Colore turchese

Colore Turchese

Come si ottiene il colore turchese e qual è il suo significato? Amatissimo soprattutto nella stagione estiva, il turchese è un colore che deve il suo nome all’omonima gemma e non è altro che una gradazione di ciano tendente al verde. La caratteristica fondamentale di questo colore è che è in grado di infondere ottimismo e aumentare l’autostima di chi lo indossa o lo sceglie per la propria casa.

È il colore di chi ama agire libero da condizionamenti e pensare liberamente. In ambito lavorativo è il colore adatto per chi desidera esprimere con chiarezza i propri pensieri e sentimenti.

È risaputo che ogni colore ha un effetto diverso sul nostro stato psicofisico (il rosso eccita, il blu rilassa, il rosa trasmette dolcezza…). Grazie alla cromoterapia possiamo scegliere quali sono i colori più adatti a noi da indossare o da usare negli ambienti in cui viviamo e lavoriamo o addirittura da adoperare per scopi terapeutici. In generale si tratta di una nuance riflessiva.

È l’emblema della lealtà e trasmette un senso di calma. Per questo motivo è particolarmente indicato per gli ambienti in cui si cerca relax. Con questa nuance si possono tinteggiare le stanze a sud. Inoltre, chi ama questo colore è in armonia con l’ambiente e ha un’innata capacità di riflessione.

Le persone che amano il colore turchese sono calme e sicure di sé, equilibrate, consapevoli delle proprie capacità, abili e speranzose, con una dimensione infantile e giovanile. È il colore della creatività e della comunicazione. Allo stesso modo, possiamo abbinarlo anche con colore corallo, derivato dal fucsia e dall’arancione, simbolo di vitalità e ottimismo.

Parete color turchese

Colore turchese: significato

Il turchese come il blu è un colore freddo, yin, ed è associato al quinto chakra, il chakra della gola.  Il turchese è il colore dell’inconscio, degli abissi, delle acque caraibiche che tutti sogniamo. Alcuni lo definiscono un colore magico ed Atlantideo. È il colore della creatività e della comunicazione. È spesso associato al delfino perché come lui simboleggia la libertà, l’oceano, l’acqua e il luogo dove è nata la vita.

[md_boxinfo title="Curiosità"]Il turchese aiuta anche le persone timide a relazionarsi e a parlare in pubblico, nonché esprimere i loro sentimenti. Questo colore ha un potere calmante, allevia la tensione, diminuisce l’ansia, rende tolleranti e generosi. Riduce gli stati di spossatezza intellettuali dovuti allo stress e placa il nervosismo mentale.[/md_boxinfo]

Il turchese è anche il colore della spontaneità e della fantasia. Chi preferisce il colore turchese è una persona calma e sicura di sé, comunicativa, equilibrata, consapevole delle proprie abilità, abile ed ottimista ma con un lato infantile e immaturo. Indossare il turchese è consigliato nei seguenti casi:

  • Agitazione
  • Durante le terapie depurative
  • Infiammazioni e debolezza del sistema immunitario
  • Stati post-febbrili
  • Iperattività mentale
  • Timidezza
  • Intolleranza a persone e situazioni
  • Problemi del sistema endocrino
  • Ustioni (stimola la rigenerazione delle cellule epidermiche)

Piastrelle color turchese

Colore Turchese Pantone

Come identificare il colore turchese e sceglierlo nella giusta tonalità, proprio quella adatta alle nostre esigenze? Uno dei metodi è sicuramente quello di far riferimento alla nota azienda statunitense che dal 1962 si occupa della catalogazione dei colori: Pantone. Il colore turchese è identificato da Pantone con il codice 3125 C. Gli altri riferimenti numeri a cui si può far riferimento sono:

  • RGB 0 174 199
  • HEX/HTML 00AEC7
  • CMYK 89 0 19 0

Colore turchese: abbinamenti

Per molti il turchese è un colore difficile da abbinare. Benché sia un colore acceso e vibrante, può essere declinato in tante variazioni cromatiche e quindi non è difficile da portare. Per indossarlo è importante essere abbronzati, poiché si fonde meglio con il colore del vostro incarnato. Sta bene sia a chi ha un sottotono freddo che a chi ha un sottotono caldo.

Per quanto riguarda l’abbinamento colori, il turchese si sposa benissimo con il grigio e l’antracite: il risultato sarà senza dubbio elegante e raffinato. L’abbinamento sicuramente più gettonato è quello con il bianco per un risultato luminoso e vitale.

Per i più coraggiosi e temerari c’è l’abbinamento turchese e giallo, un accostamento particolare, d’impatto e che non stride. È importante ricordare che il turchese non è solo un colore estivo, ma adatto anche alla stagione invernale dove l’abbinamento vincente è con il jeans e il nero. Per chi ama lo stile romantico e i colori della terra, può optare per il beige o l’avorio abbinato al turchese.

Questo colore, inoltre, è anche uno dei colori più utilizzati durante il Natale per addobbi e decorazioni.

Colore turchese per pareti

Tinta delicata e soft, il turchese è usato per tinteggiare le pareti di casa da chi ama lo stile shabby o lo stile marinar, ma adatta anche a chi preferisce lo stile nordico. Si tratta di un colore che deve essere considerato come base ai contrasti che poi si andranno a creare con mobili e complementi d’arredo.

Questo perché il turchese, pur essendo un colore versatile, è talvolta anche molto acceso. Indicato nella zona notte ma limitatamente a una parete (quella della testiera del letto), il turchese favorisce il riposo e il relax.

Perfetto anche l’abbinamento con biancheria turchese molto piacevole alla vista. Anche nella cameretta il turchese è un ottimo compresso tra vivacità e relax. Ideale per la parete retrostante il letto magari abbinandola a biancheria di sfumature più chiare o bianca. Nella zona living il turchese è una scelta chic se abbinato al dorato o al bianco o magari all’argento. Nel bagno la bellezza del turchese si esprime appieno nei mosaici di piastrelle.

Colore turchese: come si ottiene?

Il colore turchese nasce dalla mescolanza di azzurro e verde e quindi combina l’effetto rilassante del primo all’azione depurativa del secondo. In realtà questo colore è associato all’omonima pietra, considerata per molti come talismano o oggetto sacro. Già utilizzata dagli antichi Egizi 5000 anni fa come amuleto sacro, il turchese è una pietra difficile da reperire ma di cui si trovano numerose imitazioni sul mercato.

Il suo colore è inconfondibile e la sua provenienza è nota (Australia, Iran e Afganistan). Per gli Egizi il turchese aveva il compito di accompagnare il defunto nell’aldilà, per gli Indiani era una pietra ornamentale per le tombe e le case e simbolo dello spirito del mare incarnato.

I colori che tendono al blu trasmettono un senso di calma, frescura, armonia e tranquillità. Sono ideali per il riposo e la meditazione. Si tratta di tonalità che favoriscono la riflessione e l’introversione e non sono adatte a persone, come i pazienti di cliniche ed ospedali, che si trovano già in condizioni psicologiche svantaggiate. Anche il turchese va utilizzato su superfici ridotte e concorre al raggiungimento di uno stato psico-fisico di calma.

Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.