, conferisce un tocco di classe alla stanza da bagno. (Vedi anche: come arredare un bagno in stile country chic).

Gli accessori, idee e consigli per il bagno

Se i rivestimenti, i sanitari e i colori sono vincolati ad alcune esigenze, come la grandezza, la luminosità e la disposizione dell’ambiente, gli accessori permettono di dare un tocco personale all’arredo del bagno. In commercio si possono trovare oggetti di ogni tipo, tuttavia è fondamentale seguire un’idea precisa, per non rischiare di creare confusione e compromettere il risultato finale. Bisogna prendere spunto da alcuni aspetti della propria personalità, inserendoli nelle decorazioni delle pareti, negli oggetti da posizionare sul lavabo, negli scaffali e nei mobili per il bagno. Gli accessori devono combinarsi con l’arredamento e lo stile del bagno, mostrando il carattere delle persone che utilizzano quello spazio ogni giorno.

5. Arredare il bagno: l’importanza dell’illuminazione

Durante la ristrutturazione del bagno è essenziale considerare la luminosità dell’ambiente, rispettando un perfetto equilibrio tra la luce naturale e quella artificiale. Per arredare un bagno piccolo, ad esempio, la luce solare deve entrare e ampliarsi all’interno, riflettendosi sui rivestimenti e trovando pochi ostacoli sul suo percorso. Perciò ben vangano finestre di grandi dimensioni, vetri e superfici chiare. Al contrario in un bagno grande la luce esterna può essere filtrata e attenuata. Si può realizzare un ambiente più intimo e riservato, creando effetti delicati con dei faretti a scomparsa. Anche i rivestimenti bagno sono di centrale importanza.

Se hai un bagno piccolo?

Molte persone si preoccupano perché devono arredare un bagno piccolo, pensando di essere limitate nelle scelte. Ovviamente con un bagno di grandi dimensioni si ha maggiore libertà, tuttavia anche un ambiente modesto può dare ottimi risultati, basta rispettarne le caratteristiche, giocare con i colori e la luminosità, sfruttando gli aspetti di ogni elemento per ampliare l’illusione della profondità. Ad esempio l’uso di specchi, colori chiari, arredi bassi, superfici riflettenti e decorazioni piatte, consente di amplificare la percezione dello spazio in un bagno piccolo.

Come ristrutturare il bagno?

Prima di ristrutturare il bagno bisogna realizzare un progetto dettagliato, considerando il budget a disposizione, il risultato che si vuole ottenere, le caratteristiche dell’ambiente e lo stile che si vuole adottare. Di norma è consigliabile rivolgersi a un professionista, poiché sarà in grado di gestire tutti questi fattori per arredare un bagno perfetto, valorizzando i pregi e nascondendo i difetti del proprio bagno, senza dimenticarsi della funzionalità che questo ambiente così importante deve sempre garantire.

Arredare il bagno: Idee moderne per i mobili da bagno

L’arredamento del bagno deve seguire sicuramente le idee degli abitanti della casa. Per cui in partenza è bene progettarlo almeno nelle sue linee principali, scegliendo lo stile che piace di più. Le soluzioni più cercate e moderne oggi vedono in prima posizione quella dei mobili sospesi che si ancorano alle pareti e non toccano quindi il pavimento, lasciando migliori opportunità per la pulizia del pavimento. Inoltre, questa tipologia di mobili risulta molto accattivante come estetica e garantisce anche un’ottimizzazione degli spazi sia interni che esterni.

Un’altra soluzione che sta avendo molto successo in questi ultimi anni è rappresentata dai ripiani in pietra naturale che ancora oggi hanno un fascino che non tramonta mai. Per quanto riguarda invece le soluzioni che si possono scegliere per i lavabi le tipologie disponibili sono molteplici e si abbinano molto bene ad uno stile moderno di arredamento del bagno. Secondo i gusti quindi si può puntare su un lavabo da appoggio, ma anche su uno da incasso. Con il primo che dà certamente un tocco in più di originalità a tutto l’arredamento.

Molta attenzione deve essere riservata anche agli accessori. Questi possono far parte dell’arredamento, tenendo in considerazione gli spazi disponibili, in modo da non appesantire troppo l’arredamento. Tra questi, mensole e ripiani, sia in legno che in metallo ed anche in vetro, portasciugamani e mobili contenitori.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.