verde-tonalità

Tonalità di verde

Quando pensiamo alle tonalità di verde esistenti subito ci vengono in mente il quadrifoglio, la menta, l’erba bagnata di un prato in primavera, ma anche gli smeraldi, il veleno e gli occhi di felini come tigri e gatti. La nostra mente associa il verde immediatamente alla natura e alla vita rigogliosa e florida. In realtà questo colore viene spesso associato anche a sentimenti, positivi come la speranza e negativi come l’invidia.

Il verde è il colore della freschezza, della vitalità e di tutto ciò che è legato alle tematiche green e dell’ecosostenibilità. Se vuoi rendere il tuo soggiorno una moderna oasi di benessere o dare un nuovo look alla camera da letto, questo colore è perfetto per te. Di seguito trovi consigli sulle diverse tonalità di verde e come abbinarle nell’interior design per creare un ambiente fresco e luminoso.

Il colore verde simboleggia la perseveranza, l’armonia e la speranza. È associato al cuore e ai sentimenti nobili del quarto Chakra. Le persone con una personalità forte, caratterizzata da autocontrollo e desiderio di imporsi sugli altri, amano questo colore nell’arredamento e nell’abbigliamento. Chi preferisce il verde è ambizioso, insicuro, conservatore e abitudinario, poco disposto ad accettare cambiamenti e novità.

Chi non ama il verde è una persona frustrata, perennemente insoddisfatta, che non riesce a sopportare la pressione delle aspettative autoimposte. Il verde è ottimo per dipingere le pareti della zona notte e dell’ambiente di studio in cromoterapia, poiché favorisce la pace e il rilassamento.

Tonalità di verde: quali sono

Il verde è il colore della perseveranza, dell’armonia e della speranza. Viene solitamente associato al quarto Chakra, quello del cuore e dei nobili sentimenti. Amare questa nuance nell’arredo come nell’abbigliamento è tipico di chi ha una personalità forte, caratterizzata da autocontrollo e voglia di imporsi sugli altri. Chi predilige il verde è ambizioso, insicuro, conservato ed abitudinario, poco incline ad accettare i cambiamenti e le novità.

Chi detesta il verde al contrario è una persona frustrata, perennemente insoddisfatta e che non regge la pressione delle aspettative autoimposte. Nel campo della cromoterapia è una tinta che favorisce la pace e la serenità, la calma e il benessere. Ecco perché è ideale per tinteggiare le pareti della zona notte, ma anche dell’ambiente studio, avendo un forte potere rilassante.

Il verde ha un significato diverso a seconda della cultura. In Cina è simbolo del marito tradito, in India dell’armonia e in Giappone della giovinezza e della vita eterna. Nell’Islam simboleggia il Paradiso e nell’antico Egitto di rigenerazione (non a caso il dio Osiride era chiamato il “Grande Verde”).

Nel mondo occidentale il verde è un colore ambivalente poiché è costantemente associato ai soldi, all’abbondanza, alla fortuna (tavolo verde), al relax, alla natura, ma anche al permesso (semaforo verde), alla speranza, agli acidi e alla stranezza (i marziani). Senza dimenticare poi i seducenti occhi verdi (solo il 2% della popolazione li possiede) che sono il colore più raro al mondo.

Non esiste una sola sfumatura di verde, ma tante diverse tonalità di verde e a seconda della sfumatura scelta, è possibile giocare con gli abbinamenti e dare un tocco di personalità a qualsiasi ambiente della casa. Dal verde salvia a quello pastello, dal colore menta a un brillante color mela, dal verde lime al verde oliva, quante sfumature di verde conoscete? Scopriamole insieme: 

  • verde menta:

una gradazione di verde fresca e allegra, perfetta per chi non vuole osare con tonalità accese e ha un arredo in stile shabby e vuole spezzare la monotonia dei colori tenui panna e bianco; Interessante anche l’idea di arredare casa con i pouf, anche in verde. 

  • verde petrolio:

affascinante e chic, questa sfumatura di verde è elegante e raffinata. Molto amata nell’abbigliamento, non delude nemmeno nell’arredo. A metà strada tra il verde e il blu, questa tonalità incanta e seduce al primo sguardo. Può dare il meglio di sé sulle pareti della zona notte, essendo un colore rilassante e calmante, ma anche nella stanza da bagno. 

  • verde salvia:

una sfumatura di verde molto grigiastra e un po “terrosa”. Prende il suo nome dall’omonima pianta di cui ricorda il colore ed è perfetto per tinteggiare le pareti del soggiorno abbinato a un arredo in legno, ma anche in cucina con complementi d’arredo rosa cipria, cappuccino e azzurro cielo. 

