Rosso Tiziano

Rosso Tiziano: significato, storia e quadri, arredamento e pareti

Il colore rosso Tiziano è uno dei belli ed apprezzati da sempre nella palette dei rossi: il suo significato psicologico nonché la sua storia sono estremamente affascinanti e meritano di essere raccontati. Ricordate la sensuale “Venere di Urbino” o la sofisticata “Donna allo specchio” dipinte dal pittore Tiziano Vecellio?

Bene, ora soffermate la vostra attenzione sulla particolare tonalità di rosso utilizzata nelle opere. Noterete un rosso caldo e sensuale, seducente e coinvolgente, succoso e squillante, in altre parole un rosso unico nel suo genere. Ecco presentato il rosso Tiziano che prende il nome proprio dal grande artista rinascimentale che l’ha inventato ed usato nei suoi capolavori artistici. Siete curiosi di saperne di più? Non vi resta che continuare la lettura. 

Venere di Urbino – Tiziano Vecellio

Significato del Rosso Tiziano

Spesso sottovalutiamo il potere dei colori di agire sulla psiche umana. La nostra attenzione oggi si focalizza sul rosso Tiziano, una tinta capace di dare all’osservatore forti emozioni e sensazioni di profondo coinvolgimento fisico. Essendo una tonalità che appartiene alla palette dei rossi, questa tinta è associata al primo Chakra e simboleggia la forza, il potere, il sangue, la seduzione e la passione. Questo colore particolare ha il potere di stimolare la nostra mente e il nostro corpo (sapevate che accelera i battiti del cuore e influenza la pressione sanguigna?).

Il rosso Tiziano è da sempre associato alla sensualità, ma non ad una sensualità invadente né eccessiva, bensì una sensualità innocente e raffinata, quasi timida oseremmo dire. Sicuramente è una tonalità che seduce e richiama immediatamente l’attenzione: immaginate una bella donna vestita di un abito aderente elegante in nero e dai capelli color rosso Tiziano? 

Chi ama questo colore ha una personalità forte e determinata, è estroverso ed è perennemente in competizione con il prossimo (ma anche con se stesso), ha brama di potere, voglia di vincere e di apparire. Ama essere sempre al centro dell’attenzione, ma al contempo è presuntuoso, inquieto e irascibile. Chi odia il rosso Tiziano, invece, è una persona introversa, che non ama apparire ed è timida. 

Nella cromoterapia il colore rosso Tiziano stimola il sistema nervoso centrale, viene usato per curare malattie da raffreddamento, tosse, asma e mal di gola, facilita l’eliminazione delle tossine e stimola l’appetito. 

Capelli rosso tiziano

E i capelli color rosso Tiziano? Nel linguaggio comune con il termine isabellismo (o rutilismo) si indicano le persone aventi i capelli rossi naturali (circa l’1% della popolazione mondiale, concentrata in Irlanda, Inghilterra e Australia). Da sempre si è soliti associare i capelli color rosso (anche nella sfumatura Tiziano) ad un temperamento aggressivo e feroce. In realtà in epoca elisabettiana la concezione cambia profondamente.

La stessa regina Elisabetta I era famosa per la sua favolosa capigliatura rossa. In epoca rinascimentale le donne dai capelli di questa nuance animano i quadri di Tiziano e diventano per le dame dell’epoca sinonimo di fascino magnetico ed eleganza. Tante sono oggi le donne anche sul grande schermo che esibiscono con fierezza la loro chioma color rosso Tiziano considerando questa nuance la più espressione in termini di seduzione e fascino. 

Rosso Tiziano: storia e quadri

Prima ancora di essere in voga oggi, il rosso Tiziano era già un trend secoli fa. In piena epoca rinascimentale infatti le dame, innamorate del rosso usato dai dipinti di Vecellio, si decoloravano i capelli per raggiungere l’effimera bellezza elegante e sofisticata delle donne presenti nelle sue opere, quelle fanciulle dalla pelle color latte e dai capelli lunghi e fluenti color biondo ramato.

Il rosso Tiziano può essere descritto come una tonalità avvolgente e sensuale, un rosso arancio molto caldo e dorato che conferisce alle opere dell’artista che l’ha inventato un’atmosfera seducente e raffinata. Questo pittore veneto di Pieve di Cadore aveva una forte passione per i colori e li usava nei suoi quadri come strumento per esprimere concetti diversi: la sensualità, il potere, la raffinatezza

Il rosso Tiziano invade i quadri dell’artista con grande energia e inconfondibile charme. Nel dipinto “Amor sacro e amor profano” il rosso della manica e della pantofola della donna vestita e il rosso del mantello della donna nuda rappresentano la passione carnale, quella proibita, l’eros selvaggio e incontrollabile. Invece il rosso del quadro “Paolo III e i nipoti Alessandro e Ottavio Farnese” simboleggia il potere, l’ambizione profona e terrena che regna sovrana nella Chiesa di Dio e lo fa in maniera così convincente, che come racconta il Vasari, i passanti si inchinavano al cospetto di questa tela per rendere omaggio al Pontefice.

Come non citare poi la “Venere di Urbino” di Vecellio, uno dei dipinti più sensuali del Cinquecento e dell’intera storia dell’arte. La donna ignuda rappresentata è la stessa modella ignota usata da Tiziano per l’opera “Fanciulla in pelliccia“. A colpire oltre lo sguardo ammaliante e sfrontato rivolto all’osservatore, è la sua chioma sensuale e indomabile di un colore rossiccio tendente al biondo. Tanti sono i simbolismi celati sapientemente dall’artista all’interno della sua opera:

  • il cane che eleva la donna nuda a moglie fedele,
  • il lenzuolo disordinato simbolo di un rapporto appena consumato,
  • l’anello al mignolo simbolo di purezza,
  • il mazzolino di fiori simbolo della bellezza effimera della fanciulla. 

Arredamento rosso Tiziano

Nel soggiorno si può usare appassionatamente il colore rosso Tiziano per ravvivare l’ambiente purché sia nei limiti senza eccedere. Un bel divano di questa nuance in abbinamento a sedie, lampade e complementi d’arredo è ciò che serve per rendere la zona giorno vivace e interessante per gli ospiti. 

La cucina in rosso può piacere o non piacere, ma sicuramente è una scelta ardita che renderà la stanza unica e molto originale come la personalità degli abitanti della casa. In questo caso consigliamo di usare per le pareti un colore bianco sporco o panna. Ma anche di valutare prima se la stanza sia abbastanza ampia e luminosa (in caso di cucine piccole e anguste sconsigliamo il rosso Tiziano per l’arredo).

Pareti rosso Tiziano 

Il rosso Tiziano è un colore molto forte ed intraprendente da usare sulle pareti di casa. Essendo una tonalità calda la sconsigliamo vivamente di usare per la zona notte e in particolare per la camera da letto poiché non favorisce il sonno né il relax, ma al contrario stimola i sensi, suscita intense passioni ed aumenta i battiti cardiaci. Questa nuance è perfetta invece, vista la sua carica di energia e forza, per tinteggiare le pareti della zona giorno. Se si teme che alla lunga possa stancare la vista ed annoiare, meglio relegare questa tonalità ad una singola parete, come quella dietro al divano nella zona living. 

Anche in bagno si può osare con la creatività e destinare una singola parete al color rosso Tiziano in abbinamento a toni neutri come beige e sabbia e tappeti ad effetto ottico. 

Se si vuole usare questa nuance strong ma senza osare si può optare per i complementi d’arredo o singoli dettagli all’interno dell’ambiente come divano, tende, quadri o lampade. 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.