  • verde oliva:

una tonalità di verde meno fresca e brillante, ma più scura e tendente al giallastro. Noto a partire dal tardo Medioevo, questo colore è molto apprezzato nel campo dell’interior design in abbinamento al sabbia, al beige e al marrone, oltre al bianco ovviamente. 

  • verde militare:

da non confondere con il verde cacciatore che è completamente diverso, questo colore è spesso usato dai militari ed è una sfumatura di verde tendente al giallastro. Esprime rigore e austerità.

  • verde acqua:

un colore che fa venire voglia d’estate, di mare e di tuffarsi in acque cristalline tropicali. Perfetto in abbinamento al panna e al bianco, ma anche con grigio e sfumature di blu.

  • verde erba:

come dice il nome è il colore dell’erba fresca brillante di un prato nel fulgore della primavera soleggiata.

  • verde smeraldo:

verde luminoso e brillante, intenso e misterioso. Raffinato e sofisticato, è perfetto da indossare nelle sere d’estate, ma anche per arredare la zona living. Fu eletto colore dell’anno 2013 da Pantone. 

  • verde lime:

un colore effervescente e dinamico a metà strada tra verde e chartreuse. Il nome lime compare solo nel 1905.

  • verde palude:

tonalità di verde spenta e opaca, che ricorda i fondali delle paludi fangose. 

Oltre a quelli sopra citati, esistono altre tonalità di verde come: il verde cacciatore, il verde primavera, il verde muschio, il verde giada, il verde persiano, il verde pino, il verde mirto, il verde Celadon e il verde chiaro.

Tonalità di verde: codici Pantone e RGB

Il verde è il colore della natura e del mondo che ci circonda. Usarlo nell’arredo non è semplice come si crede, poiché esistono infinite tonalità differenti di verde che esprimono sensazioni diverse nell’osservatore e richiedono abbinamenti diversi per valorizzare al meglio l’ambiente domestico. Per non sbagliare il tipo di verde e dover correre ai ripari dopo aver tinteggiato, è necessario conoscere il codice di riferimento Pantone:

  • Ultramarine Green PANTONE 18-5338
  • Island Green PANTONE 16-6240
  • Grass Green PANTONE 15-6437
  • Greenery PANTONE 15-0343
  • Pistachio Green PANTONE 13-0221
  • Emerald PANTONE 17-5641
  • Lime Punch PANTONE 13-0550
  • Biscay Green PANTONE 15-5718
  • Beach Grass PANTONE 13-5412
  • Kale PANTONE 18-0107
  • Green Olive PANTONE 17-0535
  • Foliage PANTONE 16-0237
  • Treetop PANTONE 18-0135
  • Greenbriar PANTONE 16-6127
  • Lush Meadow PANTONE 18-5845

Ci sono anche i codici di riferimento RGB per riconoscere le diverse gradazioni di verde. Il verde puro ad esempio ha come codice RGB (0, 255, 0). 

Tonalità di verde pareti

Il verde e le sue infinite gradazioni sono molto amate per tinteggiare le pareti di casa. Le sfumature più chiare come il verde salvia, il verde pallido e il verde malva sono ideali per le pareti del soggiorno, in abbinamento ad arredo bianco o panna, o in legno chiaro. Il verde smeraldo è una tonalità forte e sofisticata, perfetta nella zona notte in abbinamento a colori saturi come caffè, blu notte o grigio antracite.

Per un soggiorno in stile etnico anche sfumature come lime o verde acido possono dare quel tocco di personalità in più all’ambiente. Il verde acqua e il verde menta meglio riservarli alle pareti della camera da bagno, abbinandoli al bianco, al grigio perla o al petrolio e all’ottanio. 

Tonalità di verde arredamento

In un ambiente shabby chic il verde nelle sue sfumature più tenui e chiare si addice bello per l’arredo in abbinamento a panna, crema, sabbia o rosa pallido e giallo paglierino. Mobili in tonalità scure di verde sono fortemente sconsigliati.

Al contrario singoli elementi di design come pouff, divano, abat-jour, lampadario, tende in toni forti e accesi come lime o petrolio sono perfetti per un ambiente in stile contemporaneo in abbinamento a tinte altrettanto strong come giallo limone, arancione, fucsia e rosso (in questo caso la parola d’ordine è una sola: osare e stupire). Infine in una cucina stile country il verde oliva o magari il verde pallido si addice bene per il mobilio. 

           

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.